Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Fabián Peñate, direttore generale della Sociedad Agraria de Transformación Costa Caleta:

"Recuperare la quota di mercato persa a favore delle banane importate? Sarà possibile solo abbassando i prezzi"

Dopo un periodo molto difficile, a causa dell'attività eruttiva del vulcano Cumbre Vieja di La Palma, che si è fermata solo meno di un anno fa (nello stesso periodo del 2021, l'IGN registrava più di 200 terremoti al giorno nell'isola e le emissioni piroclastiche superavano 10 milioni di metri cubi), la fornitura di banane è stata pesantemente compromessa. Tuttavia, il settore delle Isole Canarie sta facendo di tutto per continuare a fornire il loro frutto di punta sul mercato continentale.

"Rispetto al periodo precedente l'eruzione, stiamo esportando in media 100mila tonnellate in meno a settimana. Parte della produzione persa non sarà recuperata fino alla fine del prossimo anno", ha affermato Fabián Peñate. "Mentre la SAT Costa Caleta non ha subito conseguenze dall’attività vulcanica, i nostri partner dell'OPP Plataneros de Canarias ne sono stati fortemente colpiti. Il 35% della produzione di banane delle Canarie avviene a La Palma, quindi quest'anno il settore ha registrato una significativa riduzione dei volumi. Tuttavia, grazie alle produzioni di Tenerife e Gran Canaria, le attuali spedizioni settimanali sono sufficienti a rifornire il mercato interno".

L’industria bananicola è chiamata a riprendersi la quota di mercato conquistata dalle banane importate durante i periodi in cui l'offerta di banane delle Canarie era inferiore e più costosa. "Poiché il frutto è difficile da vendere, abbiamo già tenuto bassi i prezzi all'origine delle nostre banane per 3-4 settimane", ha affermato Fabian. "Quello che manca è che tale adeguamento si rifletta anche sui prezzi al dettaglio nei supermercati".

"Purtroppo dobbiamo affrontare la concorrenza delle banane importate, che non sono soggette alle stesse condizioni. Vendiamo un prodotto che ha un costo di produzione molto alto e recuperare questa quota di mercato sarà possibile solo abbassando i prezzi. Dobbiamo far capire ai supermercati che quando vendono una banana delle Isole Canarie, vendono un prodotto che ha determinate garanzie".

"Non dobbiamo dimenticare che produciamo un frutto IGP con una ridotta impronta di carbonio, e che rispettiamo tutte le normative sanitarie europee. Stiamo facendo un grande sforzo per ridurre i nostri prezzi di vendita e rendere il prodotto più accessibile ai consumatori, tenendo conto anche dei problemi di fornitura che stiamo attraversando e che hanno portato i nostri costi di produzione ad aumentare del 40%. Tuttavia, quando si tratta di incoraggiare il consumo, anche gli stessi supermercati devono fare la loro parte", ha affermato Fabián (nella foto a lato).

"Negli ultimi mesi, le catene di distribuzione hanno scommesso molto sulle banane importate, e questo è esattamente il contrario di quello di cui hanno bisogno i bananicoltori delle Canarie in questo momento. Abbiamo bisogno che le catene di distribuzione sostengano le banane a marchio Plátano de Canarias, per una piena ripresa del settore".

"Il problema non è l'importazione di banane, ma le differenti condizioni in cui competono sullo stesso mercato peninsulare", ha affermato Fabián Peñate. "Se venissero prodotte alle stesse condizioni delle banane delle Isole Canarie, il prezzo di quelle importate sarebbe molto più alto. Anzi, dovrebbe esserlo anche di più, perché dovrebbero aggiungere i costi logistici".

"La fine dell'anno è sempre impegnativa, ma con il supporto delle catene di distribuzione riusciremo a commercializzare tutta la nostra frutta"
Il prossimo anno, Costa Caleta festeggerà il suo 40° anniversario. La SAT di Gáldar, che attualmente conta circa 119 membri, è stata fondata da colui che è stato presidente dal 1983, Don Félix Santiago, purtroppo scomparso la scorsa estate.

Costa Caleta, che ha le sue piantagioni principalmente a Gáldar e Santa María de Guía, ma anche in Comuni come Arucas, La Aldea, Santa Lucía o Mogán, produce tra 27.000 e 30.000 tonnellate di banane delle Canarie all'anno, e il frutto viene commercializzato con i marchi Doramas, "leader sul mercato domestico", Galdense e La Guancha, quest'ultimo utilizzato per le produzioni speciali, come quella delle banane biologiche.

"La verità è che prevediamo dei mesi piuttosto impegnativi. Il periodo della fine dell'anno è più difficile, a causa dei cambiamenti nel consumo di frutta, ma con l’adeguamento dei prezzi, speriamo di poter commercializzare tutta la nostra produzione", ha concluso Fabián.

Per maggiori informazioni:
SAT Costa Caleta
C/ Lomo Guillén, 3
35459 Santa María de Guía, Gran Canaria
Las Palmas - Isole Canarie, Spagna
+34 928 888 307
info@costacaleta.com
costacaleta.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto