Herman Lion - Lathouwers en Co:

"Per il consumo di indivia le temperature devono diminuire ancora molto"

Il consumo di indivia non sta beneficiando del perdurare delle alte temperature in Belgio e nei Paesi Bassi. "Il clima caldo gioca un ruolo importante nelle vendite di indivia e, per ora, le temperature in Belgio sono ancora superiori ai 17 °C - afferma Herman Lion di Lathouwers and Co - Sembra insolito per il periodo dell'anno, ma la gente continua a d acquistare lattuga e pomodori in questo momento. La temperatura dovrà ancora scendere per favorire i consumi".

Nel frattempo la raccolta per la nuova stagione dell'indivia da campo aperto è in pieno svolgimento in Belgio. "La scorsa settimana c'è stata l'apertura ufficiale della stagione di Hoegaarden e sembrava promettente. C'è stata molta attenzione da parte dei media, ma resta da vedere quale sarà il risultato - continua Herman - Alcuni coltivatori mi hanno riferito che le radici già estirpate sono un po' più piccole rispetto agli anni precedenti. L'ondata di caldo di quest'estate ha avuto i suoi effetti sulle radici. Tuttavia, non è detto che questo comporti una scarsa resa. Al contrario, ho visto regolarmente spuntare bellissime punte da radici più piccole, ma si potrà vedere davvero solo a partire da novembre-dicembre".

Quindi, per quanto riguarda l'offerta, il tempo ci dirà di più, ma anche per quanto riguarda la domanda c'è molto fermento nel mercato dell'indivia. "Abbiamo iniziato due settimane prima rispetto agli anni precedenti, ma ci si chiede se la gente continuerà ad acquistare. Se al supermercato si vede una confezione di indivia di campo a 5 euro e accanto una confezione di indivia da idrocoltura alla metà di quel prezzo, temo che con gli attuali costi fissi per molti consumatori la scelta è presto fatta. Solo i veri 'irriducibili' sceglieranno ancora l'indivia da pieno campo. In realtà, non oso dire cosa farà l'inverno. I prezzi sono un po' più bassi rispetto all'anno scorso, ma questo farà la differenza?".

I costi estremamente elevati per i coltivatori si ripercuotono anche sull'immagine futura degli ortaggi delle Fiandre. Al momento i "giovani" coltivatori sono già pochi e la situazione non rende più attraente nemmeno l'ingresso nella professione.

"L'anno scorso molti coltivatori avevano già l'acqua al collo e anche quest'anno il terreno nelle serre esterne deve essere riscaldato. Ma anche i prezzi dell'olio combustibile, che alcuni coltivatori usano per il riscaldamento, e del gasolio per i trattori per la raccolta, ad esempio, stanno salendo alle stelle. Non posso parlare per gli altri, ma ci sono serie preoccupazioni sulla mancanza di successione in questo settore".

Per maggiori informazioni:
Lathouwers en Co
Veilinglaan 39
1861 Wolvertem (Meise) - Belgio
+32 (0)52 39 79 00
info@lathouwers.net  
www.lathouwers.net


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto