Fairtrade presenta la prima banana "non-fungible" per far fronte alle crescenti minacce climatiche

Fairtrade International, l’organizzazione internazionale capofila del sistema di certificazione del commercio equosolidale, ha annunciato che lancerà la prima banana "non-fungible" al mondo, o NFB, nel tentativo di evidenziare la crescente minaccia che i cambiamenti climatici rappresentano per i prodotti alimentari più amati del pianeta e per i mezzi di sussistenza di agricoltori e lavoratori agricoli che li coltivano.

Soprannominata ‘The Last Banana’, la NFB di Fairtrade sarà presentata oggi 9 novembre alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP27) a Sharm El Sheikh, in Egitto, dove sarà esposta al Padiglione della FAO come ultimo avvertimento rispetto a un futuro del sistema alimentare fortemente in bilico. The Last Banana sarà inoltre accessibile al pubblico in oltre 21 mercati Fairtrade, poiché le organizzazioni del commercio Fairtrade in tutto il mondo invitano gli spettatori a visitare lo spazio online della NFB.

"The Last Banana è l'appello di Fairtrade al mondo affinché si pongano al centro dell'azione per il clima delle soluzioni inclusive ed eque con gli agricoltori e i lavoratori agricoli, se non vogliamo rischiare di perdere per sempre i nostri prodotti alimentari preferiti", ha affermato Melissa Duncan, direttore esecutivo di Fairtrade International.

Le banane sono senza dubbio il frutto più popolare al mondo. E con un valore d’esportazione globale stimato di 7 miliardi di dollari l'anno, è probabilmente anche uno dei frutti più importanti, poiché il commercio della banana rimane il pilastro delle economie di molti Paesi.

Per oltre 450 milioni di persone in tutto il mondo, banane e platani sono colture di base essenziali. Ma tra l'impatto dei cambiamenti climatici e le minacce poste da malattie delle piante come il Fusarium TR4, il futuro delle banane è sempre più a rischio, una realtà terribile evidenziata nello studio Fairtrade and Climate Change pubblicato alla fine del 2021.

Secondo i risultati di questo studio, i drammatici modelli meteo derivanti dai cambiamenti climatici probabilmente saranno un duro colpo per la produzione agricola nelle regioni chiave del mondo, dall'America Latina all'Asia-Pacifico. I produttori di banane dei Caraibi e dell’America centrale, ad esempio, dovranno affrontare un clima che prevede meno precipitazioni e temperature più estreme, mentre quelli del Sud-est asiatico e dell'Oceania vedranno un aumento del rischio di cicloni tropicali.

"Gli agricoltori e i lavoratori non solo sono in prima linea nella crisi climatica, ma hanno anche un know-how in grado di mitigare e affrontare i rischi climatici, a beneficio dell'umanità", ha continuato Duncan. "Se i governi non riusciranno a includerli negli esiti della COP27 e a conferire loro il potere di essere i custodi dell'approvvigionamento alimentare del nostro pianeta, l'unico futuro per uno dei frutti più famosi al mondo potrebbe essere una NFB digitale".

In rappresentanza di oltre 1,8 milioni di agricoltori in tutto il mondo, la delegazione di Fairtrade chiederà ai leader di governo e del settore privato, presenti alla COP27, di raggiungere immediatamente gli obiettivi climatici, rispettando l'impegno di 100 miliardi di dollari di aiuti per il clima promesso entro la fine del 2022.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto