Per la terza volta, record delle cipolle olandesi

La produzione di cipolle prevista in Ue e Regno Unito è di 6,3 milioni di tonnellate

La scorsa stagione, per la terza volta consecutiva, le esportazioni di cipolle olandesi hanno raggiunto livelli record, superando 1,3 milioni di tonnellate, secondo la Holland Onion Association. Non sarà facile eguagliarlo in questa stagione. In effetti, dall'inizio del secolo, il boom della coltivazione delle cipolle nei Paesi Bassi, si è in realtà leggermente ridimensionato. I piani di coltivazione degli agricoltori olandesi si sono in qualche modo spostati su patate o cereali, e la primavera secca insieme a un’estate ancora più secca, hanno ulteriormente ridotto la resa per lotto di cipolle.

Record nella stagione 2021/22
Il dato sulle esportazioni della scorsa stagione ha raggiunto la cifra impressionante di 1,318 milioni di tonnellate, 850mila in più rispetto alla stagione precedente. Lo storico record di 1,3 milioni tonnellate è stato facilmente superato, con una crescita assoluta dei volumi esportati del 7%.

Sebbene i coltivatori abbiano seminato il 9% in meno di cipolle rispetto alla precedente stagione, questa è partita molto bene nella settimana 27. Nelle prime settimane si è verificata una sorprendente crescita delle esportazioni del 23%. Da allora si è normalizzata a circa il 3%. Dovrebbero esserci tra 1 e 1,05 milioni di tonnellate disponibili per le esportazioni settimanali. È stata venduta circa la metà dei volumi entro la settimana 45, lasciando circa 14.000 tonnellate a settimana per il resto della stagione.

Online gli ultimi dati europei
Nell'ultimo decennio, la resa per ettaro delle cipolle olandesi è stata in media di 57 tonnellate. Ma, con 44,2 ton/ha, sembra che le rese del 2022 saranno decisamente inferiori, anche rispetto allo scorso anno, quando è stata raccolta una media di 49 tonnellate per ettaro. A livello nazionale, c'è una tendenza al ribasso nelle rese, in gran parte dovuta ai numerosi effetti del cambiamento climatico.

Le nazioni vicine ai Paesi Bassi stanno registrando la stessa tendenza. In Europa, la superficie coltivata a cipolle è nuovamente diminuita, quest’anno del 9%, fino a poco meno di 105mila ettari. La resa totale delle cipolle dell'Europa e del Regno Unito sarà probabilmente di circa 6,3 milioni di tonnellate, la più bassa degli ultimi quattro anni, secondo le ultime stime sul raccolto dell’ufficio tedesco di statistica (Agrarmarkt Informations-Gesellschaft", AMI).

Clicca qui per scaricare il rapporto completo degli ultimi dati europei.

Cipolle costose
Anche i coltivatori di cipolle olandesi richiedono prezzi elevati pertanto, per il settore olandese delle cipolle, non è sempre facile competere sui mercati globali e locali.

Avvio di stagione
Le esportazioni totali di cipolle dai Paesi Bassi hanno già raggiuto quasi 118.500 tonnellate nelle prime cinque settimane di questa stagione 2022/23. L'anno scorso, "solo" 96.000 tonnellate hanno lasciato il Paese nelle stesse settimane. Per la prima volta, la Costa d'Avorio ha guidato il gruppo dei Paesi importatori, precedendo di gran lunga il Senegal, con un totale di 30.000 tonnellate. Tuttavia, il Senegal ha successivamente annunciato che avrebbe emesso quote di importazione fino a 200mila tonnellate di cipolle.

La stagione precedente è stata di "sole" 170mila tonnellate. Subito dopo, il Senegal ha preso il sopravvento e la Costa d'Avorio è ora leggermente indietro rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Tuttavia, in breve tempo, sono state spedite grandi quantità di cipolle olandesi in Senegal e questo potrebbe frenare un po’ il mercato senegalese, lasciando nuovamente il comando alla Costa d'Avorio. La Gran Bretagna mantiene la terza posizione, ed è di nuovo stabile e costante in termini di volume importato, rispetto alla scorsa stagione.

Esportazioni diffuse
C'è un'ampia distribuzione dei Paesi di esportazione. All'inizio della stagione, le cipolle olandesi erano già arrivate in 116 Paesi. Anche i Paesi che non erano presenti, o quasi, sul mercato nello stesso periodo della scorsa stagione o di quella precedente, come Israele, Camerun, Giappone e Australia, Giordania, Bahamas, Svizzera e Niger sono (nuovamente) comparsi sui mercati. Il Brasile è tornato sulla scena in questa stagione, ottenendo la sua quota settimanale dalla settimana 34.

Anche le esportazioni verso la Malesia sono molto aumentate, fino a quasi 17.500 tonnellate, collocando questo Paese al settimo posto. Lo stesso vale per il vicino meridionale dei Paesi Bassi, il Belgio, dove sono state consegnate più di 16.000 tonnellate, una quantità destinata a raddoppiare quella della scorsa stagione.

Le cipolle olandesi sono quindi molto popolari, il che si traduce in buoni prezzi per coltivatori e commercianti. Alcuni agricoltori sono così ottimisti riguardo al futuro, che non hanno ancora venduto un solo chilogrammo in questo mercato redditizio.

Fonte: Holland Onion Association


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto