Nonostante l'aumento della quota

Moldavia: poco probabile che il Paese esporti più di 15.000-20.000 tonnellate di mele verso l'Ue

Gli esperti delle organizzazioni non governative e i commercianti della Moldavia concordano sul fatto che la dichiarazione del ministero dell'agricoltura e dell'industria alimentare MAIA sulla possibilità di esportare il record di 50.000 tonnellate di mele in questa stagione è "realizzabile, ma irragionevolmente ottimistica".

Secondo east-fruit.com, la dichiarazione ministeriale è stata causata da due fatti positivi. In primo luogo, come è stato ripetutamente notato a tutti i livelli, la Commissione europea ha raddoppiato la quota per l'esportazione di mele moldave nell'Unione europea nella campagna in corso fino a 80.000 tonnellate. Questo dovrebbe essere considerato un importante incentivo, soprattutto psicologico. Si può anche supporre che le autorità dell'Ue e i governi nazionali di alcuni Paesi incoraggino anche i commercianti e i dettaglianti europei a collaborare con i fornitori di mele della Moldavia. In secondo luogo, quest'estate la Moldavia ha esportato circa 2.000 tonnellate di mele al mese verso la Romania (mentre l'anno scorso le esportazioni totali della Moldavia verso il mercato europeo ammontavano a circa 1.800 tonnellate).

Tuttavia, dall'inizio dell'autunno le forniture di mele moldave all'Ue sono diminuite drasticamente. Anche ipotizzando che la Moldavia riprenda rapidamente il "ritmo estivo" delle forniture di mele alla Romania nella seconda metà di ottobre e che entri in altri mercati europei con volumi ridotti, i commercianti moldavi potrebbero essere in grado di esportare circa 20.000 tonnellate di mele entro la prossima estate. Secondo gli esperti delle organizzazioni agricole, anche questo sarà un ottimo risultato. Soprattutto se si considera l'elevato raccolto di mele del 2022 in molti paesi europei, in particolare in Polonia, e il basso raccolto di mele in Moldavia (secondo una previsione ottimistica di 480mila tonnellate, secondo una pessimistica di 380mila-400mila tonnellate).

Molte aziende ortofrutticole hanno messo insieme le risorse per una raccolta di mele tempestiva e di alta qualità nel mese di ottobre, ma, secondo gli operatori del mercato della frutta, il loro immagazzinamento sta procedendo piuttosto lentamente. Non è ancora chiaro se i commercianti riusciranno ad accumulare il volume di 100.000 tonnellate di mele nei magazzini prima dell'inverno.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto