Una sfida importante nella lotta contro la scarsità di manodopera

Banane di Guadalupa e Martinica: nuove stazioni di imballaggio collettivo

Di fronte alla mancanza di manodopera nelle aziende agricole, i professionisti delle banane della Martinica vogliono dotarsi di stazioni di imballaggio collettive. Queste strutture esistono già in Guadalupa, ma devono essere adattate alle nuove sfide del settore. Il progetto, lanciato da LPG in Guadalupa, prosegue ora in Martinica. 

Un progetto martinicano di Banamart per l'innovazione e l'efficienza
"La prima stazione collettiva sarà situata a Le Lorrain (nord della Martinica). Alla fine dovrebbero esserci quattro siti sull'isola, compresa la stazione pilota. L'obiettivo è avere un progetto chiavi in mano!", spiega Sébastien Thafournel, direttore operativo del gruppo Banamart. Quattro siti per una capacità totale di 90.000 tonnellate che coprono il nord, il centro e l'ovest dell'isola. Il primo sito, la stazione pilota, dovrebbe essere operativo nel primo semestre del 2024. Gli altri 3 siti apriranno nel 2024, 2025 e 2026. "Lavoriamo con un gruppo di 25 produttori, che rappresentano una capacità totale di 10.000 tonnellate per la stazione, di cui 10.000 confezioni a settimana e 22.000 casse al giorno".

Questo piano è stato formulato per rispondere ai problemi legati alla manodopera sull'isola, comuni anche ad altri settori. "L'80% dei produttori - 275 dei 335 produttori della Martinica - ha bisogno di una risposta adeguata. Oggi i produttori lavorano 7 giorni su 7 e devono viaggiare per trasportare le banane, oltre al tempo già trascorso nelle piantagioni", spiega Sébastien Thafournel. Ogni stazione deve coprire un bacino di produzione nel raggio di 25 km. "L'obiettivo è che la cooperativa raccolga i prodotti direttamente dal produttore".

"Questo progetto fa parte di un piano di innovazione e performance, in termini di attrezzature, tracciabilità e lavorazione". Le stazioni dovrebbero presto trattare anche altri prodotti, in quanto il gruppo cerca di diversificarsi.

Visita al centro di lavorazione di Charpentier a Saint Marie. Attualmente esistono 2 centri di lavorazione - Ducos e Charpentier - che lavorano in media 3.000 confezioni per 150 produttori. 

I coltivatori vengono con i loro camioncini a portare la loro produzione.

Su ogni confezione viene apposta un'etichetta di tracciabilità con il nome del produttore e il nome dell'azienda agricola.

La produzione viene poi affidata a UGPBAN, collocata su pallet e trasportata a 13 °C in container fino al porto di Dunkerque. Con le nuove stazioni di imballaggio collettivo, i centri di lavorazione saranno assorbiti. "Un vero cambiamento professionale", secondo Sébastien Thafournel, perché i lavoratori agricoli diventeranno "tecnici".

Guadalupa, precursore del "collettivo"
La Guadalupa si trova ad affrontare le stesse difficoltà legate alla manodopera. "Il settore manca di circa 500-600 lavoratori sull'isola!", spiega Christopher Lignières del gruppo di produttori della Guadalupa (LPG). Francis Lignières, suo padre, produttore e presidente di LPG, aveva già avviato la creazione di un gruppo di interesse economico privato per un magazzino collettivo.

"All'inizio, le cinque aziende agricole avevano ciascuna le proprie strutture di confezionamento". Il nuovo progetto per una stazione collettiva dovrebbe coprire una capacità di 15.000 tonnellate di banane, rispetto alle 3.500 tonnellate attuali, per un investimento di 3 milioni di euro, una vera sfida per LPG. "Le strutture collettive ci permetteranno di concentrare il lavoro nelle aziende agricole, di concentrarci sulla qualità delle banane e di evitare l'impiego di manodopera straniera", spiega Christopher Lignières.

Francis Lignières, presidente del gruppo LPG

Le future stazioni rappresentano un terzo della produzione della Guadalupa e il 45% dei produttori dell'isola. Dovrebbero essere operative entro la fine della stagione 2023/24. (La stazione di Moulinaeau per 25.000 tonnellate è prevista per la fine del 2024, mentre Feneteau per 4.500 tonnellate è prevista per la fine del 2023/inizio 2024).

Christopher Lignières

Visita alla futura stazione di confezionamento del gruppo LPG con David Alquier, responsabile della qualità del gruppo LPG.

La futura stazione di imballaggio del gruppo LPG

La futura stazione di imballaggio del gruppo LPG

La futura stazione di imballaggio del gruppo LPG


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto