Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Stefan Lindner, Lindner Fruchtimport Frankfurt, sulla fornitura spagnola di agrumi

"Buona disponibilità di limoni e clementine, scarsa fornitura di arance grandi"

La campagna spagnola degli agrumi si avvicina lentamente, ma inesorabilmente, al suo picco. "I limoni spagnoli della varietà commerciale Primofiore sono attualmente disponibili in tutti i calibri e hanno una buona qualità. Per le clementine, il passaggio alla varietà Clemenules è avvenuto tre settimane fa. Da allora, abbiamo registrato una disponibilità sufficiente di tutti i calibri", afferma Stefan Lindner, grossista di frutta al Frischezentrum di Francoforte e fornitore esclusivo del marchio di qualità DIANA.

Diversamente da limoni e clementine, nel segmento delle arance si osservano alcune carenze, continua Lindner. "Nel caso della principale varietà della stagione, la Navelina, la disponibilità è molto limitata, soprattutto nei calibri 1 e 2, cioè i frutti grandi. Dal calibro 3 in su, invece, i frutti sono disponibili in quantità sufficienti".

Origini e buccia commestibile
In questa stagione, la Lindner è focalizzata sul suo marchio DIANA. L'origine di questo marchio risale a ottant'anni fa, quando un fornitore spagnolo era alla ricerca di nuove opportunità d’esportazione per le sue arance e un corrispondente marchio per il mercato tedesco. "Già allora, la particolarità era che queste arance non venivano trattate chimicamente".

Il produttore ha dato il nome al marchio in onore del suo cane da pastore, Diana. "Pertanto, molte persone anziane fanno riferimento ancora alle arance DIANA come a quelle con il cane", afferma Lindner.

Con la collaborazione del partner di distribuzione esclusivo Soravia, DIANA è diventato un marchio di arance riconosciuto nel sud nella Germania. "Quando, più di dieci anni fa, abbiamo rilevato la Soravia, anch’essa con sede a Francoforte, abbiamo quindi acquisito i diritti di distribuzione del marchio DIANA nella regione del Reno-Meno, e poco tempo dopo anche i diritti di marchio in Europa", ricorda Lindner.



Nonostante l’alta riconoscibilità, negli anni precedenti l'acquisizione, il marchio aveva perso quote di mercato, continua Lindner. "Dopo aver rilevato la licenza del marchio, abbiamo volutamente riportato al centro dell'attenzione la qualità - e non solo in termini di gusto e aspetto. Le arance a marchio DIANA, del resto, non necessitano di fungicidi o conservanti sulla buccia e quindi bisogna fare particolare attenzione nell'approvvigionamento dei prodotti dalle piantagioni. Questo però alla fine diventa un importante punto di forza che contraddistingue il marchio DIANA: la buccia delle arance è commestibile".

Ciò vale anche per i limoni e le clementine che sono stati aggiunti al portafoglio negli anni successivi all’operazione di rilancio del marchio. Lindner afferma: "Successivamente sono state aggiunte le angurie con pochi semi della varietà Royal Honey, così come i pomodori. Ci concentriamo ovviamente sui prodotti spagnoli. Gli agrumi, molto avanti in termini di volume, ora vengono distribuiti a livello nazionale. Le angurie e i pomodori, invece, li forniamo prevalentemente al mercato locale".

Negli ultimi decenni, le arance spagnole tendono ad arrivare prima sul mercato tedesco. "Tuttavia, la nostra stagione DIANA dura da fine novembre a maggio. Iniziamo volutamente la stagione un po' più tardi in modo da poter fornire prodotti con un contenuto zuccherino ottimale. Abbiamo ancora i classici picchi di vendita del periodo prenatalizio, a novembre e dicembre. Le clementine sono generalmente di stagione tra ottobre e marzo/aprile, mentre i limoni DIANA ora possono essere commercializzati tutto l'anno".

La campagna agrumicola dell'anno scorso nel complesso è stata abbastanza soddisfacente per i prodotti a marchio DIANA, così come la stagione di vendita, conclude Lindner. "A causa degli continui aumenti dei costi, ci sono state alcune quotazioni molto elevate. Tuttavia, questo livello di prezzo elevato non ha avuto un impatto negativo sui volumi movimentati".

Potenziale di crescita nel segmento degli agrumi
Attraverso i tradizionali mercati all'ingrosso della Germania, il marchio DIANA si è fatto strada nel commercio al dettaglio specializzato e nei mercati alimentari gestiti da privati. Questo segmento di mercato si è affermato in passato come vetrina per nuove varietà di frutta e verdura, compresa la categoria degli agrumi. "Ora le clementine Orri vengono coltivate solo in Israele, ma anche in Spagna. Anche l'arancia Cara Cara si è affermata negli ultimi anni. Intravedo un potenziale per queste varietà di agrumi relativamente 'nuove', soprattutto nel commercio delle specialità, il classico mercato di riferimento del marchio DIANA".

In qualità di distributore esclusivo, l'azienda Lindner non vuole fornire merce scadente, ma frutta ben assortita e di alta qualità. "Si tratta di una differenza importantissima che si riflette anche nella presentazione. Le nostre arance, ad esempio, sono confezionate singolarmente, fornendo un'ulteriore protezione del prodotto".

La direzione aziendale della Lindner con Stefan Lindner (a sinistra).

Di conseguenza, il marchio si colloca in un segmento più costoso, continua Lindner. "Tuttavia, la domanda rimane elevata e stabile, soprattutto perché si tratta anche di un marchio riconosciuto. Ma il continuo aumento dell'inflazione pone un'ulteriore sfida che dovremo affrontare nella nuova stagione. Mi chiedo però se i prodotti premium risentiranno davvero di questa crisi come si aspettano in tanti. Io sono convinto che coloro che acquistavano frutta premium come quella a marchio DIANA prima dell'inflazione, come sempre continueranno a farlo anche quest'anno. Tuttavia, noi, e quindi i nostri acquirenti, non possiamo escludere la possibilità che anche nel nostro segmento si verifichino degli aumenti di prezzo".

Lindner intravede delle opportunità per espandere ulteriormente la posizione del marchio DIANA sul mercato tedesco. "Abbiamo trovato una buona nicchia, soprattutto nel sud della Germania. Vorremmo avere una maggiore presenza, ma ci rendiamo anche conto che stiamo andando abbastanza bene, considerata l'attuale domanda e il volume delle vendite. Per noi è anche estremamente importante offrire la qualità migliore, piuttosto che aumentare la quantità rispetto al prezzo. Questa è e continuerà ad essere la nostra ambizione".

Per maggiori informazioni: Stefan Lindner
Lindner GmbH
Fruchtimport und Handelsgesellschaft
Josef-Eicher-Str. 10
60437 Francoforte - Germania
Tel: +49 069-401008-0
Fax: +49 069-401008-25
Email: mail@lindnerfood.de 
Web: www.lindnerfood.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto