Koos van der Merwe – Biz Africa

Iniziano le esportazioni delle pesche precoci sudafricane

Dalla fine degli anni '70, sui terreni montuosi del Swaershoekberge, nel Limpopo (Sudafrica), uno dei tanti microclimi all'interno della catena del Waterberg, si coltivano drupacee precoci. Lo sviluppo di drupacee a basso fabbisogno di freddo è stato fondamentale in questa zona, che consente di raccogliere pesche e nettarine due mesi prima del Capo Occidentale.

Quando, all'età di 43 anni, Koos van der Merwe si è dedicato a tempo pieno alla frutticoltura, ha piantato i suoi frutteti sulle pendici settentrionali della valle in cui si trova la sua azienda, Zandrivier. L'area riceve in media da 500 a 600 mm di pioggia l'anno.

Frutteti di pesche e nettarine nell’azienda Zandrivier sul Waterberge (foto fornite da Biz Africa)

La raccolta della cultivar di pesche precoci Majestic Delight, è iniziata due settimane fa. Koos van der Merwe è uno dei due coltivatori del nord del Sudafrica che ha la licenza per coltivare la pesca a polpa bianca australiana.

"C'è un raccolto molto abbondante di drupacee proveniente dal nord", dice Koos, "perché durante l'inverno non abbiamo avuto danni da gelo a fiori e giovani frutti". Egli fa notare che il rischio di gelate tardive è molto alto quando si coltivano pesche precoci a basso fabbisogno di freddo.

Le pesche precoci (e successivamente le nettarine) vengono aviotrasportate nel Regno Unito attraverso la United Exports. La loro finestra d’esportazione è breve e variabile, a seconda delle ultime drupacee spagnole disponibili nel Regno Unito, e si chiude quando, verso la fine di ottobre, inizia la raccolta delle drupacee del Capo Occidentale.

Finestra d’esportazione breve e definita per le drupacee più precoci
"Esiste una finestra d’esportazione molto limitata, ma molto positiva per noi", dice Koos, sottolineando che il rapporto esportazioni-mercato locale nella sua azienda è solitamente di circa 50-50. Quest'anno le esportazioni potrebbero però raggiungere una quota maggiore.

L'anno scorso, la Biz Africa ha aviotrasportato circa l'80% delle pesche e nettarine precoci nel Regno Unito (l’azienda si trova a 200 km dall'aeroporto internazionale di Johannesburg), il resto via mare.

In questo periodo dell'anno, i prezzi locali per le pesche di buona qualità in realtà sono uguali o superiori ai prezzi d'esportazione, ma ciò che rende così interessante l'esportazione nel Regno Unito, osserva Koos van der Merwe, è la loro forte preferenza per le pesche più piccole.

I produttori di drupacee precoci del nord riforniscono anche il Medio Oriente, come anche Koos nelle stagioni precedenti.

"Tuttavia, la domanda di drupacee dal Regno Unito è talmente forte in questo periodo dell'anno da superare il mercato del Medio Oriente. Verso la fine della nostra stagione, entro la fine di novembre, quando già da circa un mese ci sovrapponiamo al Capo Occidentale, il Medio Oriente è un buon mercato per le drupacee".

Africa e isole dell'Oceano Indiano sono degli importanti mercati di nicchia
Biz Africa fornisce anche drupacee ai mercati municipali di Johannesburg e Tshwane, da dove gli acquirenti portano i loro frutti a nord, fino alla Repubblica Democratica del Congo.

Koos pensa che l'Africa possa essere un mercato di nicchia con un buon potenziale per le drupacee, se però la catena del freddo viene mantenuta vicino agli 0,5 °C durante il trasporto dei frutti dall'azienda.

Anche il commercio con le isole dell'Oceano Indiano ha registrato un aumento, dalla ripresa del turismo.

La raccolta delle nettarine è iniziata con la cultivar Oz Fire Desire

"In questo periodo dell'anno, è difficile immettere sul mercato un frutto di calibro grande ed è difficile portare gli zuccheri al giusto livello. Questo è problema che nel Capo Occidentale affrontano all'inizio della stagione, perché non hanno il tipo di soleggiamento che abbiamo qui nel nord".

Le vecchie varietà di susine sono state sostituite dieci anni fa da altre pesche e nettarine.

Una seconda carriera come frutticoltore
In qualità di ex giornalista televisivo e docente di scienze politiche (in tale veste ha partecipato trent'anni fa ai negoziati tra il precedente governo bianco e il Congresso nazionale africano), Koos è felice di condividere le sue esperienze agricole in un contesto difficile (gli agricoltori sudafricani non ottengono alcun sussidio agricolo), così come il suo interesse per la fisiologia vegetale e il breeding (suo padre era un vivaista).

Pesca 'Golden Delight'

La ricerca dell'Agricultural Research Council ha convinto Koos sul potenziale delle drupacee in particolari microclimi, nelle aree piovose estive, ben prima del Capo Occidentale, e 25 anni fa ha iniziato una seconda carriera nella frutticoltura.

Koos fa notare che l'agricoltura non si è salvata da quella parte di conflitti con i diversi enti che hanno ostacolato il percorso dell'azienda, sia all'interno del settore agricolo che all'esterno.

"Nel 2012 e 2013, per due anni consecutivi, l'azienda è stata colpita dalla grandine durante la raccolta. La società ha attraversato una fase finanziaria difficile e ha dovuto chiedere ulteriori agevolazioni alla banca, che era riluttante e infatti la divisione crediti ha respinto la nostra richiesta. In questo periodo ho preso in mano la penna e ho scritto una lettera piuttosto lunga, indirizzata all'amministratore delegato della banca. A detta di tutti, la lettera ha fatto scalpore all'interno della banca e ha portato a una modifica delle politiche interne della banca. Alla fine l’azienda l’ha spuntata e la banca è venuta in nostro aiuto. Questi sono i tipi di battaglie che a volte un uomo d'affari deve combattere per rimanere a galla".

Koos conclude: "L'amore per ciò che si fa è fondamentale e fornisce lo stimolo necessario per perseverare nel proprio lavoro. Dopo aver lavorato per oltre vent'anni con diversi agricoltori e aziende agricole, sono giunto a una conclusione: un'azienda agricola completa e di successo non può essere sviluppata nell'arco di una generazione, in particolare con le colture permanenti. Un'azienda frutticola non può essere sviluppata al massimo delle sue potenzialità in una generazione".

Per maggiori informazioni:
Koos van der Merwe
Biz Africa
Tel.: +27 82 463 7203
Email: zandrivier@webmail.co.za


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto