Interesse verso agrumi, frutta secca e kaki

I professionisti e tecnici italiani sono sempre più ricercati all'estero

Malgrado alcuni problemi di natura strutturale e di organizzazione della filiera dell'offerta, le produzioni e gli agricoltori italiani, nell'immaginario collettivo dei Paesi stranieri, soprattutto quelli del Magreb e del Medio Oriente, vengono visti come un ottimo riferimento per i loro risultati produttivi, poiché ottenuti con metodiche che tengono conto delle tecniche e del profitto, oltre che dei temi etici, sociali e ambientali.

Giornata di formazione sulla gestione della chioma degli agrumi, rivolta a ragazzi di origine siriana, in un impianto di mandarino-simili ad Adana, in Turchia.

E' opportuno precisare, però, che nella maggior parte dei casi, tali risultati qualitativi e quantitativi delle produzioni sono anche merito dei professionisti e tecnici del settore, i quali, grazie alla loro competenze e professionalità, sembrano essere molto richiesti dalle imprese agricole europee ed extra europee. A tal riguardo, abbiamo parlato con Vito Vitelli, agronomo con 25 anni di esperienza e che vanta interessanti rapporti di collaborazione con personalità straniere, per le quali si occupa di attività di consulenza, progettazione e realizzazione di nuovi impianti.

Momento del sopralluogo e di campionamento del terreno per l’elaborazione e sviluppo di un progetto sulla realizzazione di un diospireto a Tblisi, in Georgia.

"Affidare la regia di un campo a un consulente italiano costituisce sicuramente un valore aggiunto, per un'impresa agricola straniera - spiega Vitelli. Il rapporto professionale di fiducia viene rafforzato da un'altra componente, tutta italiana, legata all'empatia, che si trasforma presto in amicizia e stima reciproca tra produttore e tecnico".

"Ad oggi, i Paesi che mi richiedono interessanti collaborazioni sono quelli dell'area mediorientale, come Turchia, Georgia, Armenia, Azerbaijan, ma anche la vicina Grecia, Albania e Macedonia del Nord. Trattasi di gruppi di investitori, molti dei quali non provenienti dal settore agricolo, e imprenditori agricoli, spesso figli di proprietari terrieri, che, di rientro da un'esperienza formativa all'estero, vogliono dar vita a un progetto agricolo innovativo".

Giornata di formazione sulla gestione della chioma del kaki, in un impianto di Rojo Brillante in Azerbaijan.

Abbiamo chiesto a Vitelli a quali coltivazioni sono maggiormente interessati questi Paesi e imprenditori stranieri. "Le coltivazioni di specie mediterranee sono oggetto di investimenti in chiave moderna. Particolare interesse viene manifestato sull'agrumicoltura (arancio, mandarino-simili, limone e pompelmo), sulla frutta a guscio o secca (come mandorle, pistacchio e carrubo) e sul loto kaki, soprattutto da destinare all'essiccazione. Meno interesse si riscontra invece per la frutticoltura intensiva classica (quale pesco e albicocco), spesso nel vortice dell'attenzione dei costitutori e vivaisti, alla continua e affannosa rincorsa al rinnovo varietale".

Momenti di confronto con alcuni imprenditori e tecnici in Georgia.

Tra i principali obiettivi dei gruppi di investitori e imprenditori esteri troviamo l'applicazione di sistemi di coltivazione e gestione che consentano di introdurre alti livelli di meccanizzazione, ottimizzazione dell'uso delle risorse, in particolare suolo e acqua, rapida entrata in produzione delle piante e rispetto dell'ambiente e della biodiversità.

Giornate di mandorlicoltura in Macedonia del Nord

Pare che l'agronomo Vitelli non abbia avuto difficoltà a distinguersi in questi areali internazionali. "Se vieni da un altro Paese, sei spesso considerato portatore di novità e ciò facilita il lavoro di avvio di collaborazioni con gli operatori stranieri, i quali, però, in ogni caso, pretendono il massimo della professionalità, delle competenze e risultati tangibili nell'immediato".

Per maggiori informazioni:
Agronomo Vito Vitelli
+39 3392511629
vitovitelli@tiscali.it
vitovitelli.blogspot.com


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto