Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Previsti volumi più bassi per gli agrumi marocchini

Una combinazione di diversi fattori sta determinando una stagione difficile per gli agrumi marocchini. Mouad Hfa, responsabile della produzione per il produttore ed esportatore marocchino Pro Prim, situato nelle regioni di Souss e Chichawa, ha previsto un calo dei volumi del 30-40% rispetto alla stagione precedente.

Mouad spiega: "Questo calo è dovuto innanzitutto al ciclo stagionale. L'anno scorso lo sfruttamento è stato intensivo e quindi la resa degli alberi da frutto è diminuita. Riduciamo il numero di frutti per albero per mantenere un buon calibro, una raccolta più veloce e per consentire all'albero un periodo di riposo".

Un'altra ragione della diminuzione del volume è l'aumento dei costi dei fattori produttivi. "Il costo dei fertilizzanti è triplicato quest'anno. Conosco agricoltori che hanno dovuto abbandonare parte dei loro programmi perché non più redditizi".

Il caso della varietà Nadorcott è particolarmente evidente. Il produttore prevede un calo dei volumi del 30-40%. "Alcuni produttori hanno registrato un calo fino al 60%, ma abbiamo fatto molti sforzi e tecniche per contenere l'effetto della siccità. Il volume è sicuramente diminuito, ma manterremo una buona qualità". Ciò si tradurrà in un aumento dei prezzi delle clementine, che saranno riservate al miglior offerente. Probabilmente i clienti americani, secondo Mouad.

La sfida più grande che i coltivatori devono affrontare è la situazione climatica. "Un forte chergui (un vento caldo e secco in Marocco) si è abbattuto durante il periodo della fioritura e ha danneggiato una parte significativa del raccolto - continua Mouad - Lo stress idrico è diventato un problema che nessuno può negare o evitare. Stiamo scavando a 300 metri di profondità per trovare l'acqua. Naturalmente, ci sono regioni più colpite di altre".

Per quanto riguarda il mercato, l'esportatore fa affari con la Russia, il Canada, i Paesi europei e, recentemente, con il Medio Oriente. Mouad spiega che Pro Prim sta progettando di puntare all'Estremo Oriente, all'Indonesia e alla Cina, e di entrare in nuovi mercati europei dove non ha ancora esportato, come la Germania.

Gli agrumi marocchini stanno cercando di far fronte alla forte concorrenza di Turchia ed Egitto. "I coltivatori egiziani hanno costi più bassi, compresa la manodopera, e sono sovvenzionati dal governo, per non parlare dell'abbondanza di acqua in Egitto". Alcuni produttori marocchini stanno quindi facendo una corsa contro il tempo per liquidare la loro produzione prima che i produttori egiziani entrino nel mercato globale.

L'esportatore sta lottando per mantenere la propria attività in un contesto difficile, caratterizzato dall'aumento dei costi e dalle limitazioni climatiche.

"In tutte le piantagioni e nei centri di confezionamento siamo passati all'energia solare - conclude Mouad - Stiamo anche facendo molti sforzi a livello tecnico e artigianale per garantire prodotti di buona qualità e per compensare il calo dei volumi".

Per maggiori informazioni:
Mouad Hfa
Pro Prim
Tel: +212 615-545159 
Email: m.hfa@proprim.ma


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto