Fatih Kördemirci, Kurt Group of Companies

"In Turchia riscaldiamo le serre con acqua geotermica, che è molto più economica del gas"

In Europa, molti coltivatori in serra hanno interrotto la produzione invernale a causa degli alti prezzi del gas. "Nessuno utilizzerà più il gas per riscaldare pomodori o peperoni, perché l'Ue deve prima fornire il riscaldamento ai privati cittadini", dice Fatih Kördemirci del Kurt Group of Companies. Questo è uno dei motivi per cui stanno aumentando le esportazioni di pomodori dalla Turchia in Europa.

"Qui, in Turchia, riscaldiamo le serre con acqua geotermica, che è molto più economica del gas", dice Fatih. "Nessun produttore turco utilizza il gas. Alcuni utilizzano il carbone, ma la maggior parte dei produttori della regione dell'Egeo utilizza acqua geotermica".

Essendo molto più economica del gas, anche i prodotti che usciranno dalle serre della Turchia saranno economici. "Questo ci avvantaggia perché, con i nostri prezzi, possiamo essere molto competitivi". Allo stesso tempo, l'energia geotermica non è l'unica cosa di cui beneficiano i coltivatori turchi. "Nessuno in Turchia utilizza luci artificiali", sottolinea Fatih. "Abbiamo molta luce solare. Abbiamo riscaldamento e luce a sufficienza, tutto ciò di cui hai bisogno per realizzare un buon prodotto, e quello che rende la Turchia un buon fornitore del mercato Ue".

In conformità con gli standard europei per l'esportazione
Il Kurt Group of Companies è attivo nell'orticoltura dagli anni '80 e ha diversi tipi di coltivazioni. "Abbiamo molti campi di limoni nel sud della Turchia. Nel 2008, abbiamo costruito una serra di 5 ettari dove coltiviamo ancora pomodori a grappolo. Nel 2011, abbiamo realizzato un vivaio di propagazione vegetale di 1,2 ettari. Nel 2015 abbiamo aggiunto un impianto di essicazione di frutta e verdura".

Poiché i pomodori sono destinati al mercato d’esportazione dell’Ue, Fatih e il Kurt Group devono rispettare diversi standard. "L'Ue non accetta prodotti con un determinato livello di residui. Ci sono molti prodotti chimici che i coltivatori turchi utilizzano normalmente, ma che non sono ammessi nelle esportazioni verso l'Ue".

Può essere piuttosto difficile controllare il livello di residui mentre si cerca di tenere lontani dalle colture tutti i tipi di parassiti e agenti patogeni. "Dobbiamo occuparci dei punti deboli della coltivazione in serra, come il controllo del clima e l'arresto di parassiti e malattie. Abbiamo agronomi che controllano costantemente la serra. Inoltre, i nostri dipendenti hanno dieci anni di esperienza e un forte know-how nel settore orticolo. Pertanto, se vedono qualcosa di cui non sono sicuri, avvisano sempre gli agronomi i quali, se necessario, forniscono loro una soluzione".

Allo stesso tempo, Fatih ha intrapreso azioni più dirette per il controllo degli agenti patogeni. "Stiamo utilizzando alcuni prodotti chimici in linea con le normative dell'Ue. Abbiamo dovuto concentrarci nella lotta alla Tuta absoluta, finché non abbiamo trovato la soluzione perfetta, che in realtà non è chimica. È prodotto da un'azienda giapponese, la Sumi Agro ed è un feromone che praticamente impedisce alla Tuta absoluta di accoppiarsi, generando confusione sessuale".

Mentre le soluzioni biologiche possono essere efficaci per alcune cose, per altre Fatih ha bisogno di irrorare. "Ma teniamo sempre presente quello che l'Ue consente o meno", sottolinea Fatih. "Il livello di residuo accettato è sempre documentato. Alla luce di questo, un coltivatore sa quanti giorni bisogna attendere dopo l'irrorazione perché i livelli di residuo siano bassi".

Mentre Fatih e il Kurt Group possono raggiungere la qualità richiesta per l'esportazione in Ue, questo non vale per tutti i coltivatori turchi. "Con la nostra serra ad alta tecnologia, è più facile produrre pomodori senza residui. Ma ad Antalya, i coltivatori producono in condizioni climatiche difficili, quindi devono lottare contro molti parassiti e non possono fare altro che irrorare le piante. Non tutti i coltivatori sanno che l'Ue consente l'irrorazione delle piante. Manca una conoscenza generale su quali prodotti si possono usare e quanti giorni devono aspettare dopo l'irrorazione".

Coltivare ed essiccare
Come ha sottolineato Fatih, l'azienda coltiva i suoi prodotti in una serra ad alta tecnologia. "Coltiviamo in fibra di cocco, in una serra alta 5,5 metri, molto utile per la coltivazione in quanto ci consente di gestire meglio il clima. Abbiamo un sistema di irrigazione automatizzato che fornisce ai pomodori la giusta quantità di acqua, sostanze nutritive e tutto ciò di cui hanno bisogno. Ad esempio, potremmo persino 'dividere' la serra in 4 o 6 zone e applicare un programma di irrigazione specifico per zona. Abbiamo anche una linea di trasporto automatizzata: non vedrai nessuno che spinge i carrelli per andare dal punto A al punto B. Abbiamo anche uno schermo termico perché in inverno fa abbastanza freddo, ma lo utilizziamo anche in estate per fornire un po' di ombra alle piante. Può nevicare molto durante l’inverno quindi abbiamo messo una linea di riscaldamento sotto il tetto della serra per sciogliere l'eventuale neve che si dovesse ammassare sul tetto. Dopotutto, se non lo liberi, la serra potrebbe crollare".

Il Kurt Group è attivo anche nell'industria di essicazione, con un impianto di 4.000 mq e un altro imminente di 6-7.000 mq. "C'è stata una richiesta molto forte di prodotti essiccati", spiega Fatih. "Lavoriamo ogni tipo di verdura e frutta, proveniente da molti coltivatori". Poiché continuavano ad arrivare i prodotti dai coltivatori, il Kurt Group ha dovuto ampliare la sua capacità. "Abbiamo molti programmi. Oltre all'essiccazione, continueremo a concentrarci sempre più sulle serre. Ora abbiamo 5 ettari, ma il nostro obiettivo nei prossimi tre anni è aggiungere altri 5 ettari. E, nei prossimi cinque anni, cercheremo di espanderci fino a 15 ettari. Saranno tanti pomodori!"

Per maggiori informazioni:
Fatih Kördemirci
Kurt Group of Companies
+905072067907


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto