Prometeu-T, azienda moldava specializzata in frutta secca

"Quest'anno niente susine a causa dei prezzi elevati del gas, ma ci saranno mandorle e noci"

Le prugne, le mele e l'uva sono senza dubbio i principali prodotti ortofrutticoli d'esportazione della Moldavia. La produzione di noci, mandorle e nocciole è meno conosciuta. La situazione potrebbe cambiare nei prossimi anni: il clima e il terreno della Moldavia sono perfetti per questi tipi di alberi. Prometeu-T, un'azienda di coltivazione e lavorazione con sede vicino a Chisinau, è specializzata da anni nella produzione di frutta secca


Fjodor Slanina: 1 ettaro di noci produce 1600 kg di prodotto sgusciato.

"Abbiamo piantato il nostro primo noceto nel 2001", esordisce Fjodor Slanina, vicepresidente di Prometeu-T. "Ci hanno consigliato ingegneri agricoli che si erano fatti un nome in epoca sovietica. Ma avremmo fatto meglio a consultare i coltivatori di Paesi come la Francia o gli Stati Uniti. Avevamo una foresta bellissima, ma purtroppo improduttiva".

Alberi monoici
Fjodor spiega che l'impollinazione è la sfida più grande per la coltivazione del noce. "Un albero di noce ha fiori maschili e femminili, ma non fioriscono contemporaneamente. Almeno il 5% del frutteto deve essere costituito da una varietà, i cui amenti maschili fioriscono esattamente quando germogliano i fiori femminili della varietà principale. All'inizio non ne abbiamo tenuto conto. Ormai tutto va bene e abbiamo 16 ettari di alberi di noce, 10 della varietà americana Chandler. Le varietà moldave iniziano a produrre solo dopo 7-10 anni. Noi abbiamo gli alberi Chandler da cinque anni e già l'anno scorso abbiamo avuto qualche raccolto".


A perdita d'occhio, nuove piantagioni di noci

Le noci devono essere spaccate
Secondo questo coltivatore ed esportatore di noci, si ottengono al massimo 4 tonnellate di noci non sgusciate per ettaro. Di questo peso, il 40-45% è costituito da gherigli, che alla fine corrispondono a circa 1.600 kg di prodotto finito per ettaro. "La concorrenza globale è molto forte. Negli alberi dei nostri filari, il 35% delle noci è costituito da gherigli, quindi il 65% è costituito da guscio. Le varietà Chandler e francesi ci danno questo risultato. Le varietà cilene, invece - una volta ne ho sgusciato un lotto con le mie macchine - raggiungono una percentuale del 55-60%", dice Fjodor.

"E sembra che la Cina abbia alcune nuove varietà con gusci sottili e facili da rompere che contengono fino al 65% di gherigli. Inoltre, la Cina commercializza il suo prodotto a basso costo e gli alberi possono essere piantati praticamente ovunque nel Paese. Un albero di noce non è impegnativo. Un tempo, il trasporto avveniva tramite container che restavano in mare per 45 giorni prima di raggiungere l'Europa. Recentemente hanno iniziato a utilizzare le ferrovie, grazie alla Belt and Road Initiative, la Nuova via della seta. Ci vogliono solo quindici giorni".

Negli ultimi anni il consumo di noci è aumentato notevolmente a livello globale. Le persone sono diventate consapevoli delle proprietà salutari di questo frutto: è una fonte, tra l'altro, di vitamina B1, fosforo, zinco, ferro, potassio e magnesio. Questa maggiore consapevolezza è dovuta in particolare agli sforzi dell'International Nut and Dried Fruit Council (INC). "Nessuno conosceva le noci cilene 15 anni fa; ora è un prodotto di prima qualità. Le noci cilene sono belle bianche; il nostro prodotto è leggermente più scuro, ma certamente non meno gustoso. Se vogliamo mantenere la nostra posizione sul mercato delle esportazioni, forse dovremmo iniziare a cercare nuove varietà. La Moldavia, tra l'altro, è un esportatore netto di noci da circa cento anni", continua Fjodor.

Mandorle appena raccolte

Dati sulla produzione e sull'esportazione
Le statistiche FAOSTAT mostrano che nel 2019 la produzione mondiale di noci è stata di quasi 3 milioni di tonnellate, un terzo delle quali provenienti dalla Cina. Gli Stati Uniti hanno prodotto 594mila tonnellate e l'Iran 321mila ton. Turchia, Messico, Cile e Ucraina hanno registrato raccolti tra le 100mila e le 250mila tonnellate, mentre molti altri Paesi, tra cui la Moldavia, hanno raccolto tra le 15.000 e le 50.000 tonnellate. I dati TradeMap mostrano che, con 2.573 tonnellate, la Moldavia si è piazzata al 15° posto nella classifica delle esportazioni di noci sgusciate. Qui gli Stati Uniti hanno conquistato la corona con quasi 160mila tonnellate, seguiti da Cina e Cile con circa 75.000 tonnellate ciascuno.

Ma se si guarda al prodotto sgusciato, questo piccolo Paese dell'Europa sud-orientale si posiziona molto più in alto: con 15.836 tonnellate, segue solo altri cinque Paesi. Anche in questo caso, gli Stati Uniti sono stati il leader indiscusso con esportazioni per circa 122mila tonnellate, seguiti dal Messico con 55.000 tonnellate e dall'Ucraina con 40.000 tonnellate.


Le mandorle vengono private del guscio esterno

In altre parole, la Moldavia è forte nel settore delle noci lavorate e Prometeu-T ne detiene una quota significativa. "Usiamo macchine per rompere le noci, poi selezioniamo i gherigli. Garantiamo una purezza del 99,9%", spiega Slanina. "Le nostre esportazioni iniziano di solito a metà ottobre. Negli ultimi due anni non siamo riusciti a vendere molto: il primo anno faceva troppo freddo e l'anno scorso è piovuto troppo durante il periodo di fioritura. Le api non hanno potuto fare il loro lavoro correttamente. Il raccolto di quest'anno sembra buono. C'è un ulteriore problema sul fronte del commercio. I prezzi sono volatili e, sebbene i contratti siano solitamente redatti in Euro, l'economia moldava è fortemente legata al Dollaro. Con l'attuale tasso di cambio Dollaro-Euro, questo non è a nostro favore".

Anche mandorle, nocciole e semi di girasole
Prometeu-T coltiva anche mandorle. "Questa coltivazione è relativamente nuova nell'orticoltura moldava. I primi alberi sono stati piantati solo alla fine degli anni Novanta. Tuttavia, sta dando ottimi risultati nel nostro Paese, soprattutto nel sud. Il nord riceve meno sole in estate. Abbiamo un'area di 31 ettari, che abbiamo piantato nel 2005, diventando una delle prime aziende in Moldavia a farlo. Poco più della metà sono ancora alberi vecchi; il resto sono piante giovani che entreranno in piena produzione nei prossimi anni", dice Fjodor.

Il cavallo di un dipendente pascola tra gli alberi da frutto

"Non coltiviamo nocciole, ma possiamo utilizzare la nostra linea di lavorazione delle mandorle anche per questi frutti. Ne abbiamo lavorato una tonnellata per un collega coltivatore, che è rimasto molto soddisfatto. Aveva dieci persone che sgusciavano un chilogrammo al giorno. In questo modo, otteneva 100 kg al giorno. Con la nostra linea, riusciamo a lavorare facilmente una tonnellata. Il prodotto viene anche selezionato, in modo da poter essere fornito agli acquirenti completamente privo di guscio. Molti produttori sono interessati a coltivare nocciole, ma non hanno linee di lavorazione. Noi possiamo aiutarli in questo senso. Acquistiamo anche semi di girasole da piccoli e grandi coltivatori e li sgusciamo per l'esportazione. La buccia viene trasformata in pellet per riscaldamento. Nessun prodotto va sprecato".

Susine
Tuttavia, la superficie più grande di Prometeu-T è riservata alla coltivazione delle susine. A differenza della maggior parte degli altri coltivatori moldavi, l'azienda non vende questo prodotto fresco. Come nel caso delle noci, l'azienda cerca di fornire al mercato un prodotto a valore aggiunto. In questo caso, attraverso un processo di essiccazione.

"Prima dell'embargo russo, circa 7-8 anni fa, vendevamo tutti i nostri 55 ettari di susine al mercato del fresco. Non le esportavamo direttamente, ma tramite intermediari. Quando questa opzione è temporaneamente scomparsa, abbiamo cercato una via d'uscita e l'abbiamo trovata nell'esportazione di susine in Europa. Lavoriamo solo le nostre. Nel 2018 abbiamo avuto un raccolto di ben 1.000 tonnellate", spiega Fjodor.

Questa azienda di coltivazione e lavorazione essicca due varietà di susine: Stanley e Blue Free. "Le Blue Free sono più rotonde e grandi, ma le Stanley sono più saporite. Quest'anno, le nostre Stanley hanno raggiunto un valore Brix pari a 18. Le raccogliamo utilizzando due scuotitori che usiamo anche per i mandorli. I mandorli sono solidi e a volte danneggiano queste macchine. Tuttavia, ripararle costa meno di quanto spenderemmo in manodopera, se dovessimo raccogliere le mandorle manualmente".


Il bacino idrico fornisce acqua sufficiente per irrigare

"Dieci anni fa, impiegavamo ancora 200 persone per la raccolta e ogni giorno partivano quattro camion di susine fresche per il mercato russo. Ora è quasi impossibile, soprattutto nell'area intorno alla capitale, dove ci troviamo. I prezzi delle susine fresche sono troppo bassi per poter corrispondere i salari dei raccoglitori dell'Ue. L'essiccazione è più redditizia. Quest'anno, tuttavia, a causa del prezzo elevato del gas, siamo tornati a vendere le susine fresche. Siamo riusciti a trovare abbastanza lavoratori per la raccolta manuale", conclude Fjodor.

Prometeu-T è nata nel 1994 come azienda di trasformazione ed esportazione di noci. A fondarla è stato il padre di Fjodor, Tudor Nicolae Slanina, che nei due anni precedenti è stato ministro del Commercio della Moldavia. Nel 1995 ha spedito il primo camion nei Paesi Bassi. Sono seguiti presto viaggi in Paesi come Francia, Italia e Germania. Prometeu-T spedisce il 99% della sua produzione a clienti esteri; tutte le sue esportazioni dirette sono destinate all'Unione europea. Solo il 10% delle noci e della frutta trasformate proviene dai propri frutteti di 120 ettari; il resto viene acquistato da coltivatori partner. L'azienda è membro dell'International Nut and Dried Fruit Council (INC) da un decennio e dispone di ampi e moderni macchinari per il cracking delle noci e la selezione (ottica) dei noccioli.

Per maggiori informazioni:
Fjodor Slanina 
Prometeu-T
33 Petricani str.
2059 Chisinau (Moldavia)
Tel.: +373 22 312 036
Cell.: +373 69 115 821
Email: info@walnut.md 
Web: www.walnut.md


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto