Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Il Perù vuole aprire dodici nuovi mercati per i suoi mirtilli

Il Perù si è prefissato di aprire 12 nuovi mercati di esportazione in futuro. Ciò segue la recente apertura e le prime esportazioni in Portogallo, Israele e Giordania, avvenute tutte nell'attuale campagna 2022. "Il nostro obiettivo è quello di aprire un altro mercato prima della fine di questa stagione, ma non possiamo ancora saperlo perché dipende da diversi fattori", afferma Luis Miguel Vegas, direttore generale dell'Associazione dei produttori di mirtilli del Perù (ProArándanos).

Il Perù si è imposto in 62 mercati internazionali come primo Paese produttore ed esportatore di mirtilli. Proarandanos stima che per la stagione 2022/23 la nazione esporterà circa il 25% in più rispetto alle 250mila tonnellate di mirtilli dell'anno scorso.

Tuttavia, l'unico obiettivo non è una crescita stellare, ma la diversificazione dei mercati, la ripartizione dei rischi e l'aumento delle opportunità di vendita per le aziende peruviane produttrici ed esportatrici di mirtilli. Visti i rischi e gli shock globali, non dipendere troppo da pochi mercati chiave è la lezione che l'industria peruviana dei mirtilli, relativamente giovane, ha adottato fin dall'inizio. "Per noi è importante raggiungere una maggiore diversità di mercati che aumenti le opportunità per le aziende. Attualmente abbiamo 12 destinazioni in fase di apertura", spiega Miguel Vegas.

L'apertura di nuovi mercati non avviene da un giorno all'altro. Si tratta di uno sforzo enorme e continuo da parte del governo e dei suoi ministeri, delle ambasciate e delle agenzie come Senasa, dell'industria, di vari specialisti e di diverse agenzie omologhe nei Paesi di destinazione. È risaputo che ci vogliono dai 10 ai 15 anni per aprire un singolo nuovo mercato per un prodotto di base. Per questo motivo, il ritmo con cui il Perù riesce ad aprire nuovi mercati per i mirtilli fa invidia ai paesi concorrenti.

Miguel Vegas ci dà un'idea di come il Perù riesca a farlo: "Senasa ha tenuto riunioni tecniche bilaterali con le agenzie di queste destinazioni per determinare i requisiti sanitari e fitosanitari. Mantiene una comunicazione costante con i suoi omologhi per accelerare lo scambio di informazioni tecniche necessarie all'apertura di nuovi mercati. Inoltre, insieme a Proarandanos, si è coordinato con le agenzie governative per il commercio internazionale per promuovere i processi di apertura".

Inoltre, non è un'impresa da poco tenere traccia di quali siano le fasi e gli stadi in cui si trova ciascun paese lungo il percorso per ottenere l'accesso al mercato. "Ci sono destinazioni con processi più avanzati di altre. Tra l'elenco delle destinazioni in fase di processo ci sono Indonesia, Vietnam, Corea del Sud e Giappone, tra gli altri", afferma Miguel Vegas.

Per maggiori informazioni:
Luis Miguel Vegas
Proarandanos
+51 980 503 363
contacto@proarandanos.pe  
www.proarandanos.org


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto