Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La persistente siccità rallenta la stagione del Nadorcott in Marocco

Il Marocco è ampiamente al di sotto della soglia di stress idrico. Molte colture, tra cui il mandarino Nadorcott, stanno arrancando, ma i produttori rimangono fiduciosi nella solidità del settore.

Youssef Maaouni, produttore ed esportatore di Nadorcott di Agafay/Marrakech, ha dichiarato: "In questa stagione, i volumi saranno inferiori al previsto a causa della persistente siccità e del chergui (vento caldo e secco del sud del Marocco). L'acqua degli invasi non è sufficiente per tutte le nostre superfici. Alcuni produttori sono riusciti ad assorbire il colpo senza evidenti cali di volume, ma altri sono stati costretti ad irrigare solo una parte delle loro aree di coltivazione, con alcuni che hanno lasciato fino a due terzi in modalità di sopravvivenza".

La carenza idrica ha colpito tutte le regioni del Paese, in particolare la regione di Marrakech, dove si coltivano i Nadorcott della migliore qualità del Marocco. La perforazione dei pozzi presenta alcuni inconvenienti. Maaouni spiega: "Mentre io non ho avuto questo problema, alcuni dei miei colleghi hanno dovuto affrontare un certo livello di salinità nell'acqua degli invasi".

In un contesto di inflazione globale, un calo dell'approvvigionamento idrico è accompagnato da un drammatico aumento dei costi di produzione. Maaouni spiega: "Ad esempio, il prezzo del fertilizzante è aumentato quest'anno da 3 a 18 dirham/kg. I prezzi del trasporto sono diminuiti negli ultimi mesi, ma non sono tornati al livello pre-pandemia. Questo potrebbe tradursi in un aumento del prezzo. Capiremo meglio nei prossimi giorni".

La produzione marocchina sta affrontando una forte concorrenza dall'Egitto. "La nostra posizione geografica, vicino alla Russia, è un vantaggio per i produttori egiziani e, inoltre, il trasporto è sovvenzionato dal governo egiziano e l'acqua è quasi gratuita. Probabilmente è vero che stiamo affrontando un’ingiusta concorrenza." L'altro concorrente del Marocco, la Spagna, sta affrontando un periodo di siccità e condizioni simili a quelle del Marocco.

Nonostante il quadro difficile di questa stagione, Maaouni - che ha già ricevuto ordini per tutta la sua produzione - rimane fiducioso. "L'industria del Nadorcott in Marocco rimane solida. Abbiamo una qualità straordinaria, grazie a una buona esposizione al sole. La resa del Nadorcott marocchino è ottimale e può arrivare fino a 60-100 tonnellate per ettaro".

"La qualità del Nadorcott marocchino dipende dalla capacità tecnica dei produttori, in particolare dalla scelta dei portainnesti. Fra tutte le regioni, Agafay è la più apprezzata e l’origine della varietà. Non dobbiamo dimenticare che il Nadorcott marocchino è un successo mondiale" conclude Maaouni.

Per maggiori informazioni:
Youssef Maaouni
Domaines Maaouni
+212661231934
youssefmaaouni@gmail.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto