Calibri leggermente più piccoli in questa stagione

Il mercato brasiliano potrebbe aprirsi molto presto ai kiwi greci

I kiwi greci avranno calibri più piccoli in questa stagione, rispetto alla precedente. A riferirlo è Christina Manossis, office manager della Zeus: "La raccolta di kiwi è ancora in corso, come anche la stagione dell'uva da tavola, quindi dobbiamo seguire due prodotti. Nel caso dei kiwi, abbiamo notato una riduzione dei calibri in ogni area di coltivazione della Grecia, a causa dell'impollinazione e delle condizioni meteo. I volumi sono simili, forse leggermente inferiori rispetto alla stagione precedente. E anche se dovessero risultare inferiori, sarebbe al massimo del 5%. Quando si parla delle condizioni meteo, il caldo estremo è stato un fattore determinante per i calibri più piccoli, ma secondo noi l'impollinazione è stata sicuramente più importante".

Al momento c’è una "guerra dei prezzi" sul mercato, e la Zeus preferirebbe non farsi coinvolgere. Manossis afferma che vorrebbero aspettare che la situazione si tranquillizzi un po'. "La domanda è molto alta in questo momento, ma non abbiamo fretta di avviare le vendite. Al momento c'è concorrenza sui prezzi e preferiremmo starne fuori e vendere i nostri kiwi un po' più tardi. Serviamo mercati disposti a pagare per la qualità costante dei nostri prodotti. Attualmente stiamo effettuando spedizioni verso i mercati del Regno Unito e, nelle prossime settimane, ci allargheremo lentamente su altri mercati".

Si sta aprendo un nuovo mercato per i coltivatori e gli esportatori greci di kiwi. Presto potrebbero ottenere la licenza per esportare sul mercato brasiliano, spiega Manossis: "Una notizia importante è il fatto che il mercato brasiliano si è aperto ai kiwi greci. Avremo presto la licenza perché il 24 novembre, una delegazione brasiliana visiterà i frutteti di kiwi greci per ispezionarli e approvarne l’ingresso sul mercato brasiliano. Ci vorrà un po' di tempo, ma speriamo di poter spedire in Brasile fra un mese o due. Il Brasile potrebbe sicuramente essere un mercato molto interessante per la Zeus".

La Zeus è orgogliosa del fatto che sono completamente trasparenti sulle loro emissioni, cercando il più possibile di compensarle. "Come azienda, abbiamo documentato e studiato le emissioni di CO2 in ogni fase del processo d’esportazione dei kiwi, dalla coltivazione nei frutteti, anche in termini di fertilizzante, fino al confezionamento e alla spedizione finale. In questo modo possiamo provare a compensare le nostre emissioni di CO2 per rendere la nostra attività il più sostenibile possibile. Ciò è stato documentato nella 'Valutazione del ciclo di vita del secondo prodotto'. Insieme a Zespri, siamo la prima azienda ad aver dichiarato apertamente le nostre emissioni di CO2 nel 2012. Sono ancora pochissime le aziende che lo fanno".

Manossis afferma che la Zeus intende rilasciare una valutazione simile per la loro produzione di uva da tavola: "Dato che attualmente abbiamo il know-how su come documentare le emissioni di CO2 durante il processo, la nostra intenzione è di pubblicare una valutazione simile anche per la coltivazione dell’uva da tavola. Riteniamo che dovrebbe essere disponibile per tutti i prodotti, anche per informare in modo del tutto trasparente gli acquirenti. Come azienda, abbiamo ridotto al minimo le emissioni nella fase di produzione vera e propria. Quindi non c'è più nulla da migliorare in questa fase del processo. Tuttavia, stiamo cercando di ridurre o compensare le nostre emissioni nelle altre attività".

"Ad esempio, intendiamo produrre ancora più energia rinnovabile per il nostro impianto di confezionamento. Al momento, il 30% della nostra energia è pulita, perché prodotta da pannelli solari. Entro il 2024, il nostro obiettivo è che il 60% della nostra energia provenga da origini pulite", conclude Manossi.

Per maggiori informazioni:
Christina Manossis
Zeus Kiwi SA
Tel.: +30 2351 053559
Linea diretta: +30 2351 045395
Email: christinam@zeuskiwi.gr    
Web: www.zeuskiwi.gr


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto