Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La stagione agrumicola israeliana 2022/23 sarà impegnativa

Il raccolto di agrumi 2022/23, attualmente in corso in Israele, dovrebbe essere inferiore perché anche i problemi logistici stanno complicando le attività e contribuiranno a un nuovo "anno difficile".

Yonatan Meron, direttore alle esportazioni della Granot Fresh, ha dichiarato: "Anche se abbiamo avuto una leggera riduzione dei costi logistici, le tariffe di spedizione dei reefer non sono diminuite abbastanza. Il peso degli agrumi nei container è basso e questo va ad aggiungersi ai problemi. Ogni centesimo sul trasporto marittimo è importante. Gli agrumi sono una commodity, non è un prodotto con un prezzo alto. Potrebbe essere un'altra stagione molto difficile per i nostri coltivatori".

Dopo le prime due settimane della stagione agrumicola israeliana, un quadro più chiaro di ciò che sta accadendo sui mercati chiave indica una domanda ridotta in mercati precedentemente affidabili, come Cina e Giappone.

"Stiamo terminando con la nostra varietà Sweetie. Fortunatamente abbiamo finito di raccogliere e imballare poco prima che iniziassero le piogge. È meglio raccogliere prima delle piogge. I nostri mercati principali in passato erano l'Estremo Oriente e il Giappone. Abbiamo avuto annate buone, con una crescente domanda dalla Cina. Ma questa si è ridotta sempre di più, con la Cina che non ne ritira quasi più nulla, mentre anche il Giappone sta riducendo il volume. Puntiamo quindi molto sull’esportazione verso la Russia e il Nord America, mercati che negli ultimi anni sono cresciuti e sono stati una buona soluzione per noi".

"Tuttavia, i problemi logistici continuano a essere un enorme peso per noi. Attualmente il trasporto in Russia è un problema e, dallo scorso febbraio, molto più costoso. Non solo, tutte le procedure d’esportazione verso la Russia sono più complicate e impegnative. Sebbene i prezzi sul mercato russo siano buoni, i costi aggiuntivi portano ai nostri coltivatori profitti decisamente inferiori rispetto agli anni precedenti. A parte questo, vendiamo quantità limitate nell'Europa orientale, ma non è un grande mercato per i Sweeties. Negli ultimi anni Israele ha esportato 13.000 tonnellate di Sweeties l'anno. Quest'anno abbiamo avuto più raccolti, ma alcuni coltivatori sono passati direttamente all'industria dei succhi, quindi non so ancora come andranno a sommarsi i numeri", ha affermato Meron.

I coltivatori di pompelmi rossi stimano una resa inferiore del 20% rispetto alla scorsa stagione, secondo Meron. L'esportazione totale di Sunrise da Israele nella stagione 2021/22 è stata di 43.000 tonnellate. Per quanto riguarda la varietà di mandarini Mineola, Meron ha detto che si prevedono bassi volumi esportati da Israele, il che è normale perché "non è un grande prodotto", considerato che nella scorsa stagione sono state spedite poco più di 3.000 tonnellate.

Meron riflette sulle sfide della stagione agrumicola dello scorso anno in Israele e la differenza con l'inizio dell'attuale stagione 2022/23. "La varietà Sunrise ha avuto una stagione molto difficile l'anno scorso. I costi del trasporto marittimo per l'Europa sono stati più alti rispetto agli anni precedenti, e il mercato in generale è stato complicato. Per noi è particolarmente difficile competere con i prezzi più bassi di altre origini. In Cina, a parte gli alti costi di trasporto, abbiamo avuto lunghi tempi di transito e ritardi nelle spedizioni verso quel mercato. Ci sono stati problemi durante la pandemia, con la frutta bloccata e conservata molto più a lungo sui mercati. Questo inizio di stagione è molto più incoraggiante, con prezzi elevati in Europa. Chiunque abbia caricato la frutta, avrà potuto beneficiare di prezzi alti e molto buoni. I profitti sono stati accettabili e, in questa stagione, ci aspettiamo un mercato decisamente migliore in Cina".

Per il mandarino Orri, che è il prodotto di punta dell'industria agrumicola israeliana, nella stagione 2021/22 sono state esportate 72.000 ton. "La stima per la prossima è un po' più alta. Manca un mese alla stagione degli Orri. Aspettiamo di vedere come andrà. La scorsa campagna è stata un disastro, dopo due buone stagioni. Invieremo la varietà Orri soprattutto in Francia. Esportiamo anche in Canada e negli Stati Uniti, dei buoni mercati per i nostri calibri piccoli o grandi. Non vediamo l'ora che la situazione del mercato migliori, e in realtà ora sembra già migliore. Ci sono meno mandarini di altre origini sui mercati", ha detto speranzoso Meron.

Per maggiori informazioni:
Yonatan Meron
Granot Fresh
+972 52 6808805  
yonatanm@granotfresh.com   
www.granotfresh.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto