Rapporto BLE, settimana 44 del 2022:

L'offerta di cavolfiore locale ha dominato il mercato tedesco

L'offerta nazionale di cavolfiori ha dominato il mercato tedesco, in termini di importanza, con i lotti belgi al secondo posto. Le spedizioni dai Paesi Bassi e dalla Polonia hanno avuto un carattere supplementare. Secondo il rapporto BLE della settimana 44 del 2022, a Monaco sono comparsi i primi prodotti francesi, ma sono risultati piuttosto costosi, e quindi sono risultati poco interessanti.

Ci sono stati anche cavolfiori viola e arancione chiaro dal Belgio, ma le vendite sono state lente a causa dei prezzi elevati. Nel complesso, la domanda è stata generalmente soddisfatta. Per accelerare le vendite, i distributori hanno ridotto i prezzi in alcune aree. Ad Amburgo, tuttavia, non è stato possibile soddisfare pienamente la domanda, motivo per cui i venditori hanno aumentato i prezzi.

Mele
A causa delle festività di inizio settimana, la domanda è stata inizialmente molto limitata. La situazione è cambiata in diverse occasioni da mercoledì in poi, con un miglioramento delle vendite su alcune piazze. Nel frattempo, diversi mercati hanno fornito anche la Fräulein, che è stata gestita sfusa. Ad Amburgo hanno aperto la campagna a 1,30 euro/kg.

Pere
Le vendite sono state piuttosto lente. Abate Fetel, Santa Maria e Williams Christ dall'Italia hanno costituito la base della gamma di prodotti. La Santa Maria turca ha svolto un ruolo più importante, la Conference belga ha avuto solo un piccolo ruolo. Domestic Conference, Alexander Lucas e Gute Luise hanno integrato la fornitura nei negozi, così come Dutch Gute Luise e Conference.

Uva da tavola
Hanno dominato le consegne italiane: Italia, Crimson Seedless, Michele Palieri e Red Globe. La Sultana proveniente dalla Turchia è stato il vitigno principale, e le sue caratteristiche organolettiche sono state abbastanza convincenti. A Francoforte è apparsa la prima Autumn Crisp dal Perù, aprendo così la campagna delle importazioni d’oltreoceano.

Mandarini
Le temperature leggermente più basse hanno avuto un effetto positivo sulla domanda in alcuni luoghi. Tuttavia, c’è stato semplicemente troppo prodotto disponibile, poiché le consegne sono aumentate in modo massiccio. Le clementine spagnole, in particolare, hanno ampliato notevolmente la loro presenza, ma hanno acquisito importanza anche le clementine italiane. I Satsuma turchi sono stati una nuova aggiunta alla gamma.

Limoni
L'assortimento è consistito principalmente di prodotti spagnoli e turchi. La loro importanza ovviamente è aumentata. Al contrario, i lotti provenienti dal Sudafrica sono quasi completamente scomparsi dalla gamma che è stata invece completata da alcuni lotti greci. Gli affari sono stati contrastanti.

Banane
Domanda e offerta si sono sufficientemente bilanciate. Di conseguenza, i commercianti raramente hanno avuto motivo di modificare i loro prezzi precedenti. Tuttavia, la domanda si è leggermente indebolita in alcune aree quindi, per accelerare l'attività, sono state applicate delle minime riduzioni di prezzo.

Lattughe
Per quanto riguarda le lattughe, i clienti hanno potuto accedere ai prodotti belgi e nazionali. A Monaco sono arrivate alcune importazioni italiane, ma queste hanno riscontrato uno scarso interesse da parte dei clienti. Nel frattempo, per quanto riguarda la lattuga iceberg, sono state le consegne spagnole ad avere un ruolo centrale. I lotti nazionali e olandesi sono risultate solo complementari.

Cetrioli
La stagione domestica è entrata nel vivo. In alcune zone è terminata in settimana. La qualità non è risultata sempre convincente e le consegne ovviamente sono diminuite. Anche i prodotti belgi e olandesi hanno perso terreno. Le spedizioni spagnole, invece, si sono ampliate.

Pomodori
La fornitura ha compreso principalmente lotti olandesi, belgi e turchi. Anche il Marocco è stato presente con alcune merci, in particolare per quanto riguarda i pomodori a Cuore di Bue e i pomodori tondi. I pomodori a grappolo spagnoli non hanno raggiunto la giusta colorazione a Francoforte, generando una limitata domanda.

Peperoni
Si è ampliata la presenza delle offerte spagnole e turche. La campagna dell'Europa centrale, nel frattempo, era alla fine, con un calo delle importazioni da Paesi Bassi, Belgio e Germania. Anche le importazioni polacche hanno rallentato. La domanda non ha potuto essere soddisfatta su tutta la linea.

Fonte: BLE


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto