Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Johann Janker (Ecowind) e Stephan Schindele (BayWa Renewable Energy):

"L'agrofotovoltaico offre agli utenti sia differenziazione del reddito che opportunità di risparmio"

Le energie rinnovabili, come quelle che derivano da vento e sole, hanno acquisito rapidamente importanza negli ultimi anni. L'azienda EcoWind, una filiale della divisione "Energie Rinnovabili" di BayWa, si dedica all'agrofotovoltaico, avendo sviluppato un processo per il doppio utilizzo dei frutteti. Con la messa in funzione del nuovissimo impianto "Fruchtvoltaik" di Haidegg, nella Stiria orientale, ci sono ora in totale 14 siti Agri-PV nei Paesi Bassi, in Germania e in Austria. Al congresso dei produttori ICOP di quest'anno a Weiz, Johann Janker e Stephan Schindele ci hanno fornito una panoramica dei processi e del loro potenziale applicativo.

Con il cosiddetto doppio uso, il produttore non raccoglie solo mele e piccoli frutti, ma anche energia solare. Quest'ultima viene utilizzata direttamente o immagazzinata per essere utilizzata in un secondo momento. Schindele ha dichiarato: "Il processo offre quindi opportunità di guadagno aggiuntivo e di risparmio economico. Vogliamo anche contribuire a una maggiore accettazione di quello che è praticamente un nuovo settore".

A destra: Vista dell'impianto di Haidegg, dove si producono mele. L'Agri-PV viene già utilizzato anche per le drupacee e i frutti rossi. Sono già in programma altri progetti in Polonia e Portogallo.

Uso efficiente del suolo
Con la divisione di BayWa che si occupa di commercio di frutta e le attività esistenti di commercializzazione di moduli solari per l'industria e le PMI, è stato un passo relativamente logico unire le competenze in Agri-PV, secondo Schindele. "Il nostro obiettivo è sviluppare soluzioni ottimali per i rispettivi mercati e utilizzare il terreno in modo efficiente nel processo". Oltre al doppio rendimento, Schindele ha affermato che non bisogna trascurare la funzione protettiva dei pannelli solari. "Gli Agri-PV forniscono una protezione diretta dalla pioggia e dalla grandine, e persino dal gelo leggero. Abbiamo scoperto che le colture speciali, in particolare, possono trarre grandi vantaggi dall'Agri-PV".


Johann Janker e Stephan Schindele

Riduzione del fabbisogno di manodopera e di acqua, nonché dell'uso di fitofarmaci
L'ultimo progetto faro nel campo dell'agrofotovoltaico è l'impianto di Haidegg, in Stiria. Le idee e gli approcci iniziali sono stati fatti nel febbraio 2021, e nel luglio di quest'anno l'impianto poteva già essere messo in funzione, dice Janker. "Quindi i tempi di realizzazione sono relativamente brevi, il che è sicuramente particolarmente vantaggioso". In pratica, Agri-PV offre agli agricoltori un pezzo di differenziazione del reddito e molteplici opportunità di risparmio. Grazie ad Agri-PV, infatti, il fabbisogno di manodopera e di acqua si riduce notevolmente. Inoltre, è possibile ottenere ricavi più elevati, pari a 8.000 euro per ettaro all'anno. Siamo anche convinti che l'uso di fitofarmaci possa essere notevolmente ridotto grazie ad Agri-PV, il che è anche nello spirito della sostenibilità".


Benedikt Kammerstätter e Michael Fuker (Ecowind)

Dati principali Haidegg:
- Superficie totale: 5,000 mq
- Pannelli fotovoltaici: 2.775 mq
- Capacità totale: 340 kWp
- Produzione di energia elettrica prevista all'anno: fino a 385.000 kWh
- Numero di moduli: 1.134 pezzi
- Specifiche: 49% di trasmittanza luminosa
- Convertitore di potenza: 9 unità (6 stringhe di 21 moduli ciascuna)

Per maggiori informazioni:
Johann Janker & Stephan Schindele
EcoWind GmbH
+43 2748 20 310
jj@ecowind.at 
www.ecowind.at  
www.baywa-re.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto