Antonio Carmona, presidente Palmanaranja:

"Dobbiamo essere tutti consapevoli che bisogna aumentare i prezzi di vendita sia all'origine che nei magazzini"

Nelle province spagnole di Cordoba e Siviglia, il fiume Guadalquivir attraversa un'ampia e fertile vallata, considerata una delle principali aree agricole dell'Andalusia, dove si coltivano le arance con il marchio di garanzia "Naranjas del Valle del Guadalquivir". La campagna è appena iniziata con la raccolta delle primizie.

"Quest’anno la produzione dovrebbe diminuire in modo significativo, rispetto alla stagione precedente, per diversi fattori", spiega Antonio Carmona, presidente di Palmanaranja e direttore della SAT Sunaran. Secondo la prima stima del Consiglio andaluso dell'agricoltura, in Andalusia, la produzione di arance in questa stagione sarà inferiore del 29,9% rispetto alla precedente.

"È vero che dopo una campagna di carica produttiva, di solito ne segue uno di scarica, ma quest'anno la flessione sarà più netta, per le conseguenze della siccità che ha colpito l’Andalusia. Infatti, le diverse comunità irrigue della regione segnalano una significativa riduzione delle loro assegnazioni di acqua di irrigazione, ma questo non significa che non avremo abbastanza frutta per soddisfare le esigenze dei mercati in cui commercializziamo il nostro prodotto", ha affermato Antonio Carmona.

"A livello commerciale, quest'anno stiamo cercando di spiegare il perché sia del calo della produzione che dell'aumento dei costi che tutti i settori, compreso il nostro, stanno affrontando sia all'origine che nei magazzini.  I prezzi di fertilizzanti, energia, combustibili e materiali d’imballaggio, hanno tutti registrato un deciso incremento".

"In questa stagione, il nostro obiettivo è sensibilizzare il mercato su questa situazione e fare in modo che i prezzi di vendita riflettano l'aumento di questi costi, in modo che, alla fine, tutti gli operatori della filiera possano realizzare il loro profitto, a cominciare dai produttori. Ovviamente capiamo che anche i clienti hanno gli stessi problemi di aumento dei costi e inflazione, ma stiamo cercando di trovare un equilibrio affinché l'attività rimanga redditizia per tutti".

Il Ministero dell'agricoltura ha documentato questo aumento dei prezzi attraverso l'indice dei prezzi pagati nel settore agricolo, che misura l'evoluzione nazionale mensile e annuale dei prezzi pagati dai produttori per i materiali utilizzati nelle loro aziende. Gli ultimi dati disponibili, corrispondenti al mese di giugno, in generale mostrano che, in Spagna, i prezzi pagati per beni e servizi agricoli sono aumentati del 40,16% a giugno 2022, rispetto allo stesso mese del 2021. La carenza di fertilizzanti, che è sempre più preoccupante, è stata una delle principali questioni affrontate all'ultimo Consiglio dei ministri dell'agricoltura dell'Unione europea. A giugno, i prezzi dei fertilizzanti sono risultati il 98,49% più alti di quelli dell’anno precedente.

Guardando i numeri è ancora più facile capire che la sostenibilità del settore sarà possibile solo se questi aumenti potranno essere trasferiti sui prezzi pagati per la produzione. "Dobbiamo essere tutti consapevoli che bisogna aumentare i livelli dei prezzi rispetto agli altri anni, sia per il prodotto all'origine che nei magazzini. Forse questa sarà la stagione in cui finalmente tutti capiranno che è necessario adeguarsi alle circostanze".

"Manca una campagna per promuovere il consumo di arance, su iniziativa dell'organizzazione interprofessionale"
L'Associazione per la promozione delle arance della Valle del Guadalquivir, che fa parte della Mesa de Cítricos de Andalucía insieme alle principali organizzazioni agricole, rappresenta il riferimento per tutto il settore della regione. La sua missione è garantire la protezione e lo sviluppo del settore agrumicolo della Valle del Guadalquivir, nonché la sua promozione", ha affermato Antonio Carmona.

"Il nostro mercato principale rimane l'Europa, ma oggi le arance andaluse raggiungono destinazioni in tutto il mondo, dall'Asia orientale al Nord America. In effetti, il Canada è un Paese che ha acquisito sempre più importanza negli ultimi anni. Ci sono anche Paesi interessati alle arance andaluse in Sud America, così come in Africa e Medio Oriente".

"Per quanto riguarda il mercato domestico, molte delle organizzazioni di settore concordano sul fatto che uno dei dati più preoccupanti è forse il calo del consumo di agrumi. Pertanto, oltre alle diverse attività promozionali di ciascuna organizzazione o regione autonoma, manca una campagna promozionale, di livello nazionale, per favorire il consumo di arance e dare maggiore visibilità al prodotto spagnolo, su iniziativa dell'organizzazione interprofessionale".

Per maggiori informazioni:
Association for the Promotion of Oranges from the Guadalquivir Valley
+34 957 630 972
naranjas@valledelguadalquivir.es
valledelguadalquivir2020.es


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto