Oksana Goldenberg, amministratore delegato BeFresh:

"Siamo l'unico esportatore israeliano in grado di fornire soluzioni per il riconfezionamento e la logistica in Russia"

Un importante esportatore israeliano continua a fornire il preparato per la ‘borscht’ (la zuppa russa) ai consumatori russi, nonostante le sanzioni globali dovute alla guerra in corso in Ucraina. La BeFresh Ltd. con sede a Tel Aviv, Israele, è un importatore ed esportatore di frutta e verdura e si considera il principale fornitore della Russia degli ultimi quattro anni. Ma le condizioni commerciali si sono complicate e l’azienda ha dovuto cercare il modo di ampliare le loro attività in Grecia, Cipro, Medio Oriente, Giappone, Stati Uniti ed Europa orientale.

Secondo l’amministratore delegato della Oksana Goldenberg, si sta mettendo a frutto l’esperienza delle precedenti sanzioni dell'Ue contro la Russia del 2014, per trovare dei sistemi di pagamento e inviare i prodotti necessari per sfamare la popolazione.

"BeFresh ha una società partner strategica in Russia. Siamo l'unico esportatore israeliano in grado di fornire soluzioni per il riconfezionamento e la logistica in Russia, dove collaboriamo con la nostra azienda partner in tutti i tipi di progetti, inclusa la promozione di prodotti speciali. Ad esempio, forniamo un sacchetto contenente tutti gli ingredienti per fare la zuppa russa borscht: due patate, una carota, una barbabietola, una cipolla e un sacchettino di spezie. Sulla confezione, inoltre, è riportata la ricetta per la preparazione della zuppa".

"Stiamo lavorando anche a un progetto di confezionamento di prodotti che non vanno bene sul nostro mercato locale, per calibri e colori. Li imballiamo in una confezione speciale, simile a quella che si trova sui mercati europei, e li vendiamo sul mercato russo, portando quindi qualcosa di nuovo su questo mercato. Inoltre, così facendo, massimizziamo le vendite di tutti i coltivatori. Siamo l'unica azienda che propone cambiamenti in Russia. Ma questo progetto ora è stato sospeso, a causa della difficile situazione dei consumatori russi, poiché è un prodotto un po' costoso. Ma potremo realizzarlo nel prossimo futuro", spiega Goldenberg.

Goldenberg dice che la BeFresh ha accordi per la vendita diretta di agrumi, avocado, mango e melagrane, da Perù, Kenya e Sudafrica alle catene alimentari russe. I prodotti di punta dell'azienda sono i ravanelli (7.000 ton), carote (15.000 ton), peperoni (6.000 ton), avocado (3.000 ton), sedano (3.500 ton), patate (2.000 ton) e altri prodotti come melagrane, kaki, melanzane, agrumi, mango e altri ancora.

"Pertanto la nostra azienda investe anche in colture e agricoltori, oltre che negli esportatori, e vende in Russia, Grecia, Cipro, Medio Oriente, Giappone, Stati Uniti, Europa orientale, e anche sul mercato locale".


Oksana Goldenberg, amministratore delegato della BeFresh

"Per quanto riguarda la guerra in Ucraina, all'inizio siamo rimasti tutti scioccati dalla situazione, poiché ha messo molta pressione su tutte le questioni finanziarie che riguardano i clienti russi, oltre a creare problemi con i pagamenti e il sistema Swift. Nel 2014, quando i Paesi occidentali, guidati dall'Unione europea e dagli Stati Uniti, hanno imposto delle sanzioni economiche alla Russia, si è generata una pesante crisi in Russia, che ha colpito anche le esportazioni da Israele".

"All'epoca avevamo più volumi di quelli attuali ed eravamo una delle poche aziende che continuava ad esportare da Israele in Russia, nonostante la crisi e, inoltre, sapevamo come gestire tutti i cambiamenti della valuta, con tutti i tipi di strumenti finanziari. Molti altri esportatori israeliani hanno ridotto i loro volumi verso la Russia, mentre noi continuiamo con le stesse quantità. Tutti gli ingressi dall'Europa alla Russia sono stati bloccati. Ciò ha aperto una finestra ad altri concorrenti desiderosi di entrare sul mercato russo, come turchi, egiziani, iraniani e marocchini. Il risultato è un calo della domanda di prodotti israeliani", afferma Goldenberg.

"Oggi la guerra in Ucraina ha complicato tutte le operazioni finanziarie con i clienti russi, ma noi le risolviamo in modi diversi e sappiamo sempre come fornire una soluzione al coltivatore, nonostante tutte le preoccupazioni. Le questioni finanziarie sul mercato russo sono state risolte ma, a volte, ci sono ancora problemi di trasferimento di denaro perché le banche israeliane hanno introdotto delle rigorose misure. E ancora, tutte queste informazioni fanno riferimento al momento attuale! Da notare che, dall'inizio della guerra, le attività con l'Ucraina sono sospese perché non vi è alcuna garanzia sui pagamenti. Inoltre, il porto di Odessa ha interrotte le attività. Attraverso la nostra filiale BeFresh (Europa), stiamo cercando altre destinazioni, come l'Europa. A causa della complicata situazione sul mercato russo, puntiamo ad altre destinazioni", afferma Goldenberg.

Tariffe di trasporto aumentate, Shekel forte
Goldenberg dice che alle difficoltà per gli esportatori israeliani si aggiunge uno Shekel locale forte. È stato molto difficile lavorare. La valuta forte ha danneggiato sia gli esportatori che gli agricoltori perché quando i clienti effettuavano trasferimenti in Dollari, dovevano cambiarli in una valuta locale più forte.

"A causa della domanda inferiore dalla Russia, le tariffe di trasporto sono più costose. Sappiamo che in Israele tutto è comunque costoso, e questo consente a tutti i Paesi concorrenti di avvicinarsi al mercato russo. È molto difficile far fronte alla concorrenza globale quando lo Shekel è più forte e tutti i servizi di cui abbiamo bisogno aumentano di prezzo, incluso il trasporto marittimo. Ma, negli ultimi mesi, abbiamo visto il Dollaro diventare più forte in Israele, ma più debole in Russia, e a causa degli effetti sul mercato russo, la domanda può essere a volte forte e a volte debole, tutto dipende dal valore della valuta", conclude Goldenberg.

Per maggiori informazioni:
Oksana Goldenberg
BeFresh
+972 (0) 722555135
office@befreshcorp.net 
www.befreshcorp.net


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto