Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Sesto Bio-Fachforum a Visselhövede

Come si può raggiungere una quota di biologico del trenta per cento in Germania?

L'obiettivo dichiarato del governo tedesco è di raggiungere il 30% di agricoltura biologica entro il 2030. Ma come si può raggiungere, considerate le crisi e le sfide esistenti? Come conquistare nuove aziende agricole, preservare le vecchie aziende biologiche e convincere i consumatori sui vantaggi dei prodotti biologici? Esperti della politica, del commercio, della ricerca, dell'agricoltura e di altri settori si sono incontrati al sesto Forum biologico a Visselhövede per discutere di questo argomento. Il panel è stato moderato da Carolin Grieshop, amministratore delegato del Competence Center Organic Agriculture Bassa Sassonia (KÖN).

(Da sinistra a destra:) Prof. Dr. Nina Langen (direttore esecutivo dell'Istituto per la formazione professionale e l'educazione al lavoro presso il Politecnico di Berlino), Christoph Schäfer (agricoltore e presidente di Bio Kartoffel Erzeuger e.V.), Hubert Heigl (Consiglio dell’agricoltura della Federazione dell'industria alimentare biologica, BÖLW), Silvia Bender (segretaria di Stato presso il Ministero federale dell'alimentazione e dell'agricoltura), Carolin Grieshop (direttore generale di KÖN), Marcus Wewer (responsabile della gestione della qualità biologica, REW Group) e il dottor Holger Hennis (vicepresidente dell'Associazione degli agricoltori tedeschi, DBV).

Nina Langen (Università di Göttingen) ha introdotto la tavola rotonda con una presentazione che ha sottolineato, tra le altre cose che i consumatori più giovani prestano particolare attenzione agli aspetti del gusto, della sicurezza e del prezzo durante i loro acquisti. L’aspettativa influenza la rispettiva percezione del gusto, dal momento che intervengono fattori esterni come il nome (esempio: gelato o crema di salmone affumicato) così come la forma del prodotto (esempio: le forme rotonde "hanno un sapore più dolce" di quelle spigolose). Nella ristorazione fuori casa, la preparazione del fresco o la regionalità sono più importanti, ad esempio, della biodiversità. Inoltre, la maggior parte dei consumatori non distingue tra i diversi aspetti della sostenibilità.

Formazione e "nudging"
Langen chiede che il personale qualificato venga formato su altri aspetti per i quali, tuttavia, dovrebbe essere fornito anche un quadro politico. Come ulteriore strategia, Langen consiglia di "incoraggiare", cioè motivare i consumatori ad acquistare più prodotti biologici, attraverso un consapevole posizionamento e una presentazione sul mercato. Nelle mense, i piatti con le verdure (biologiche) possono essere scelti come 'piatto base' e la carne può essere fornita solo su richiesta. In altre parole, la decisione pregressa di un altro organismo facilita anche la decisione del consumatore. Il fatto che questo possa funzionare bene è dimostrato anche dal concept della Copenhagen House of Food, per cui la quota nel settore della ristorazione in Danimarca è già del 90%. Berlino si sta impegnando in un progetto basato su questo modello.

Il panel di discussione
Dal punto di vista dei periti agrari, Christoph Schäfer fa notare che non vanno dimenticati nemmeno i produttori. Gli agricoltori non dovrebbero in alcun modo essere spinti a convertirsi al biologico. Tuttavia, una transizione sarà più probabile se le condizioni quadro saranno quelle giuste e sarà garantita la sicurezza dell'approvvigionamento. Christoph vorrebbe ci fosse anche una politica di sostegno e accompagnamento da parte dei politici, e chiede con forza: "Non dovremmo più tornare alla mentalità della sola consegna".

Il segretario di Stato Silvia Bender afferma che l'obiettivo del 30% non è vincolante, ma i politici si stanno preoccupando di creare le condizioni quadro in discussione per il settore agricolo. Anche questo è un compito di tutto il governo federale. A tal fine, il settore della ricerca dovrebbe essere promosso con maggiore forza e dovrebbe essere colmato il gap delle rese tra i mercati di vendita del biologico e quello del convenzionale. Bisognerebbe innanzitutto affrontare i mercati di vendita della ristorazione fuori casa. Deve essere garantita la combinabilità dell'agricoltura biologica e di altri ambiti, soprattutto per quanto riguarda gli obiettivi di sostenibilità.

Holger Hennies dell'Associazione degli agricoltori tedeschi sottolinea che il 90% dei problemi dell'agricoltura convenzionale riguarda anche l'agricoltura biologica. L'aumento dei volumi sarebbe una leva per orientare i prezzi in modo che i consumatori li acquistano. Hennies considera le nuove direttive dell'Ue come una sfida in tal senso. Hubert Heigl di BÖLW è certo che l'agricoltura biologica non raggiungerà gli stessi raccolti dell'agricoltura convenzionale, ma questo non è l'obiettivo principale. Piuttosto, dovrebbero essere previsti maggiori incentivi per l'acquisto di alimenti biologici. Heigl suggerisce, ad esempio, di abbassare l’IVA sui prodotti biologici. "Ma non vorremmo neanche questo".

Secondo Marcus Wewer del gruppo REWE, i rivenditori di generi alimentari si stanno impegnando molto sul raggiungimento dell’obiettivo del 30%. Il settore ortofrutticolo, ad esempio, si sta già muovendo chiaramente in questa direzione. Per altri prodotti, come gli snack, l'implementazione è molto più difficile. Wewer considera positivamente anche la partecipazione dei rivenditori di generi alimentari alle Giornate in campo dedicate al biologico, che vede come un chiaro segnale sia verso il mondo esterno che nella comunicazione tra il settore della vendita al dettaglio e l'agricoltura. Inoltre, Wewer ha chiarito che l'Associazione federale del commercio alimentare tedesco (BVLH) sostiene fortemente l'obiettivo del 30% nel suo documento di sintesi.

Per maggiori informazioni: bio-fachforum.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto