Christoph Freitag, amministratore delegato di BOGK

"Ricavi di vendita in crescita, trainati dall'inflazione, con volumi invariati"

Alla luce dei continui aumenti dei prezzi e dei costi, le preoccupazioni si stanno diffondendo non solo nel mercato dei prodotti freschi, ma anche, in misura crescente, nell'industria di trasformazione. Ad affermarlo Christoph Freitag, direttore generale del Bundesverband der Obst-, Gemüse- und Kartoffelverarbeitenden Industrie (BOGK).

Aumento dei prezzi del 40%
"Al momento tutte le aziende stanno affrontando aumenti dei prezzi di almeno il 40% in tutti i settori. I problemi maggiori sono, ovviamente, gli aumenti dei prezzi dell'energia. Alcune aziende avevano precedentemente firmato contratti a lungo termine, mentre per altre i contratti sono già scaduti e devono quindi acquistare l'energia dal mercato spot. Ciò significa che in alcuni casi devono pagare molto meno al mattino rispetto al pomeriggio, ad esempio, il che crea una grande incertezza", afferma Freitag.

"Inoltre, c'è un'enorme carenza di autisti. Tuttavia, a volte i rivenditori sembrano ignorare completamente questo problema, continuando a ordinare singoli pallet, il che non è sostenibile a lungo termine perché i fornitori a volte devono guidare fino a diversi negozi per i singoli pallet". A questo proposito, la comunicazione tra industria e commercio deve ancora essere migliorata".

Perdite di raccolto fino al 40% per patate, piselli e fagioli
Per quanto riguarda il settore delle patate, in alcune regioni si sono registrate pesanti perdite di raccolto, anche fino al 40%, ad esempio nell'Alto Palatinato. "Per quanto riguarda piselli e fagioli, la resa è stata inferiore del 40%. Tuttavia, si può anche generalizzare un po': ci sono state perdite in tutti i prodotti che non possono essere irrigati adeguatamente con l'irrigazione a goccia, come piselli e fagioli. Per quanto riguarda cetrioli, barbabietole e simili, la situazione sembra sia stata migliore. Qui i raccolti sono stati da normali a buoni", afferma Freitag.

"I nostri soci trasformano soprattutto la frutta in conserve, per cui si riforniscono di prodotti surgelati quasi esclusivamente dall'estero, come mirtilli dal Canada e dalla Finlandia, susine dal Perù e dal Cile, fragole dal Marocco, dalla Cina, dal Portogallo e dalla Spagna. Anche gli ultimi due Paesi hanno avuto qualche difficoltà quest'anno, ma nel complesso sembra che siamo di nuovo in una buona posizione a livello mondiale". Rispetto all'anno scorso, quest'anno non c'è più una grande carenza di lamponi.

Migliorare la gestione dell'acqua per il futuro della produzione ortofrutticola tedesca
Tuttavia, sembra esserci ancora spazio di manovra su un punto: "Se riusciremo a gestire meglio l'acqua, avremo la possibilità di mantenere la coltivazione di frutta e verdura in Germania, il che significa che l'industria potrà continuare ad accedere alle materie prime nazionali". I risultati ottenuti quest'anno con i cetrioli dovrebbero essere trasferibili ad altre colture".

Freitag afferma che le vendite di prodotti ortofrutticoli trasformati sono scese da 8,4 miliardi a 8,2 miliardi di euro nel 2021. "Questo non era ancora un motivo di preoccupazione. Anche il 2021 è andato meglio del 2019, anche se il 2020 è stato l'anno di picco assoluto, un effetto della pandemia, in quanto i consumatori hanno fatto scorta di prodotti in scatola durante questo periodo", dice Freitag, guardando indietro.

Al momento le lamentele dei membri del BOGK sono poche. "Considerando l'anno nel suo complesso, è probabile che le vendite in euro aumentino a causa dell'inflazione, mentre i volumi di vendita rimarranno invariati. Inoltre, non ci sono grandi segnali di problemi, dato che i raccolti di quest'anno sono stati buoni".

Resistere fino all'estate
"Nessuna operazione nell'industria di trasformazione è andata persa ancora. Tutti sono pronti a resistere fino al prossimo raccolto estivo. Ma dovremo vedere come sarà la situazione dopo quel periodo", afferma Freitag. La maggior parte delle aziende agricole è in grado di rinegoziare i contratti del gas, alcuni dei quali stanno iniziando a scadere, ha detto. "I membri sono contenti che almeno il gas non si aggiunga al mix".

Freitag riconosce anche che la maggior parte degli interlocutori vuole che venga mantenuto l'ordine del libero mercato: "Ciò significa, in primo luogo, il minor intervento possibile da parte del governo. In secondo luogo, però, questo richiede un mercato funzionante, con scambi commerciali sufficienti. Finché ci sarà solo il monopolio delle quattro grandi catene di vendita al dettaglio, e non ci sarà un vero mercato libero, sarà difficile".

Per maggiori informazioni:
Christoph Freitag
Bundesverband der obst-, gemüse- und kartoffelverarbeitenden Industrie e. V. (BOGK)
Von-der-Heydt-Str. 9
53177 Bonn - Germania
Tel: +49 228 93291-0
Fax: +49 228 93291-20
Email: info@bogk.org  
Web: www.bogk.org


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto