Enrique Colilles, amministratore delegato della Trops:

"Quando finirà la stagione spagnola del mango, le catene europee rileveranno una differenza nelle vendite"

La campagna spagnola del mango si concluderà alla fine di questo mese, da 7 a 10 giorni prima del solito. Questo è il risultato di una maggiore domanda e di una minore concorrenza di altre origini, nonché della superiore qualità organolettica dei frutti di Malaga.

"Per qualche ragione, c'è stata una minore fornitura di altre origini sui mercati europei, in particolare dal Brasile. Ci siamo ritrovati abbastanza soli e abbiamo venduto i nostri mango più velocemente del solito, grazie alla qualità superiore", afferma Enrique Colilles, amministratore delegato della Trops, una cooperativa che produce e commercializza circa il 55% di tutti i manghi coltivati in Spagna. "Inoltre, come ci hanno confermato i nostri clienti e consumatori, il sapore e, in generale, la qualità dei mango di Malaga è stato davvero eccezionale quest'anno in cui, sorprendentemente, i calibri sono stati un po' più piccoli".

Questa abbondanza di calibri meno commerciali è stato il più grande ostacolo nel mantenere i prezzi a un livello soddisfacente per i coltivatori. "I mango malgasci valgono più del loro prezzo. I canali di vendita abituali non si aspettavano manghi più piccoli e questo è stato motivo sufficiente per non attivare prima la domanda, anche se i consumatori non se ne sono accorti. Ci sono catene europee di supermercati dove i nostri mango stanno andando sorprendentemente bene", afferma Enrique Colilles.

"Normalmente, quando a Malaga inizia la stagione del mango, le vendite aumentano nei negozi, grazie al suo sapore e all'aspetto accattivante dal momento che può maturare più a lungo sull'albero, grazie alla vicinanza ai mercati europei. Questo è stato anche più evidente quest'anno, dato il suo sapore e la minore presenza di importazioni da altre origini. Ora che la stagione spagnola sta volgendo al termine, le catene di supermercati noteranno la differenza nelle vendite", afferma Colilles.

Secondo l’amministratore delegato della Trops, i mango di Malaga non sono ancora valutati come dovrebbero quando raggiungono i calibri commerciali. Pertanto quando c'è una predominanza di calibri più piccoli, a causa dell'influenza del meteo, il prezzo medio scende notevolmente.

"Durante la stagione spagnola del mango, i mercati europei hanno accesso a un prodotto locale che si distingue per la minore impronta di carbonio e il gusto eccellente. Penso che sia importante diventare più flessibili e garantire la 'demercificazione' di alcuni prodotti. Una cassa di mango non può valere 6 euro tutto l'anno se, per qualche mese, hai un prodotto che aumenta le vendite e attira i consumatori nei negozi. Perché quindi non pagarlo il 40-50% in più rispetto al prodotto di altre origini? Ci sono catene di supermercati che si stanno rendendo conto (ora che la campagna sta per finire) la forte domanda generata dai mango spagnoli e ci chiedono quantità che non possiamo fornire. Sicuramente ci saranno cambiamenti nelle prossime campagne. Potrebbero esserci catene che rimarranno senza mango spagnolo perché la fornitura andrà a coloro che lo apprezzano", ha affermato Enrique Colilles.

Quest'anno, la produzione spagnola di avocado potrebbe essere inferiore del 30-40%
In Spagna si stanno raccogliendo le varietà di avocado dalla buccia liscia Bacon e Fuerte, e presto arriverà anche il primo Hass della stagione.

"Ci aspettiamo un calo della produzione di avocado tra il 30 e il 40%, rispetto allo scorso anno, mentre nella Valle del Velez, una delle zone di produzione più importanti del Paese, il calo potrebbe superare il 60%", ha affermato Enrique Colilles, che ha sottolineato che "questo non accadrà solo in Spagna, ma nella maggior parte dei Paesi produttori. È un prodotto difficile da coltivare. Ci sono aree in cui gli avocado prosperano e altre in cui la loro produzione può essere problematica, e questo è stato nuovamente evidente quest'anno".

Trops se une a la plataforma internacional de aguacate Green Motion

Dal momento che ci sono meno frutti sugli alberi, la previsione è che ci sarà un'abbondanza di grandi calibri, anche se, secondo l’amministratore delegato della Trops, ci sarà la disponibilità di tutti i calibri e per tutte le tipologie di clienti.

Per quanto riguarda le tendenze nel consumo di avocado, Enrique Colilles ha affermato che, mentre "l'anno scorso c'è stata una grande produzione e sembrava che i modelli di consumo di avocado stessero cambiando, con un'offerta maggiore della domanda, la nostra percezione è che il consumo continui a crescere. C'è molto interesse in questo prodotto e continuano ad aggiungersi nuovi consumatori. Normalmente, chi prova l'avocado per la prima volta finisce per introdurlo nella sua alimentazione".

La scorsa stagione, Trops ha commercializzato circa 30.000 tonnellate di avocado spagnoli, cioè tra il 40 e il 50% dell'intera produzione nazionale.

Per maggiori informazioni:
TROPS
Nave TROPS. Políg. Industrial TROPS
C.P. 29719 Vélez-Málaga. Spagna
+34 952 500 700
info@trops.es 
www.trops.es


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto