Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Haciendas Bio

"La risposta commerciale dell'Europa alla nostra certificazione Demeter e al kiwi giallo biologico è stata molto buona"

Tra pochi giorni inizierà la raccolta dei kiwi nel nord della Spagna, anche se la campagna spagnola dei kiwi è iniziata settimane fa con i primi volumi prodotti nelle zone più temperate del Paese, come Badajoz, dove la coltura ha dimostrato di adattarsi bene. Ciò ha consentito la produzione di varietà eccezionali, come il kiwi giallo, che la Haciendas Bio coltiva con la certificazione Demeter, in una finestra commerciale molto interessante per quanto riguarda la vendita dei frutti.

"Nel 2019, abbiamo iniziato a coltivare kiwi su richiesta dei nostri clienti tradizionali di prodotti bio, che erano molto interessati ad aggiungere questo frutto alla loro fornitura", ha affermato Miguel Aceituno, dell'azienda con sede in Extremadura. "Questo è il secondo anno di produzione e la risposta commerciale è stata molto buona. La produzione, soprattutto i calibri più commerciali, è stata venduta molto rapidamente ai clienti all'ingrosso con cui lavoriamo abitualmente, principalmente di Germania e Francia".

"In Spagna, per ora, abbiamo venduto solo volumi ridotti, ma bisogna tenere conto del fatto che i volumi di kiwi gialli biologici che abbiamo a disposizione, sono limitati per ora", ha affermato Miguel. "Tuttavia, le prospettive sono buone".

In termini di consumo, il kiwi giallo sta mostrando uno sviluppo interessante in Europa, e lo stesso si può dire del consumo biologico. Considerate le condizioni pedoclimatiche delle fertili pianure del fiume Guadiana, il frutto può essere raccolto a fine settembre/inizio ottobre, il che è molto vantaggioso dal punto di vista commerciale, sia rispetto ad altre stagioni frutticole domestiche che alla produzione di kiwi in altre zone di coltivazione della Spagna.

Una nuova opportunità a Badajoz
Secondo Alberto Samperio, tecnico della Haciendas Bio, la coltura si è adattata bene all'Estremadura, sebbene la gestione sia diversa rispetto a quella nei climi di montagna. "Il problema a Badajoz sono le alte temperature e gli alti livelli di irraggiamento estivo. Ecco perché la coltivazione dei kiwi in quest’area richiede un investimento maggiore rispetto ad altri frutti, poiché è necessario installare infrastrutture di ombreggiamento per evitare che i frutti brucino durante i mesi più caldi. Tuttavia, così facendo si possono sviluppare delle buone opportunità".

"In linea di massima non è una coltura difficile e i costi di produzione sono in linea con quelli di altri alberi da frutto, come quelli di pesche, nettarine o susine. Il frutto necessita di pochissimi trattamenti fitosanitari, il che ne facilita la produzione biologica. Inoltre, la stagione della raccolta non si sovrappone a quella di altre colture in Estremadura".

Haciendas Bio coltiva tutti i suoi prodotti in modo rispettoso dell'ambiente, secondo un modello di agricoltura biodinamica, e tutta la frutta e la verdura del suo ampio portafoglio ha le certificazioni biologiche e Demeter, il che rende la sua produzione di kiwi gialli ancora più esclusiva.

"Dopo questa prima esperienza, potremmo forse iniziare a pensare di espandere la produzione e, entro il 2023 o 2024, lavorare attraverso i programmi con i supermercati europei", ha affermato Miguel.

Per maggiori informazioni:
Haciendas Bio
Parque Ecológico Haciendasbio
Carretera EX 209 Km 56.4
06800 Mérida, Badajoz. Spagna
+34 924 097 000
www.haciendasbio.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto