Corne van de Klundert, Origin Fruit Direct:

"I fornitori di uve d'oltremare hanno delle riserve, ma l'attuale livello di prezzo dà speranza"

La stagione dell'uva europea sta rapidamente volgendo al termine e le uve d'oltremare stanno facendo il loro ingresso sul mercato a piccoli passi. Un'offerta sostanzialmente inferiore sta attualmente causando prezzi elevati sul mercato dell'uva. "I volumi disponibili sono troppo pochi per coprire la domanda. Dall'inizio di novembre i prezzi sono aumentati. La maggior parte dell'offerta è costituita da uve bianche senza semi, ma ci aspettiamo la stessa tendenza con le uve rosse e le confezioni miste", ha dichiarato Corne van de Klundert, di Origin Fruit Direct.

"Al momento vendiamo soprattutto uva brasiliana e il Perù sta per iniziare. Ma è un inizio entusiasmante per la stagione d'oltremare. I costi sono aumentati notevolmente. Inoltre, il tasso di cambio è piuttosto problematico per i coltivatori sudamericani in particolare. Fortunatamente, i prezzi estremamente elevati stanno dando loro un po' più di fiducia nell'inviare i loro frutti. Ma una volta che arriveranno i grandi volumi, e succederà presto, dovremo stare a vedere a che livello finiranno le quotazioni".

"I coltivatori di diversi Paesi, come il Sudafrica, l'India e il Cile, hanno perso molti soldi l'anno scorso e non vogliono ripetere l'esperienza. Questo crea riserve tra i fornitori. La gente preferisce esportare meno prodotti pur di non avere problemi, piuttosto che rischiare di essere messi da parte - afferma Corne - Vediamo che la situazione dei trasporti è migliorata rispetto all'anno scorso. Ci sono più container disponibili e anche i prezzi sono scesi un po', ma speravamo che il calo dei tassi fosse più rapido".

"Il Brasile aveva già previsto una riduzione del raccolto e con le recenti piogge il raccolto è stato ancora più basso. Anche il Sudafrica si aspetta un 5-7% di uva in meno. Il raccolto del Perù dovrebbe essere un po' più alto e, per ora, anche le aspettative di raccolto in India sembrano buone - afferma l'importatore - Per sapere quale sarà l'impatto dell'inflazione sul comportamento d'acquisto dovremo aspettare e vedere. Durante la stagione europea le vendite sono rimaste ai livelli tradizionali. Si tratta ora di capire se l'aumento dei prezzi delle importazioni si rifletterà anche sul prezzo sugli scaffali. Personalmente, mi aspetto che i consumi rimangano ragionevolmente stabili", conclude Corné.

Per maggiori informazioni:
Origin Fruit Direct
Corné van de Klundert
+31 643 241 489
corne@originfruitdirect.nl    
www.originfruitdirect.nl


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto