Elisa Macchi, direttore CSO Italy

Frutta e verdura biologiche: il consumo in Italia

"Non stiamo vivendo un buon momento, per quanto riguarda i consumi di ortofrutta in Italia: dal 2017 al 2021 gli acquisti al dettaglio hanno subito una flessione progressiva (-9%). Siamo passati da circa 6,5 milioni a poco più di 5,9 milioni di tonnellate. In particolare, nel 2021 abbiamo assistito a un 3% in meno sul 2020. Allo stesso tempo, il prezzo medio al dettaglio sta aumentando". A sostenerlo è Elisa Macchi, direttore di CSO Italy, durante il Digital Press Lunch di Made in Nature, organizzato per presentare il progetto e la nuova campagna (vedi articolo correlato).


Clicca qui per un ingrandimento della slide, tratta dalla presentazione di Elisa Macchi.

Nello specifico del biologico, Macchi ha sottolineato: "A livello quantitativo, dal 2017 al 2019, i consumi di ortofrutta biologica si sono mantenuti abbastanza costanti. Si sono registrate una prima flessione nel 2020 e una seconda nel 2021 (-1% rispetto all'anno precedente). Considerando il lungo periodo, dal 2017 al 2021, i consumi domestici di ortofrutta biologica sono scesi di un modesto 2%. Anche in questo caso, aumenta progressivamente il prezzo medio al dettaglio".


Clicca qui per un ingrandimento della slide, tratta dalla presentazione di Elisa Macchi.

Differenza tra consumi di frutta e ortaggi biologici
"Poco più di 300mila tonnellate riguardano il consumo di frutta biologica, mentre circa 38.000 ton si rifanno ai consumi di ortaggi bio - ha specificato Macchi - E l'andamento negli anni è decisamente diverso per le due categorie. Per quanto riguarda la frutta, si è registrata una certa stabilità tra il 2017 e il 2019, seppur con un calo nel 2018. Successivamente, nel 2020 e nel 2021, la flessione si è fatta più consistente. Per quanto concerne gli ortaggi bio, è vero che rappresentano una quota più piccola sul totale, ma si registra una crescita costante di anno in anno: dalle quasi 24.000 tonnellate del 2017 alle quasi 38.000 del 2021".


Clicca qui per un ingrandimento della slide, tratta dalla presentazione di Elisa Macchi.

"Se per la frutta il prezzo medio di acquisto è costantemente in aumento nel corso dei 5 anni considerati, per quanto riguarda gli ortaggi io ravvedo un trend in calo", ha spiegato il direttore di CSO Italy.

Sul totale biologico, nel 2017 la frutta rappresentava il 93%; nel 2021 la quota è dell'89%.


Clicca qui per un ingrandimento della slide, tratta dalla presentazione di Elisa Macchi.

"Nell'ambito della categoria frutta biologica, i principali prodotti che vengono consumati sono mele, arance, banane (con una quota dell'11% ognuno), limoni (9%) e fragole (7%), che insieme rappresentano quasi il 50% degli acquisti di frutta bio nel nostro Paese. Nel 2021, fragole e banane registrano rispettivamente un aumento del 34 e del 3% rispetto al 2020. Gli altri prodotti segnano una flessione", ha sottolineato Macchi.


Clicca qui per un ingrandimento della slide, tratta dalla presentazione di Elisa Macchi.

Se si considera la quota bio sul totale consumato, il direttore di CSO Italy ha segnalato come i dieci prodotti considerati non corrispondano necessariamente a quelli del grafico sopra. "Al primo posto troviamo i limoni, che mostrano circa un 20% di acquisti biologici. Seguono una serie di prodotti, quali mandarini, banane, albicocche, ciliegie, meloni e angurie, la cui quota del biologico supera il 10% del totale. Arance, clementine e susine si aggirano sul 10%".

Macchi, inoltre, ha fatto notare come le mele, principale prodotto acquistato, non compaiano in questa top-10, essendo la loro quota sul totale bio inferiore al 10%.


Clicca qui per un ingrandimento della slide, tratta dalla presentazione di Elisa Macchi.

"Se entriamo nel dettaglio dei principali prodotti orticoli, nel 2021 il 37% degli acquisti bio si riferisce alle patate. Seguono carote (25%), pomodori (9%), cipolle (7%) e zucchine (6%). Gli acquisti di questi 5 prodotti rappresentano oltre l'80% dei consumi domestici di ortaggi freschi biologici in Italia. Rispetto all'anno precedente, si registra una crescita per patate, carote e zucchine".


Clicca qui per un ingrandimento della slide, tratta dalla presentazione di Elisa Macchi.

Fonti di acquisto
Tra le fonti di acquisto, se si guarda alla Grande distribuzione organizzata per i consumi di ortofrutta fresca biologica, la situazione non si differenzia molto dall'ortofrutta convenzionale. Nel biologico, il peso del discount è inferiore rispetto all'ortofrutta convenzionale (11% vs 17%), a vantaggio dei negozi specializzati e degli ambulanti.


Clicca qui per un ingrandimento della slide, tratta dalla presentazione di Elisa Macchi.

"In termini di volume, le tendenze degli ultimi 5 anni, per fonte di acquisto, mostrano come il primato spetti ai supermercati che presentano quote molto più elevate rispetto ad altre fonti d'acquisto, e una tendenza all'incremento delle vendite del biologico. Seguono a pari merito i mercati ambulanti e i fruttivendoli specializzati, poi discount e ipermercati", ha spiegato Macchi. 


Clicca qui per un ingrandimento della slide, tratta dalla presentazione di Elisa Macchi.

Per fare delle riflessioni, il direttore di CSO Italy ha anche posto l'attenzione sui trend dei prezzi medi annuali per le diverse fonti di acquisto. "Secondo me, è un po' difficile rilevare una correlazione tra prezzo medio di acquisto e biologico, perché le leve che portano ad acquistarlo sono meno legate al prezzo di quello che potrebbe valere per l'ortofrutta convenzionale. Ad esempio, i discount denotano un prezzo medio più basso delle altre fonti di acquisto. Per quanto concerne i supermercati, questi erano partiti con prezzi medi più elevati e, di recente, si pongono invece più vicini alla media".


Clicca qui per un ingrandimento della slide, tratta dalla presentazione di Elisa Macchi.

Fasce d'età e aree di provenienza
Le famiglie che acquistano maggiormente ortofrutta biologica appartengono all'area nord-ovest dell'Italia. Seguono il sud (compresa la Sicilia), il centro (che include la Sardegna) e l'area nord-est.

A seconda della composizione del nucleo familiare, gli acquisti di frutta e verdura fresca sono concentrati prevalentemente su nuclei monocomponenti e bicomponenti. "Nonostante per la prima composizione si registri una variazione negativa del 15% nel 2021, rispetto al 2020".


Clicca qui per un ingrandimento della slide, tratta dalla presentazione di Elisa Macchi.

"Interessante e sorprendente il dato sui consumi domestici di ortofrutta fresca in base all'età del responsabile acquisti. Come si vede nel grafico sopra, l'acquisto di frutta e verdura bio è concentrato su over 65. A seguire le due fasce, quasi simili per dati complessivi, da 45 a 54 anni e da 55 a 64 anni. Troviamo infine il gruppo da 35 a 44 anni e quello fino a 34 anni", ha sottolineato il direttore di CSO Italy.

Clicca qui per un ingrandimento della slide, tratta dalla presentazione di Elisa Macchi.

Infine, Macchi ha posto l'attenzione sull'indice di penetrazione e sul volume medio di acquisto. "Negli ultimi due anni si è registrato un calo dei consumi di biologico in Italia, ma questo dato non è dettato dall'indice di penetrazione. Non è quindi diminuito il numero di famiglie che acquista biologico almeno una volta, nel corso dell'anno. Ciò che ha subito una flessione è il consumo medio per famiglia: si è passati dai 20 kg all'anno nel 2017 ai 17 kg del 2021".


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto