Guarda il video!

Melagrane Lome Super Fruit: visita allo stabilimento a un mese dall’avvio della nuova stagione

Nello stabilimento agroalimentare dell'azienda Masseria Fruttirossi opera al momento un team di 50 persone, oltre a quelle impegnate nella raccolta in campo (circa 100), ognuna specializzata nel proprio ruolo. A chiusura del primo mese di raccolta e vendita, abbiamo fatto visita a quello che è il maggiore produttore di melagrane italiano, per capire a che velocità proseguono le attività aziendali, in un contesto di crisi socio-economica.

Fase di lavaggio dei frutti delle melagrane

"La crisi internazionale sembra non averci toccato più di tanto. Gli ordinativi sono rimasti piuttosto costanti dall'avvio della stagione; addirittura registriamo un leggero incremento rispetto allo stesso periodo del 2021. In questi giorni stiamo lavorando circa 25 ton di prodotto per ogni turno lavorativo, volumi destinati a varie insegne della Gdo italiana e ad alcuni mercati nazionali. Malgrado la maggiore propensione al risparmio da parte delle famiglie, la melagrana si fa spazio sul mercato, benché non sia ancora considerata un frutto di largo consumo. Sempre più persone però sono coscienti che il consumo di melagrane apporta diversi vantaggi alla salute". A parlare è Dario De Lisi, sales manager della società pugliese.

Dario de lisi

E aggiunge: "Abbiamo iniziato la stagione delle melagrane con un anticipo di almeno una settimana rispetto alla media nazionale. Le innovative tecniche di stoccaggio, anche con moderne celle frigorifere ad atmosfera controllata, ci consentono di garantire ai clienti continuità e quantità nelle forniture, rimanendo così coerenti con il nostro progetto imprenditoriale che prevede di allungare la stagione della melagrana fino a circa 8 mesi, agendo in due modi: anticipando l'inizio della stagione con le cultivar precoci e allungando le vendite fino a marzo/aprile attraverso una corretta frigo-conservazione della varietà predominante Wonderful, la cui raccolta stimiamo possa iniziare già a metà ottobre".

Abbiamo chiesto a De Lisi cos'è che rende Masseria Fruttirossi competitiva, in questo particolare periodo storico: "Abbiamo creduto nella sostenibilità ambientale fin dall'inizio. Un argomento che solo adesso sembra essere finito sotto i riflettori. Riteniamo infatti di avere un vantaggio, che mettiamo a disposizione di tutti i nostri clienti: grazie all'autoproduzione di energia, abbiamo la possibilità di ammortizzare gli extra costi derivanti dagli aumenti energetici. Avendo a disposizione un impianto fotovoltaico da 750 kw/h, riusciamo a ottenere una notevole compensazione sulle bollette: ciò ci permette di mantenere invariati i prezzi di vendita dei prodotti".

"La raccolta delle tre varietà precoci (Shany, Emek e Ako) – ha poi detto Dario De Lisi – terminerà nei prossimi giorni. I volumi sono in incremento rispetto alla scorsa stagione, grazie all'entrata in produzione di nuovi areali. Con l'estero partiremo con Wonderful da metà ottobre in poi. Quest'anno prevediamo di incrementare i volumi esportati non soltanto in Europa, ma anche nei Paesi Extra-UE".

Per maggiori informazioni:
Masseria Fruttirossi
C.da Terzo Dieci snc
74011 Castellaneta (Taranto) – Italy
+39 099 9647688
info@masseriafruttirossi.com
lomesuperfruit.com


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto