Azienda Agricola Patemisco

Le clementine pugliesi arriveranno sui mercati con due settimane di ritardo

“L'ultima campagna delle clementine pugliesi si è conclusa con risultati interessanti, sebbene i volumi minori abbiano penalizzato l'andamento commerciale. Quest’anno si ripete lo stesso scenario, pertanto avremo rese minori a causa della gelata di marzo scorso che ha colpito non solo in Puglia, ma in gran parte dell'Italia". E' quanto riferisce Luciano Latorraca, titolare dell'azienda agricola Patemisco, specializzata nella produzione e trasformazione di clementine e arance a polpa bionda di tipo Navel. 

"Per quanto riguarda queste ultime - aggiunge - avremo volumi leggermente inferiori, ma nella media degli anni precedenti". 

L'azienda Patemisco, fondata nel 1965, è specializzata nella produzione e commercializzazione di arance nelle varietà Fukumoto, Navel e Navelate, e clementine di varietà Clemenruby. Una produzione di circa 700 tonnellate di agrumi, coltivate nell'area pugliese di Massafra (TA), su 80 ettari, parte dei quali rinnovati con recenti impianti di varietà più resistenti, tra precoci e tardive. Tra le novità del marchio, la conversione nel 2022 dell'intera produzione al regime biologico considerato che negli anni le produzioni naturali si sono rivelate premianti sul piano commerciale, a fronte delle minori rese/ettaro, compensate da quotazioni più alte.

"Daremo il via - spiega Luciano Latorraca - alla campagna delle clementine con quindici giorni di ritardo, con i primi stacchi a metà novembre a causa della prolungata siccità. Piogge costanti potrebbero ancora agire sui calibri, alimentando le piante e i frutti, provati dal prolungato stress idrico. Da un paio di anni, trasformiamo parte della produzione di arance a polpa bionda e clementine in succhi e composte (270 g), impiegando gli agrumi di piccolo calibro o che presentano piccole imperfezioni superficiali".

Il processo di lavorazione dei trasformati bio è artigianale, effettuato mediante la tecnica del sottovuoto: solo frutta e pochissimi ingredienti, limone e minime quantità di zucchero, cui vengono aggiunte sottilissime scorzette per aromatizzare il prodotto finito. Nell'immediato, l’obiettivo aziendale è promuovere la linea dei trasformati nei mercati esteri, potenziando la partecipazione del marchio nelle fiere di settore più importanti in Italia e in altre nazioni.

Il succo di clementine è una novità sul mercato inflazionato dei classici succhi di frutta. Le clementine vengono raccolte e lavorate per estrarne il succo, successivamente filtrato e pastorizzato, quindi pronto per essere imbottigliato in formato da 200 ml. La composta di Clementine viene lavorata in modo naturale, con percentuali di zucchero minime e senza aggiunta di addensanti né di coloranti, così si presenta più fluida e brillante rispetto a prodotti simili. La sua particolarità è proprio legata alla composizione: una percentuale minima di frutta del 75%, con l'aggiunta di zucchero al 25%.

Tra i progetti futuri del marchio, c'è quello di ampliare la linea dei trasformati all'estero e comunicare un prodotto salutare, molto richiesto soprattutto dai giovani e dal consumatore che pone maggiore attenzione al benessere. Smoothies, frullati e centrifugati anche con frutta e verdura vengono di fatto consumati sempre più frequentemente, anche in sostituzione del pasto fuori casa.

Per maggiori informazioni:
Azienda Agricola Patemisco
Strada comunale, 48
74016 Massafra (TA)
Tel.: (+39) 099 8855964
Cell.: (+39) 333 7670020
Email: info@patemisco.it
Web: www.patemisco.it


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto