Georg Boekels, presidente della Landesfachgruppe Obstbau e vicepresidente della Provinzialverband Rheinischer Obst- und Gemüsebauer

"I produttori di mele della regione del Reno prevedono un grande raccolto e prodotti di qualità"

La raccolta delle mele renane sta terminando. Ad affermarlo Georg Boekels, presidente della Landesfachgruppe Obstbau e vicepresidente della Provinzialverband Rheinischer Obst- und Gemüsebauer e.V.

"Per alcune aziende, il raccolto non è stato particolarmente abbondante, a causa della siccità. Tuttavia, la maggior parte dei coltivatori è stata in grado di registrare rese abbondanti e di qualità", ha affermato Boekels. "Ci sono sufficienti volumi disponibili".


Georg Boekels

Raccolto abbondante, ottima qualità
Sebbene ci siano stati sicuramente dei problemi in alcune zone, grazie al lavoro manuale, sono stati risolti. "La siccità ha prodotto frutti di calibro più piccolo. Tuttavia, a causa delle piogge iniziate ad agosto, sono tornati frutti di calibro migliore. Nel complesso, i miei colleghi riferiscono di aver ottenuto un abbondante raccolto di ottima qualità che, di conseguenza, può essere immesso sul mercato", ha affermato Boekels con certezza.

Scarso interesse nella coltivazione di mele snack
Le mele snack sono una questione scottante: Boekels ne è consapevole. "Ci sono molte promozioni in corso, in particolare per il marchio Rockit. Tuttavia, va detto che talvolta il commercio non tiene conto di tutto. Gli agricoltori non possono sempre offrire volumi sufficienti di calibro adeguato e più piccolo. Questo è ovviamente legato al fatto che noi coltivatori dobbiamo sempre fare i conti con Madre Natura. Dal momento che il commercio non è sempre in grado di assorbire calibri un po' più grandi, questo può trasformare rapidamente la Rockit in 'una semplice mela rossa', che a sua volta viene commercializzata a un prezzo inferiore. Questo ha delle conseguenze sul segmento di mercato, motivo per cui molti agricoltori non sono interessati a questo settore".

La situazione è simile per i prodotti biologici, ha detti Boekels: "Se si vuole cambiare la quota del biologico, questo può essere fatto solo attraverso il consumatore. Dopotutto, noi produttori produciamo solo ciò che i consumatori acquistano. Se si spingessero i produttori a coltivare più prodotti biologici, senza che ci sia un mercato, questo causerebbe una forte insoddisfazione da parte di molti coltivatori".

Boekels sulla "Fliestedener Obsthof"
Per molti anni, lo stesso Boekels è stato un produttore di frutta a Bergheim. "Vendiamo i nostri prodotti agli stessi livelli di prezzo dell'anno scorso. Ma l'anno scorso avevamo già adeguato i prezzi alla situazione del mercato, così da non trovarci esposti alle tensioni del mercato di quest'anno". Boekels ha aggiunto che la sua azienda acquista già da tempo energia elettrica rinnovabile.

"I costi di coltivazione, materiale di imballaggio e carburante non sono ancora rilevanti perché, finora, avevamo ancora abbastanza merce nei nostri magazzini. Tuttavia, dovremo presto acquistare di nuovo nuovi mezzi di produzione. Se non ci saranno entrate sufficienti, potremmo non avere abbastanza fondi da destinare a nuove varietà e simili. Dopotutto, dobbiamo realizzare un profitto per garantire questo sviluppo. Bisognerebbe ricordarsi che un'azienda agricola è fondamentalmente una risorsa da un milione di dollari. Un frutteto di un ettaro costa tra 40.000 e 60.000 euro. Moltiplicato per 20 ettari, si ottiene una somma piuttosto elevata. Inoltre, ci sono magazzini (refrigerati), trattori, e altri macchinari. Fortunatamente, abbiamo un margine di manovra sui prezzi. Quello che sicuramente ci colpirà saranno gli aumenti del 20-25% del costo della manodopera, oltre alla sua persistente carenza".

Abbondante fornitura di Wetteräpfeln
"I retailer stanno attualmente gestendo un'abbondante fornitura di Wetteräpfeln [mele che hanno sofferto per condizioni meteo estreme]", ha riferito Boekels. "Tuttavia, queste mele vengono vendute ben al di sotto del prezzo di costo. Se le piantagioni sono rimaste più a lungo e gli agricoltori non sono stati in grado di guadagnare abbastanza per sostituirle con nuove piantagioni, è necessario uno sforzo maggiore per la potatura e il diradamento. Inoltre, la salute dei frutti delle piantagioni più vecchie è sempre peggiore rispetto alle nuove, ecco perché è importante includere non solo i costi di manodopera e quelli generali, ma anche assicurarsi di ottenere il ritorno degli investimenti e dell'ammortamento. Tutto questo deve essere compreso nel prezzo. Se un coltivatore otterrà solo 0,35 euro/kg, non sarà sufficiente".

Per maggiori informazioni:
Georg Boekels
Provinzialverband Rheinischer Obst- und Gemüsebauer e.V.
Rochusstraße 18
53123 Bonn - Germania
Tel.: +49 0228 52 006 700
Fax: +49 0228 52 006 742
Email: info@provinzialverband.de 
Web: provinzialverband.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto