Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Focus sul mercato mondiale delle cipolle

I volumi di cipolla sono diminuiti quest'inverno in molti Paesi, con un calo fino al 40% in Spagna e perdite meno significative, ma comunque notevoli, in Germania, Francia e Stati Uniti, tra gli altri. I grandi calibri sono particolarmente difficili da trovare e questa mancanza di offerta ha fatto salire i prezzi in gran parte del mercato globale. Questa potrebbe essere una buona notizia per i coltivatori, che devono anche affrontare costi di produzione più elevati, ma resta da vedere se i consumatori saranno disposti a pagare questi prezzi. Per ora la domanda sembra reggere.

Paesi Bassi: gli occhi sono puntati sulla seconda metà della stagione
"È un anno controverso", dice un esportatore olandese a proposito del mercato delle cipolle. "In questo periodo la domanda è ancora in ritardo rispetto agli anni precedenti. Ciò è particolarmente evidente nel mercato asiatico. Mentre negli anni precedenti eravamo in grado di vendere grandi volumi alle Filippine, tra gli altri, ora siamo troppo fermi sul prezzo per competere con le cipolle cinesi. Tutto quest'anno dimostra anche il ruolo della cipolla olandese sul mercato globale: quello di colmare le lacune. Finché i raccolti locali saranno sufficienti, le esportazioni olandesi rimarranno troppo costose per colmare le lacune. Tutti gli occhi sono quindi puntati sulla seconda metà della stagione”. Mentre negli anni precedenti il passaggio al periodo più intenso si verificava solo dopo la fine dell'anno, il commerciante si aspetta che il periodo più intenso aumenti prima, a causa della maggiore domanda proveniente soprattutto dall'Europa meridionale e orientale. "Si nota che la maggior parte dei problemi di resa si siano verificati in queste regioni".

Germania: la siccità influisce sui volumi e sulla qualità
A causa della mancanza di precipitazioni e della persistente siccità, quest'anno il raccolto di cipolle in Germania è piuttosto deludente, secondo una grande cooperativa. "Abbiamo già ricevuto buone richieste di grandi dimensioni dall'Europa dell'Est, ma purtroppo non siamo riusciti a soddisfarle. Di conseguenza, ci stiamo concentrando sull'approvvigionamento del mercato interno".

Le condizioni climatiche di quest'anno hanno portato anche a un calo della qualità delle cipolle dorate. "Dopo settimane di siccità, ha iniziato a piovere al momento del raccolto, per cui abbiamo dovuto rimandare questa fase. A causa dei calibri ridotti e dei problemi di qualità, quest'anno la produzione immagazzinabile sarà notevolmente inferiore. Fino a febbraio-marzo saremo probabilmente in grado di soddisfare i programmi di vendita al dettaglio nei calibri 40-60/35-55, ma da aprile in poi la merce sarà scarsa".

Austria: buona situazione delle esportazioni
Il mercato austriaco delle cipolle è in condizioni stabili. L'offerta è sufficiente e le vendite sono soddisfacenti. Le esportazioni, in particolare, stanno andando molto bene. Le vendite sul mercato interno sono tranquille ma costanti, come di consueto per la stagione. Il livello dei prezzi della settimana precedente è stato complessivamente mantenuto. All'inizio della settimana, i prezzi delle cipolle, pulite e smistate in cassette, erano ancora per lo più compresi tra i 30 e i 35 euro per 100 kg, a seconda della dimensione e della qualità.

Francia: vendite ritardate dal clima estivo
Al momento si può osservare un marcato deficit di raccolto su tutto il territorio francese. Particolarmente colpite sono le pezzature grandi e molto grandi, con un calo del 15-20%. Per quanto riguarda le vendite, queste seguono il clima. Il tempo estivo di oggi, mentre è autunno, ritarda le vendite di cipolle senza bloccare i consumi, sia per le cipolle dorate che per quelle rosse. Un consumo che sarebbe più dinamico con un clima più fresco. I prezzi rimangono alti rispetto alle campagne precedenti a causa di vari fattori, come i costi energetici, di imballaggio e di trasporto.

Italia: la mancanza di prodotto fa salire i prezzi
Un importante commerciante di cipolle del nord d'Italia afferma che le vendite sono nella norma in termini di quantità, ma i prezzi sono piuttosto elevati. Nei giorni scorsi, la Borsa Merci Bologna ha stabilito una forbice da 0,55 a 0,73 euro/kg per il confezionato in sacchi da 5 o 10 kg, a seconda della tipologia di cipolla. I prezzi sarebbero altissimi nel caso di un'annata normale, mentre per via dei costi di produzione risultano giusti per ripagare il produttore e il confezionatore. Il commerciante afferma che i retailer ancora non si sono resi conto a sufficienza che, da marzo, la disponibilità di cipolla italiana sarà molto scarsa. Già arrivano offerte di cipolle dalla Germania a prezzi attorno a 0,42-0,45 euro/kg.

Quest’anno la stagione della cipolla di nicchia negli areali dell’entroterra siciliano è terminata la prima settimana di settembre ed è stata un'annata molto particolare a causa della siccità, tutt’altro che soddisfacente. "Siamo rimasti senza piogge da dicembre fino a maggio - ha lamentato un produttore - I trapianti, avvenuti a gennaio, ci hanno obbligati a irrigare già dopo qualche giorno dalla messa a dimora, con grande sforzo sul piano economico dovuto al costo dell'energia per il sollevamento delle acque irrigue. La crescita della nostra Cipolla Paglina di Castrofilippo è stata penalizzata in termine di calibri, nonostante gli interventi di irrigazione di soccorso. Le pezzature in una stagione normale, infatti, vanno da 1 a 2 kg per singola cipolla. Quest'anno solo il 20% ha raggiunto una pezzatura prossima a 1 kg; il 40% ha raggiunto una pezzatura tra i 300 e 400 grammi e il restante 40% ha avuto una pezzatura da 50 grammi. Un danno enorme che ha fatto schizzare il prezzo alla produzione a 1 euro/kg mediamente, mentre normalmente si vende tra 0,40 e 0,50 euro/kg".

Sono oltre 19 milioni le famiglie sul territorio italiano che acquistano cipolle almeno una volta l'anno. Le dorate hanno la quota più alta raggiungendo quasi il 36%; quelle rosse si posizionano al secondo posto superando il 26%; le bianche superano il 21%. Seguono poi in ordine: i porri, le Borretane e lo scalogno. Le cipolle vengono vendute sia a peso variabile (sfuse) sia a peso imposto (nelle retine). I canali privilegiati d’acquisto sono i supermercati. Per quanto riguarda il biologico, le cipolle a peso variabile vengono acquistate ad oggi da circa 2,2 milioni di famiglie italiane, con un calo di oltre il 13% rispetto ai dodici mesi precedenti (dati GfK Consumer Panel Italia).

Spagna: prezzi buoni, ma fino al 40% di cipolle in meno
Le cipolle spagnole sono state vendute a buon ritmo e con prezzi soddisfacenti, fin dall'inizio della stagione. La campagna 2022/23 è stata finora molto diversa rispetto a quella precedente, che risultò davvero rovinosa. La domanda è stabile e il calo di circa il 40% della produzione di cipolle in Spagna, così come nel resto d'Europa, ha portato a un aumento dei prezzi. A differenza della scorsa stagione, quando i prezzi medi oscillavano tra 0,08 e 0,10 euro/kg, quest'anno le cipolle di grosso calibro costano tra 0,35 e 0,37 euro/kg, mentre quelle di medio calibro tra 0,25 e 0,30 euro/kg.

L'anno scorso i prezzi non consentivano ai coltivatori di coprire i costi di produzione, ma quest'anno è stato finora possibile. In un solo anno, il costo di produzione di un chilogrammo di cipolle è salito a 0,25 euro. I calibri grandi sono i più richiesti, poiché sono i più scarsi in tutta Europa. In effetti, sarà molto difficile trovare i calibri tra 60 e 80.

È appena terminato il raccolto della cipolla Grano de Oro, quella con la durata di conservazione più lunga. Sebbene le piogge di marzo e aprile abbiano impedito di seminare il bulbo nel periodo abituale in Castiglia-La Mancia (la principale regione produttrice della Spagna), il clima secco e le abbondanti ore di sole che sono seguite non solo hanno anticipato la fine del raccolto, ma hanno anche avuto un'influenza molto positiva sulla qualità di conservazione delle cipolle, oltre che sulle dimensioni e sulle rese.

Le superfici, le rese e i calibri si sono ridotti in tutte le aree di produzione europee. Anche l'uscita dell'Ucraina dal mercato a causa della guerra ha avuto un impatto notevole e ha determinato un'offerta di cipolle inferiore alla norma. Negli ultimi anni, la superficie coltivata a cipolle in Ucraina aveva registrato un'espansione significativa, superando persino quella della Spagna, per cui la sua assenza dal mercato si fa sentire fortemente. Le sue cipolle rifornivano i mercati dell'Europa orientale e dell'Asia e avevano una soddisfacente qualità della buccia e un buon sapore. Nel frattempo, la produzione della Romania continua ad aumentare.

Il 35-40% delle vendite di cipolle fresche spagnole è destinato al mercato interno e circa il 30% viene esportato, principalmente in Regno Unito, Germania, Francia, Portogallo, Italia e Marocco, tra le altre destinazioni. Il resto è destinato all'industria del trasformato.

Sudafrica: prezzi su livelli record
È una stagione interessante per le cipolle del Sudafrica. I prezzi sono a livelli record, triplicati rispetto all'anno scorso: circa 10 rand/kg, perché sono state piantate molte meno cipolle.

L'anno scorso è stata una stagione difficile per il prodotto, con prezzi deboli, e in più i costi di tutti i fattori produttivi - fertilizzanti, carburante, manodopera, trasporti e imballaggi - sono aumentati enormemente, insieme alla scarsità d'acqua e alla pressione delle malattie in alcune aree; nel complesso, in alcune zone sono state piantate dal 20 al 30% di cipolle in meno, e ora il mercato ha la metà dei volumi abituali.

Il mercato sta passando dalle cipolle coltivate nella provincia di Limpopo a quelle del Northern Cape e del Free State occidentale. Si prevede che i prezzi delle cipolle rimarranno forti fino a Natale, che di solito è uno dei periodi di vendita più forti dell'anno.

India: prezzi e vendite in calo
Attualmente il prezzo di riferimento della cipolla a Lasalgaon, nel Maharashtra, è di 1.220 rupie/100 kg, con un calo del 20% rispetto a un anno fa e molto inferiore alla media stagionale degli ultimi tre anni, pari a 2.354 rupie/100 kg. La Rabi, varietà raccolta tra aprile e giugno, rappresenta circa il 65% della produzione nazionale di cipolle e soddisfa la domanda dei consumatori fino alla raccolta della Kharif, in ottobre-novembre. Le cipolle Kharif non vengono immagazzinate a causa del più alto contenuto di umidità e quindi entrano direttamente nel mercato. I prezzi delle cipolle non subiscono brusche impennate in ottobre o novembre come accadeva un paio di anni fa, poiché la produzione è aumentata insieme alle infrastrutture di stoccaggio.

Nord America: previsto un calo dell'offerta e un aumento della domanda
Le scorte di cipolle per il 2022/23 sembrano essere più limitate rispetto allo scorso anno. "Ci sono stati problemi meteorologici nel periodo di coltivazione e raccolta a Washington e questo ha influito sulle rese. Il nostro raccolto è inferiore quest'anno", afferma uno spedizioniere. "Prevediamo di concludere la stagione di Washington entro la fine di gennaio, ossia circa un mese prima del normale".

Oltre a Washington, l'altra grande regione di coltivazione è l'Idaho-Oregon e altre regioni sono in fase di spedizione, tra cui Michigan, New York e Canada. Allo stesso tempo, lo spedizioniere fa notare che le forniture di cipolle dolci provengono anche dal Perù. "Ci aspettiamo di avere forniture costanti per le vacanze e per la stagione primaverile delle cipolle messicane", afferma. La qualità è molto buona e la componente logistica, che l'anno scorso era una grande sfida, quest'anno è migliorata. Dal punto di vista dell'offerta, siamo ottimisti per un buon periodo di vendita". La stagione delle cipolle dolci peruviane inizia a luglio e si protrae fino a febbraio.

Per quanto riguarda la domanda, lo spedizioniere afferma che è stato un anno in cui la richiesta ha superato l'offerta. "La domanda di prodotti di base come patate e cipolle è stata forte", afferma. "I mercati hanno rispecchiato questa situazione. Sono stati superiori alla media per tutto l'anno e, con i problemi del Nord-Ovest, mi aspetto un'offerta inferiore alla media e una domanda superiore alla media anche per il resto dell'anno".

La fine anticipata della stagione di Washington, tuttavia, non significherà necessariamente un divario nelle forniture. "Ora che il rapporto sull'offerta è stato pubblicato e che ci sono meno scorte, la maggior parte dei coltivatori-spedizionieri inizierà a posizionare il prodotto e avrà meno scorte per il mercato spot o aperto. Questo non creerà un divario, ma manterrà i prezzi forti e potenzialmente aumenterà di nuovo i prezzi nella stagione delle cipolle primaverili".

L’operatore fa notare che il prezzo delle cipolle alla fine dell'estate è salito a circa 20 dollari al sacco, una cifra considerata record. "Ora si è stabilizzato a 14-15 dollari al sacco e mi aspetto che rimanga stabile fino alla primavera".

Perù: la Colombia diventa la seconda destinazione principale per le cipolle peruviane, scalzando la Spagna
Nell'ultima Indagine Nazionale sulle Intenzioni di Semina (ENIS), era già stato previsto che per la campagna agricola 2022/23 le superfici coltivate a cipolle si sarebbero ridotte del 5,8% in Perù. Secondo l'ENIS, questa coltura, insieme a quella della patata, del riso e della carota, che hanno un'intenzione di semina inferiore, è quella in cui la distribuzione di urea sarebbe prioritaria, il che dovrebbe contribuire a bilanciare la superficie seminata e quindi a ridurre l'impatto. A questo proposito, il Ministero dello sviluppo agricolo e dell'irrigazione (Midagri), attraverso il Programma di sviluppo produttivo dell'agricoltura rurale (Agro Rural), ha finalmente annunciato l'aggiudicazione dell'acquisto internazionale di urea azotata, che arriverà nel Paese a dicembre; "troppo tardi", come hanno sottolineato diverse voci del settore.

E le cifre delle esportazioni di questa merce, il cui basso prezzo unitario rende ancora più difficile affrontare l'aumento dei costi logistici, riflettono già la complessità di questo nuovo scenario in cui, come è arrivato a dire un esportatore, "il trasporto delle cipolle costerebbe più del prodotto stesso". Le esportazioni di cipolle peruviane hanno subito una battuta d'arresto nelle spedizioni, che tra gennaio e agosto hanno totalizzato 41,9 milioni di dollari FOB, registrando un calo del 4,4% in valore rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, secondo i dati condivisi da Sunat, interrompendo nel 2022 il trend di crescita continua che le spedizioni stavano avendo dal 2017.

Inoltre, gli elevati costi logistici hanno portato a privilegiare le destinazioni più vicine per il prodotto peruviano; un dato che riflette le statistiche di esportazione disponibili fino ad oggi e condivise da un'importante società di consulenza peruviana.

Gli Stati Uniti rimangono la destinazione principale per le esportazioni di cipolle del Perù con una quota del 65% del prezzo FOB, ma nei primi mesi dell'anno la Colombia - che condivide il confine con il Paese - ha aumentato i suoi acquisti di cipolle peruviane fino ad occupare la seconda posizione con una quota del 19% spiazzando la Spagna, che retrocede di una posizione nella classifica delle principali destinazioni per l'ortaggio peruviano, con una quota dell'11%. Alla fine dello scorso anno, ricordiamo, le esportazioni verso la Spagna rappresentavano il 21% del valore FOB, mentre quelle colombiane solo il 10%.

Oceania: stagione normale per le cipolle australiane, la Nuova Zelanda risente ancora degli effetti della pandemia
Si prevede che le cipolle australiane tornino ai livelli di produzione di questa stagione. Un rappresentante dell'ente industriale ha osservato che la superficie coltivata a cipolle in Australia è abbastanza stabile e il numero di ettari piantati è simile a quello dell'anno scorso. "Il Queensland è stato colpito da un clima umido subito dopo la semina, che ha causato alcuni problemi. Tuttavia, il resto del Paese è sulla buona strada per una stagione normale. Il Queensland si appresta ad entrare in produzione tra circa 4-6 settimane con prodotto fresco, e i mercati sembrano abbastanza buoni in questa fase". L'ente di settore di punta non prevede problemi di qualità dello stoccaggio.

Secondo i dati più recenti, il valore delle esportazioni di cipolle in Nuova Zelanda per l'anno conclusosi il 30 giugno 2021 è stato di 145 milioni di dollari, il 56% dei quali è stato destinato a due mercati: l'Europa continentale (49 milioni di dollari) e l'Indonesia (33 milioni di dollari). Si è trattato di un leggero calo di 148 milioni di dollari, con gli impatti del Covid-19 che hanno interessato tutto il settore dell'orticoltura attraverso la mancanza di manodopera, l'interruzione delle catene di approvvigionamento e l'interruzione dei servizi alimentari. Tuttavia, il volume è leggermente aumentato rispetto al 2020, passando da 190.169 tonnellate a 208.133 tonnellate. Le tre aree comunali più importanti in Nuova Zelanda per la coltivazione delle cipolle sono Auckland, Waikato e Canterbury.


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto