Intervista a Carlo De Riso di Op Costieragrumi

Il limone Costa D'Amalfi Igp si avvia alla fine della campagna

"A partire dal mese di maggio, e fino agli ultimi giorni di luglio avevamo previsto forti oscillazioni a rialzo dei prezzi, a fronte della scarsa quantità di prodotto disponibile, specialmente nei giardini ubicati sul mare (a raccolta precoce). Sarebbe stato nella logica della legge di mercato, e invece non è andata così". A metterci a conoscenza delle tante difficoltà affrontate in questa campagna limonicola è Carlo De Riso, amministratore di OP Costieragrumi, che riunisce 142 soci della Costa D'Amalfi, più 8 operanti fuori zona.

"Purtroppo, questo atteso non si è verificato, sia a causa della forte cascola, dove il caldo ha giocato la sua parte, sia per la mancanza d'acqua - afferma De Riso - Infatti, le eccessive temperature estive, con picchi di 38/40 °C, non solo hanno aggravato la cascola dei frutti, ma hanno provocato il prosciugamento di molte sorgenti e vasche di accumulo, dette "peschiere". A questo poi si è aggiunta "l'invasione" in Italia di limoni provenienti da altri areali (Spagna, Argentina, Sudafrica), situazione che ha mantenuto il prezzo dei nostri limoni calmierato, per poi raggiungere quotazioni alte solo a fine luglio, fino ad arrivare a questi ultimi giorni".

"Sta di fatto - prosegue De Riso - che le quantità commercializzate quest'anno sono state inferiori rispetto alla precedente annata, in particolar modo nel periodo estivo, quando abbiamo commercializzato il prodotto a prezzi elevati. Ci avviamo alla chiusura della campagna 2022 del limone Costa d'Amalfi Igp, ma continueremo comunque a fornire prodotto convenzionale rigorosamente italiano, con buccia edibile".

"Ogni anno si presentano diverse difficoltà - dice De Riso - ma credo fermamente che, laddove c'è qualità e laddove il consumatore riconosce la bontà di un prodotto italiano con caratteristiche uniche, si prova a superare il problema, nonostante qualche catena di supermercati, per scelta commerciale, decida di sostituire il nostro prodotto con merce proveniente dall'estero".

Op Costieragrumi sta lavorando anche sui trasformati: succo e olio essenziale di limone 100% naturale, in quanto ottenuto da prima premitura, attraverso un processo di estrazione meccanica a freddo. L'interesse destato da questa linea è molto forte, nonostante sul mercato siano presenti offerte di prodotti a prezzi minori, ma ottenuti con processi di trasformazione differenti.

L'organizzazione di produttori ha aggiunto altre novità legate alla valorizzazione del territorio e alla promozione del Limone Costa D'Amalfi Igp, con percorsi di formazione guidati legati allo show cooking e alla cucina amatoriale. L'intento è quello di mostrare sia ai turisti sia ai clienti il modo di lavorare dell'azienda e far comprendere le potenzialità di questo prodotto e i suoi molteplici usi.

Costieragrumi prossimamente presenterà anche la sua linea BIO, destinata sia al prodotto fresco che al trasformato. Mostrando attenzione già da anni al tema dell'ecosostenibilità, l'azienda ha studiato soluzioni a basso impatto ambientale, a partire dal packaging, che sta già testando sul mercato svizzero, particolarmente sensibile al tema dell'ecosostenibilità.

Per maggiori informazioni:
Costieragrumi De Riso S.r.l      
Via Pioppi, snc - Loc. Tufo
84010 - Minori - (SA)
+39 089 877788
info@costieragrumi.it
www.costieragrumi.it


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto