Heinz Düpmann, amministratore delegato della Düpmann & Co, sul raccolto europeo di cipolle:

"Molti non sono ancora consapevoli che la situazione attuale è solo un assaggio di quello che verrà"

Quest'anno, la situazione è stata tutt'altro che rosea per il settore delle cipolle. Lo sa bene Heinz Düpmann, amministratore delegato dell'azienda tedesca Düpmann & Co. "Quest'anno il raccolto è stato molto scarso e prevediamo perdite del 20-25%, ma probabilmente ci saranno anche gravi perdite in tutta Europa. Da una parte, questo è dovuto al fatto che è stato coltivato il 5-10% in meno fin dall'inizio, una riduzione che si applica in varia misura a Paesi Bassi, Spagna, Germania e Polonia. D'altra parte, anche il settore delle cipolle è ovviamente colpito dalle crisi in corso".

Contratti annullati, ma la stagione estiva è stata buona
"Abbiamo anche dovuto far fronte a richieste di prezzo più elevate dall'estero, nonostante i contratti, poiché i fornitori semplicemente non potevano più rispettarli finanziariamente. Dopotutto, in generale, avevano sperato in un aumento delle vendite. Nell'industria della carne, che riforniamo anche noi, i prezzi sono estremamente alti e la stagione dei barbecue è iniziata notevolmente sottotono rispetto agli anni precedenti. Inoltre, siamo stati sicuramente in grado di ottenere delle vendite in alcune zone. Ma l'estate è andata bene, anche se alcuni prezzi non erano adeguati".

Secondo Düpmann, attualmente tra gli altri problemi delle cipolle, quello maggiore è relativo ai danni causati dal caldo. "Non credo che molti siano ancora consapevoli che la situazione attuale è solo un assaggio di quello che sarà".

Nessuna alternativa economica in vista
Detto ciò, Düpmann ha detto che nei Paesi Bassi sono previste 300mila tonnellate in meno di cipolle. "Conosco aziende che quest'anno stanno acquistando le cipolle dall'Egitto. A loro volta, alcuni clienti sono passati dai prodotti surgelati dalla Polonia alle cipolle essiccate dall'India. Noi stessi stiamo acquistando cipolle dalla Cina. Quello che è certo è che al momento non ci sono alternative economiche".

Nel 2019, i volumi potrebbero ancora provenire da Kazakistan, Uzbekistan e Ucraina ma, considerato il conflitto bellico in corso, quest'anno la stessa Ucraina è tra gli acquirenti della Polonia. "Dopotutto, le cipolle vengono commercializzate a livello internazionale. In anni difficili, si propende facilmente per le merci dalla Cina o dall'Egitto. Ma i costi dei container sono notevolmente più alti rispetto al 2019, il che significa che la Cina non è un operatore conveniente ora, ma rimane necessario per poter garantire un determinato quantitativo pianificato, con la relativa certezza del prezzo", afferma Düpmann.

In alcuni casi, rese inferiori fino al 40-50% in Polonia
Düpmann è consapevole che il 95% delle cipolle surgelate proviene dalla Polonia, ma c'è il timore a novembre di "correre a vuoto" nel Paese. "Al momento, le cipolle e alcuni lotti problematici sono ancora disponibili, e lo saranno fino alla fine di ottobre. Ma poi arriverà una forte carenza di cipolle da seme, le cui rese in Polonia sono diminuite fino al 40-50%. Poi, da novembre, si apriranno i giochi. Inoltre, saranno cipolle di calibro molto piccolo, che a loro volta sono molto costose da pelare. La disponibilità sta visibilmente diminuendo". Pertanto, sono previsti non solo colli di bottiglia, ma anche veri e propri fallimenti.

Coesione tra fornitori e clienti
Düpmann ha dovuto aumentare i prezzi di vendita del 40%, cosa che i suoi clienti accettano per mancanza di buone alternative, ma anche per solidarietà reciproca. "In questi anni difficili, la coesione tra fornitori e clienti è migliore di quanto non lo fosse già. Dopotutto, questa crisi può essere superata solo insieme", afferma Düpmann.

Sebbene la domanda sia stabile, ha continuato Düpmann, c'è sicuramente incertezza sul prossimo futuro. "Molti nostri clienti devono già ricorrere alle proprie riserve. Le crisi non sono di per sé una novità nel settore delle cipolle, ma quest'anno i problemi da affrontare sono tanti".

Appello ai politici
"Di fatto, ogni settimana dobbiamo affrontare un nuovo rischio. Se si guarda al costo del gas, non stiamo ricevendo delle proposte adeguate da parte dei politici e l'intero settore delle PMI è quasi abbandonato a sé stesso. I politici di certo non riescono a trovare risposte a tutto, ma si sarebbe potuto reagire prima, ad esempio sulle centrali nucleari, perché la situazione attuale porta semplicemente a troppa incertezza".

"Oltre al problema delle cipolle, anche i peperoni registrano delle pesanti perdite, se ad esempio si considerano i fallimenti dei raccolti in Spagna e Turchia", conclude Düpmann.

Per maggiori informazioni:
Heinz Düpmann
Düpmann GmbH & Co. KG
Am Teuto 18
33829 Borgholzhausen - Germania
Tel: +49 54 25 / 9 32 46 21 00
Fax: +49 54 25 / 9 32 46 21 40
Email: service@duepmann.de  
Web: www.duepmann.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto