Per l'azienda moldava Farmprod

Focus sulle vendite di mele nei mercati arabo ed europeo

Negli ultimi anni, la carenza di manodopera è diventata particolarmente problematica per le aziende ortofrutticole dell'Europa occidentale. Sorprendentemente, è anche un problema per i coltivatori dei Paesi dell'Europa orientale, come la Moldavia.

"La manodopera non è più così a buon mercato e spesso non è di alta qualità. In futuro dovremo ricorrere ai lavoratori migranti", esordisce Ion Tulei, direttore commerciale di Farmprod, un'azienda di commercio di mele e ciliegie con sede nel sud-est della Moldavia.


Ion Tulei, direttore commerciale della Farmprod

"I lavoratori moldavi del settore ortofrutticolo preferiscono andare nell’Europa occidentale, perché la paga è più alta, ma anche per una questione di mentalità. Se anche dovessi garantire ai miei raccoglitori lo stesso salario dei Paesi Bassi, a condizione che lavorino altrettanto duramente, non accetterebbero. Nei Paesi Bassi tutto si fa velocemente e bene, qui in Moldavia ci sono grandi differenze nella qualità del lavoro svolto. Ci sono raccoglitori che lavorano sodo, ma c'è anche chi dà sempre solo il 40%. Non paghiamo all’ora, ma per cassa raccolta e se la qualità è soddisfacente".

Negli ultimi anni, i coltivatori moldavi hanno iniziato ad assumere persone provenienti da India e Uzbekistan.

Coltivazione superintensiva
Per migliorare l'efficienza nei frutteti, compresa l’attività di raccolta, la Farmprod - azienda fondata nel 2009 da tre famiglie e che annovera 10 ettari di meleti - sta gradualmente sostituendo i vecchi lotti con una coltivazione superintensiva di rizomi ad alte prestazioni e varietà orientate al mercato. "Ovviamente, all'inizio abbiamo commesso degli errori. Abbiamo cambiato molti portainnesti, in particolare per susine e ciliegie. Attualmente abbiamo 130 ettari, e per ora sono sufficienti", afferma Ion.

"Per aumentare la produttività e la qualità, ora ci concentriamo sulla diversificazione varietale e su metodi di coltivazione migliori. Abbiamo già ottenuto un discreto successo su alcuni lotti. Ad esempio, raccogliamo in media 60 tonnellate di Gala per ettaro". Sui nuovi lotti di albicocche, con una distanza di impianto di 4x1,5, buoni rizomi e supporto arboreo, la Farmprod produrrà 40-45 tonnellate per ettaro, rispetto alle 20 tonnellate, dove le piante sono ancora piantate secondo uno schema 6x3.


Nuove piantagioni

Nella coltivazione delle ciliegie, le reti antipioggia sono fondamentali per mantenere un livello di qualità il più alto possibile. "Nella nostra zona le grandinate non sono frequenti, la pioggia è il vero nemico dei ciliegi. Abbiamo reti che coprono tre ettari, ma è un sistema molto costoso, quindi le installeremo su tutti i frutteti di ciliegie con gradualità. Un altro vantaggio è che i ceraseti coperti da reti possono essere raccolti un po' più tardi, perché la temperatura sotto le reti è più bassa. Questo ci consente una finestra di commercializzazione più ampia", spiega Ion.

Susine in Germania
Per quanto riguarda le esportazioni, la Farmprod invia tutto il suo raccolto di susine nell'Ue. "Quattro anni fa, nessuno in Europa conosceva le susine moldave. Ora la domanda cresce ogni anno. Abbiamo il vantaggio di portare le nostre susine su un mercato vuoto. Ma anche per le altre drupacee moldave, vedo un futuro radioso nell'Europa occidentale. Le nostre albicocche sono dolci e di ottima qualità".


Susine per la Germania

Concorrenza delle ciliegie turche
Quest'anno non ci sarà spazio per le ciliegie sul mercato europeo, dice Tulei. "Sarà già pieno di produzioni turche. Abbiamo commercializzato i nostri frutti in Russia, dove sono disposti a pagare di più per le ciliegie moldave, rispetto a quelle turche. I russi apprezzano la qualità migliore e il sapore dei nostri frutti. In Europa non conoscono ancora le nostre ciliegie, quindi tendono a pagarle come quelle turche. C’è ancora tanto lavoro di promozione da fare in Europa", dice Tulei.


Mele Gala

Le esportazioni via aerea verso i mercati più lontani non sono un'opzione. "Per ora non è possibile da Chisinau. Dobbiamo arrivare a Istanbul o Budapest, e quindi le ciliegie dovrebbero fare prima un lungo e costoso viaggio su strada. Questo farebbe perdere del tempo prezioso. Inoltre, gli acquirenti di solito ne richiedono solo due o tre tonnellate che, dal punto di vista della logistica, è complicato e non redditizio, perché riempiremmo i camion solo un decimo della loro capacità".


Le celle di stoccaggio

Mele in Medio Oriente
L'anno scorso, la Farmprod ha venduto il 60% delle sue mele sul mercato russo. La maggior parte dei volumi rimanenti è andata in Medio Oriente, e altri quantitativi sul mercato locale. "Coltiviamo molte varietà, tra cui Jeromine, Fuji e Gala. Pertanto, possiamo fornire il Medio Oriente, l'Europa e qualsiasi altro mercato. Quest'anno ci concentreremo sul mercato arabo", afferma Ion, "ma non potremo utilizzare a lungo il porto di Odessa, che dista solo 50 km dal nostro impianto di imballaggio".

"Ora siamo costretti ad andare a Costanza, in Romania. È abbastanza lontano - 500 km - e ci vuole una settimana prima che le mele raggiungano le navi. Ci sono molti ritardi legati allo sdoganamento al confine e al porto. Questa tempistica non causa problemi di qualità, perché le mele possono essere gestite, ma costa molto di più rispetto all'esportazione dal porto di Odessa. Stiamo parlando di 2.500 dollari in più per spedizione, ovvero 0,12 euro in più al chilogrammo", conclude Ion.

Ogni anno la Farmprod raccoglie 3.000 tonnellate di mele, ciliegie, susine e altre drupacee. L'azienda dispone di una capacità di celle refrigerate di 4.500 tonnellate e di una linea di selezione e confezionamento. I suoi frutti sono certificati GlobalGAP e vengono esportati in Russia, Ue e, dal 2018, anche in Medio Oriente e Bangladesh. Oltre a coltivare frutta, l'azienda coltiva anche alberi da frutto per le sue piantagioni e per i colleghi coltivatori.

Clicca qui per fare un tour virtuale dell'azienda di coltivazione Farmprod.

Per maggiori informazioni:
Ion Tulei (direttore commerciale) 
Farmprod
str. Alexandru cel Bun 62
Olanesti (Stefan Voda) – Moldavia
+373 78194401
iontulei@farmprod.md


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto