Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Agricola Lusia: innovazione e sostenibilità per affrontare il futuro

Gli importanti investimenti fatti negli ultimi 5 anni da Agricola Lusia in progetti legati all'innovazione ed alla sostenibilità, hanno consentito all'azienda di essere selezionata come esempio virtuoso da Il Sole 24 Ore e Confindustria per partecipare a due panel, "Innovation Days" e "La strada verso la sostenibilità: follow up" che si sono svolti rispettivamente il 23 settembre e il 21 ottobre scorsi.

Le transizioni verso la sostenibilità e la digitalizzazione delle aziende attive in Veneto nell'ambito della messa a terra del PNRR sono stati i temi principi della quarta edizione di "Innovation Days", il viaggio del Sole 24 Ore e Confindustria attraverso le regioni italiane, che ha messo a confronto il mondo delle imprese e le istituzioni territoriali.

Nicola Modica, direttore generale di Agricola Lusia, azienda italiana tra le più importanti nella distribuzione degli agrumi alla Gdo, nel corso del suo intervento ha presentato l'ambizioso e innovativo progetto, che per oltre 5 anni l'azienda ha sviluppato in collaborazione con l'Università CàFoscari di Venezia: "Abbiamo puntato sull'innovazione e sulla ricerca, realizzando un progetto che non ha precedenti ed eguali nel nostro settore, un metodo di selezione delle arance basato su un metodo scientifico brevettato e non distruttivo, che permette di selezionare frutto per frutto solo le arance più succose, garantendo così un'alta resa nella preparazione di spremute".

Oltre al tema dell'innovazione, ampio spazio è stato dedicato anche alle tematiche ed ai progetti legati al concetto di sostenibilità, ambito di grande attenzione ed oggetto di importanti investimenti per Agricola Lusia.

"Abbiamo deciso di adottare, insieme ad altre iniziative, il Bilancio di Sostenibilità - afferma Nicola Modica - che sarà pubblicato a gennaio 2023 ed è il frutto di un lungo lavoro che ha coinvolto trasversalmente l'azienda in ogni ambito. Per capire i temi più sensibili sui quali sviluppare i progetti futuri abbiamo utilizzato questionari di materialità rivolti anche ai nostri stakeholder, che ci hanno permesso di fissare obiettivi basati su criteri oggettivi riconosciuti internazionalmente."

Il 21 ottobre si è svolto il secondo appuntamento organizzato da Confindustria, "La strada verso la sostenibilità: follow up", durante il quale è stata analizzata la trasformazione che ha avuto il business durante la pandemia con proiezioni riguardanti l'impatto ambientale atteso per i prossimi anni, ed è stato sottolineato il ruolo chiave che avranno innovazione e sostenibilità per un migliore sviluppo aziendale.

Innovazione e sostenibilità sono elementi chiave per il futuro di Agricola Lusia che, attraverso una presentazione tenuta sempre dal Direttore Generale Nicola Modica, ha illustrato le strategie messe in atto dall'azienda in termini di Green Energy, Circular Waste Sistem e Plastic Free, che hanno condotto l'azienda ad un netto miglioramento del proprio impatto ambientale.

"L'installazione di un impianto fotovoltaico ed il progressivo passaggio di tutta l'illuminazione da alogena a led – continua Modica – ha permesso una notevole riduzione dei consumi di energia elettrica acquistata, con un conseguente risparmio economico per l'azienda. Abbiamo inoltre avviato una forte attività di differenziazione dei rifiuti risparmiando sui costi di smaltimento e ottenendo ricavi dalla vendita di rifiuti differenziati. Anche sul fronte dell'utilizzo di plastica ci siamo posti degli obiettivi ambiziosi, realizzando packaging con il 30% di plastica in meno, rispetto alle tradizionali confezioni di agrumi presenti nella Gdo, e abbiamo da poco lanciato una nuova linea prodotto con packaging completamente compostabile".

Un'operazione quella di Agricola Lusia che è un esempio per tante aziende, che devono fare i conti con l'impatto ambientale e l'inquinamento generato dalle importazioni di prodotti, ma che sempre più spesso vengono chiamate a rispondere per la loro "impronta" sull'ambiente.

"Considerata la criticità di alcuni aspetti tipici del nostro settore di appartenenza – conclude Modica – abbiamo deciso di intraprendere anche un percorso di analisi della Carbon FootPrint* per comprendere quale sia il nostro impatto ambientale, per poi adottare le migliori strategie di miglioramento".

Le sfide che il futuro ci prospetta sono ambiziose, ed è ormai chiaro che innovazione e sostenibilità siano le leve vincenti per avviare un percorso di transizione e creare la cultura di impresa necessaria ad affrontarle.

* La carbon footprint (letteralmente, "impronta di carbonio") permette di determinare gli impatti ambientali che le attività di origine antropica hanno sul climate change, il dato permette di stimare le emissioni di CO2 in atmosfera, calcolate lungo l'intero ciclo di vita del sistema in analisi.

Per maggiori informazioni:
Agricola Lusia S.r.l.
Via dell'Artigianato, 261
45020 Lusia (RO)
+39 0425 607902
marketing@agricolalusia.it
www.agricolalusia.it


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto