Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Paris Karastergios, Kastargiou P. Bros S.A.

"I costi dell'elettricità in Grecia sono ben oltre il 100 per cento in più in questa stagione"

La domanda di pere greche non ha subito battute d'arresto, secondo Paris Karastergios, coordinatore import-export dell'azienda greca Kastargiou P. Bros S.A. "In generale, la domanda di pere greche è rimasta abbastanza stabile, con programmi in corso per i calibri medio-grandi di pere Santa Maria, 60+. La domanda di calibri più piccoli, 50-60, ha appena iniziato a tornare ai livelli dell'anno scorso, con il mercato giordano che è passato lentamente dalle pere Coscia/Ercolini alle Santa Maria”.

Gli esportatori greci di pere hanno fatto del loro meglio per vendere le loro giacenze il più velocemente possibile, e per evitare i costi di stoccaggio, spiega Karastergios. "La raccolta è terminata a fine agosto e, da allora, abbiamo affrontando i costi di stoccaggio. L'elettricità in Grecia costa ben oltre il 100% in più in questa stagione rispetto all'anno scorso, e ciò che è più preoccupante è che nessuno può garantire che l'elettricità non continui ad aumentare nel 2023. Questo fatto rende difficile organizzare la pianificazione a lungo termine e fa scendere decisamente il nostro margine di profitto. Quindi, vendere velocemente all'inizio della campagna era un obiettivo per noi, che abbiamo raggiunto grazie alla forte domanda di agosto e settembre per le pere Coscia e Santa Maria".

Karastergios dice che bisognerebbe aumentare i prezzi finali delle pere, ma il mercato sta facendo il possibile per mantenere i prezzi bassi: "Dall'inizio della campagna, i prezzi sono oscillati da 0,60 euro/kg, per calibri da 50/60 a 1,15 per calibri 70/80 e pere di Classe I. Allo stesso tempo, le pere di II categoria vengono vendute a 0,40 euro/kg indipendentemente dal calibro. Tuttavia, i costi stanno aumentando a causa dei costi di stoccaggio e questo, unito al trattamento Smartfresh, applicato per le pere che vendiamo da metà settembre in poi, è il motivo per cui cerchiamo di aumentare i nostri prezzi di vendita per tutti i calibri. I mercati, intanto, stanno cercando di mantenere i prezzi sui livelli precedenti".

Per la Kastargiou P. Bros S.A, Israele è stato effettivamente il mercato più importante per le loro pere in questa stagione. "La maggior parte delle nostre pere sono state esportate in Israele, mentre la Giordania assorbe la maggior parte dei calibri più piccoli. Nel corso degli anni, abbiamo sviluppato una clientela ristretta ma fedele in entrambi questi Paesi e, con l'aggiunta di alcuni importanti importatori in questa stagione, abbiamo raggiunto programmi di carico costanti. Abbiamo parlato con i nostri clienti tutto l'anno e abbiamo concordato alcuni caricamenti in anticipo, tuttavia l'interesse è risultato più vivo di quanto ci aspettassimo inizialmente".

"Abbiamo superato la prima parte della nostra campagna di pere Santa Maria, e abbiamo ancora abbastanza pere da esportare. Ora ci stiamo concentrando su mercati diversi: inizieranno a breve i carichi in Oman e siamo in contatto con clienti dal Libano e dal Bahrain per iniziare a esportare anche in quei Paesi. Quando finiremo con la nostra campagna della Santa Maria, inizieremo ad esportare le pere Blanquilla, una varietà che può essere conservata molto più a lungo delle altre. Tuttavia, l'interesse è più alto del previsto e potremmo dover iniziare a confezionare la Blanquilla prima del previsto", conclude Karastergios.

Per maggiori informazioni:
Paris Karastergios
Karastergiou P. Bros S.A.
Tel.: +30 24610 26940
Cell.: +30 693 2469117
Email: paris.karastergios@karastergioubros.gr


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto