Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Andreas Arnold della A&B Fruchthandels Ltd:

"Entro la fine di ottobre, sono state vendute in tutta Europa circa 20.000 tonnellate di lamponi surgelati provenienti dalla Serbia"

Nel 2021, i produttori europei di lamponi hanno dovuto far fronte a un raccolto disastroso. L'esperto dei Balcani, Andreas Arnold della A&B Fruchthandels di Esslingen, ci ha informato che quest'anno sono disponibili volumi sufficienti, soprattutto dalla Serbia e da altri Paesi balcanici. Tuttavia, la domanda lascia molto a desiderare.

20.000 tonnellate di lamponi surgelati commercializzati in tutta Europa
"Quest'anno, la Serbia è stata in grado di raccogliere circa 75.000 tonnellate di lamponi. Inoltre, ci sono circa 5.000 tonnellate di prodotti alternativi che, tuttavia, sono di qualità variabile. Entro la fine di ottobre, potrebbero essere vendute in tutta Europa circa 20.000 tonnellate di lamponi surgelati provenienti dalla Serbia", afferma Arnold. "I lamponi surgelati sono disponibili tutto l'anno, ma sembra che quasi nessuno sia interessato al prodotto in questo momento. Solitamente, la stagione va da giugno a giugno, ma i contratti durano solo fino alla fine dell'anno. Inoltre, in passato, sono stati consegnati volumi considerevoli negli Stati Uniti ma, quest'anno, a parte alcune spedizioni di lamponi surgelati biologici, non ci sono state praticamente esportazioni negli Stati Uniti, forse a causa del buon raccolto in Cile".

La concorrenza dei Balcani
Negli ultimi anni, si è sviluppata una forte concorrenza anche nella regione dei Balcani. "L'Ucraina ha registrato un certo sviluppo nel segmento dei lamponi surgelati. Il Kosovo è stato marginale per molto tempo sebbene abbia le stesse condizioni climatiche della Serbia. Quest'anno è riuscito a produrre da 4.000 a 5.000 tonnellate, su circa 1.600 ettari. La Bosnia non produceva lamponi fino a 15-20 anni fa, ma ora commercializza dalle 5.000 alle 7.000 tonnellate. La Moldova è riuscita ancora a produrre 600 tonnellate quest'anno, ma difficilmente è riuscita a vendere i suoi prodotti, probabilmente per mancanza di informazioni".

Varietà principale Willamette
Arnold stima che la quota di mercato dei lamponi surgelati serbi sul mercato tedesco sia del 50-60%, sebbene la Germania rimanga il mercato di vendita più importante per i lamponi surgelati, ha affermato Arnold. "Il raccolto di lamponi freschi è stato abbastanza gestibile, con un massimo di 100 tonnellate consegnate. La varietà Willamette rappresenta il 90% della coltivazione e delle vendite in Serbia. Il restante 10% è distribuito tra varietà minori, come la Meeker. Questa varietà ha meno succo, è più costosa e viene venduta principalmente a Paesi come la Francia, o a clienti più esigenti", aggiunge Arnold. I principali clienti sono l'industria, i panifici e altri trasformatori.

Domanda in calo dal 30 al 40%
A causa del prezzo elevato dello scorso anno, le vendite di lamponi erano già in calo a gennaio 2022, ha affermato Arnold. "Ciò è dovuto principalmente alla mancanza di domanda, a livello di settore. Ad esempio, i produttori di marmellate hanno smesso di fare promozioni, mentre i produttori di torte sono passati tendenzialmente alle fragole e/o ad altre miscele. Anche le aziende che offrono piccole confezioni da 750 grammi per i supermercati hanno molte difficoltà a vendere i loro prodotti". In termini di valore, ha detto Arnold, i lamponi sono il prodotto più importante per la Serbia, soprattutto perché i prezzi complessivi sono superiori a quelli di prodotti come le susine, anche se questo prodotto ha, a sua volta, un volume di raccolto maggiore.

Problemi economici per le celle refrigerate e i coltivatori serbi
"I commercianti serbi stabiliscono sempre i prezzi con i rispettivi produttori, prima o anche durante la stagione. I prezzi a volte vengono scritti su foglietti di carta nei magazzini refrigerati. A volte i prezzi si sono attestati intorno ai 4,50 euro/kg, ma attualmente sono di 4,00 euro/kg. Le celle refrigerate ora sono in perdita, ma non possiamo ancora quantificarla. I prezzi decisamente alti, combinati con il calo della domanda, renderanno difficile per i coltivatori realizzare un reddito dignitoso".

Raccolto normale in Serbia e Polonia
"Quest'anno abbiamo un raccolto normale in Serbia e Polonia, tra i Paesi più importanti per quanto riguarda i lamponi surgelati. Insieme, detengono una quota di mercato dell'80-90% in tutta Europa. Ma Paesi come la Bosnia, e anche il Kosovo, hanno avuto un raccolto normale", afferma Arnold. Tuttavia, le vendite sono crollate perché semplicemente non c'erano punti vendita alternativi. "Tutto quello che puoi fare è cercare di commercializzare il prodotto a un prezzo decisamente inferiore. Dato che i costi energetici sono raddoppiati rispetto allo scorso anno e un camion carico di lamponi può costare fino a 100.000 euro, alcuni coltivatori sono già contenti di vendere il loro prodotto a un prezzo base".

Grande deflusso di manodopera
Secondo Arnold, sono tanti i Paesi balcanici che hanno un enorme problema di emigrazione di giovani istruiti verso l'Europa centrale e occidentale, per studiare o trovare lavoro, e che quindi non sono disponibili per la raccolta. "In Serbia, alcuni raccoglitori vengono portati dall'India e dal Pakistan. Per i lavori nelle celle refrigerate, la manodopera è scarsa da tempo. Trovare nuovo personale è in generale molto difficile, anche se ora i salari sono notevolmente più alti".

Inoltre, Arnold sottolinea la difficile situazione logistica: "Varie aziende sono state chiuse, in parte perché semplicemente non c'erano camion disponibili. Ovviamente, questo è un problema serio quando si tratta di prodotti ortofrutticoli. Alcuni spedizionieri non vedono alternative e si aspettano una situazione tragica. Considerano il trasporto ferroviario come l'unica vera alternativa, ma che non è la società ferroviaria Deutsche Bahn".

Vendite in calo sul mercato biologico
Nella sua linea di prodotti, i lamponi biologici surgelati rappresentano circa l'1%. "Quest'anno, per la prima volta, il mercato biologico ha visto un calo delle vendite. I fornitori tedeschi stanno registrando scorte più elevate a causa delle incertezze sul mercato globale mentre, allo stesso tempo, la domanda è piuttosto fiacca. Per alcuni prodotti, non vengono più sottoscritti contratti a lungo termine e le merci vengono negoziate per camion. La situazione è simile per le merci convenzionali: i clienti acquistano solo ciò di cui hanno effettivamente bisogno. Ciò è in parte dovuto al fatto che i prezzi sono aumentati molto nelle ultime settimane", conclude Arnold.

Foto: A&B Fruchthandels GmbH

Per maggiori informazioni:
Andreas Arnold
A&B Fruchthandels GmbH
Heugasse 19
73728 Esslingen - Germania
Tel.: +49 711 540 7497
Fax: +49 711 540 7499
info@abfruchthandel.de  
www.abfruchthandel.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto