Castagno Day: una nuova strategia per il territorio

Prosegue il progetto di cooperazione LEADER "Riconquista territoriale agricola e silvicola: una guida di buone pratiche", che vede il GAL EVV e l'Unione Montana Val Susa in prima fila nella promozione della castanicoltura e delle produzioni locali, in collaborazione con Il GAL Ardèche3 e con Parc naturel régional des Monts d'Ardèche.

Nella cornice del comune di Villar Focchiardo e nell'ambito dell'Evento Terra Madre – Salone del Gusto, sabato 24 settembre si è svolta la Study Visit "Castagno Day".

La giornata, realizzata e promossa in collaborazione tra il GAL Escartons e Valli Valdesi e il GAL Terre di Pre.Gio., è stata l'occasione per lo scambio di buone pratiche sul tema castanicolo. Alla presenza di stakeholder locali e di 23 castanicoltori provenienti da tutta Italia, l'iniziativa ha gettato le basi per la nascita di un percorso comune sul tema del castagno.

Criticità, valutazioni e nuove idee sono state il perno centrale per il confronto su un settore importante per il territorio e su un tema cardine per il raggiungimento degli obiettivi strategici per la prossima programmazione Europea.

Oltre alla potenziale capacità del progetto di produrre gli effetti e gli impatti desiderati sulle comunità rurali italiane e internazionali, il castagno può rivelarsi un alleato strategico nella lotta contro i cambiamenti climatici e per la custodia della biodiversità. 

"Lo sviluppo delle produzioni locali è una delle chiavi per mantenere la qualità della vita dei territori e il loro dinamismo. Il Castagno Day si inserisce proprio all'interno di questa visione" ha sottolineato Susanna Gardiol, direttore del GAL Escartons e Valli Valdesi. "Il nostro territorio ha una profonda vocazione castanicola, e riteniamo meriti una sempre maggiore valorizzazione. Dalla coltivazione di castagne alla valorizzazione del settore del legno, vogliamo riscoprire i valori aggiunti a livello locale per guardare a orizzonti internazionali".

Di sicuro interesse sarà infine il ruolo assunto dalla nuova Rete Castanicola Nazionale delle Comunità Slow Food: un riferimento per il coordinamento orizzontale delle aree rurali interne, sul tema castagno, con la necessità di raccordare le esigenze di territorio e i percorsi di programmazione europea.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto