Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Rapporto annuale USDA

Calo stimato del 18,2 per cento per la produzione di avocado cileni nella stagione 2022/23

Nella campagna di commercializzazione 2022/23, la produzione di avocado cilena dovrebbe diminuire del 18,2% rispetto al quella 2021/22, per un totale di 180mila tonnellate, a causa delle gelate. Il consumo interno di avocado cileno raggiungerà le 105mila tonnellate nella stagione 2022/23, con un aumento del 5% rispetto alla precedente.

Nonostante la leggera contrazione del mercato, i prezzi dell'avocado rimangono relativamente stabili, intorno ai 4 dollari/kg. Le principali destinazioni di esportazione dell'avocado cileno sono i Paesi Bassi, l'Argentina e il Regno Unito. Durante la bassa stagione, tra marzo e giugno, il principale fornitore di avocado per il Cile è il Perù.

Produzione
Nella stagione che va da luglio 2022 a giugno 2023, si stima che la produzione di avocado sarà pari a 180mila tonnellate, con una diminuzione del 18,2% rispetto alla campagna 2021/22. Tale riduzione è attribuita alle gelate nel periodo di produzione dell'avocado avute all'inizio della campagna di commercializzazione. Nella campagna 2021/22 il Cile ha prodotto 220mila tonnellate di avocado, con un aumento del 57% rispetto alla stagione 2020/21. L'aumento è stato attribuito al clima favorevole nella zona di produzione all'inizio della campagna e al successo dell'allegagione dei frutti.

La superficie coltivata ad avocado in Cile ha raggiunto i 32.363 ettari nel 2021. Valparaíso è la principale regione di produzione di avocado con 20.318 ettari piantati, che rappresentano il 62,8% del totale dedicato agli avocado. La superficie coltivata ad avocado nella regione di Valparaíso è cresciuta del 6,2% tra il 2017 e il 2020. Anche la regione Metropolitana, quella di Coquimbo e quella di O'Higgins hanno delle quote importanti nella produzione di avocado.

Tuttavia, la superficie coltivata ad avocado nella regione Metropolitana è diminuita del 5,9% perché altre colture come ciliegie, noci, agrumi e olive sono più redditizie e meno esigenti in termini di acqua per la coltivazione. Nella regione di O'Higgins la superficie coltivata è cresciuta del 167,9%, per un totale di 3.631 ettari. Non si prevedono grandi cambiamenti nell'areale e si stima che la superficie totale raggiungerà i 33.000 ettari nella campagna 2022/23, dato che l'aumento nella regione di O'Higgins sarà compensato da una diminuzione nella regione Metropolitana.

Clicca qui per il rapporto Usda completo


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto