Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Benoît Maillard-Guillon (Ets Meseguer) sull'aumento dei costi energetici:

"Non possiamo sbagliare durante la campagna delle clementine"

La campagna sudafricana delle clementine si è appena conclusa e, due settimane fa, gli importatori hanno iniziato la stagione delle clementine e dei mandarini spagnoli. "I volumi aumenteranno dalla prossima settimana e l'origine corsa dovrebbe arrivare sul mercato tra pochi giorni, anche se alcuni operatori hanno già iniziato la scorsa settimana con alcune varietà precoci", spiega Benoît Maillard-Guillon di Ets Meseguer, di base al mercato di Rungis.

Una sfida a livello commerciale
Quest'anno, la campagna sembra promettente in termini di produzione, ma è probabile che il marketing possa rappresentare una sfida. "La stagione dovrebbe essere molto buona per volumi e qualità. Quest'anno ci sono state delle ondate di caldo ma sono state controllate nei frutteti, quindi non sono preoccupato per la qualità della produzione di quest'anno. Tuttavia, è probabile che la situazione economica sia un problema. L'aumento dei costi energetici è tale che non possiamo sbagliare. Tutta la merce che distribuiamo dovrà essere di qualità ottimale. Non possiamo correre il rischio che venga rigettata, in un contesto in cui i costi di carburante, energia e produzione sono esplosi".

Un contesto che favorisce lo spreco alimentare
Paradossalmente, sebbene la tendenza ad evitare lo spreco alimentare sia sempre più diffusa, il contesto attuale sta spingendo ancora di più il settore alla ricerca della qualità perfetta. "I consumatori non sono così tolleranti come una volta sulla qualità del prodotto. E oggi non possiamo più permetterci di 'correre dei rischi' perché le conseguenze sarebbero troppo pesanti. Ora, se c’è anche il minimo dubbio sulla qualità di un prodotto, scegliamo di non commercializzarlo. È un circolo vizioso che purtroppo favorisce lo spreco alimentare e porta a un sistema del tutto improduttivo".

La campagna sarà particolarmente difficile per i piccoli produttori
L'aumento dei costi energetici è molto difficile per tutti i Paesi, ma ancor di più per coloro che non beneficiano di uno scudo sui dazi.

"Gli spagnoli stanno subendo più di noi i maggiori costi energetici. Per i piccoli negozi con sistemi di refrigerazione, le bollette sono triplicate. Tutti gli operatori della catena ne risentiranno, dai produttori ai retailer, e avremo bisogno che collaborino fra di loro e riducano i margini. I produttori da soli non saranno in grado di far fronte a questo calo, ulteriormente indotto dalle vendite promozionali, soprattutto se non collegati a un ufficio commerciale. Molti piccoli produttori faranno fatica a superare questa campagna. Alcuni lasceranno i frutti sugli alberi per evitare il rischio di vendere in perdita. Per noi la sfida sarà moltiplicare i punti vendita per garantire ai nostri produttori la vendita della nostra merce al miglior prezzo possibile".

Per maggiori informazioni:
Benoît Maillard-Guillon 
Ets Meseguer
+33 146 864 170
benoit@etsmeseguer.fr    
www.etsmeseguer.fr 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto