Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Noémie Cantrelle (CIRAD) sul mercato mondiale dell'avocado:

"Il tasso di produzione annuale è più veloce della domanda"

Secondo Noémie Cantrelle della società di ricerca francese CIRAD, la popolarità mondiale degli avocado, che dura da anni, sembra registrare un graduale stallo. Cantrelle ha recentemente presentato i risultati del suo studio sul mercato globale dell'avocado nel corso del DOGK (Deutscher Obst und Gemüse Kongress).


Noémie Cantrelle

Esportazione annuale di 2,5 milioni di tonnellate di avocado
"Nella stagione 2020/21, sono state esportate in tutto il mondo 2,5 milioni di tonnellate di avocado, pari a una quota di mercato del 3,6% nel commercio internazionale di frutta. Il fatturato stimato ammonta a 6,9 miliardi di dollari. Se nella campagna 2011/12 sono state prodotte nel mondo circa 1 milione di tonnellate, il volume è aumentato fino a 2,5 milioni di tonnellate nella stagione2020/21, con un tasso di crescita annuale di circa il 12%. Le vendite annuali sono aumentate da 2,1 miliardi a 6,9 miliardi di dollari, con un conseguente impatto economico sui Paesi produttori", ha detto Cantrelle.

I Paesi produttori dell'America Latina, come il Messico, guidano il commercio mondiale con l'82% del volume esportato. Le due principali regioni del Messico, Jalisco e Michoacán, esportano da sole 1,3 milioni di tonnellate l'anno, rendendo questo Paese il più grande esportatore di avocado. Il Messico rappresenta il 60% dei volumi esportati, seguito dal Perù, la cui produzione aumenta di anno in anno, fino a 400mila tonnellate nella stagione 2020/21. Altri importanti Paesi esportatori includono Colombia, Cile, Sudafrica, Kenya, Tanzania, nonché Israele, Spagna e Marocco. Quest'anno Israele ha esportato circa 100mila tonnellate, mentre il Marocco, con 8.000 ettari coltivati, continuerà a sviluppare la sua produzione in futuro.

Il più importante è il mercato degli Stati Uniti
"Il mercato principale, verso il quale viene spedito il 50% delle esportazioni globali, è rappresentato dagli Stati Uniti. Un terzo viene fornito all'Ue e al Regno Unito. Meno del 20% viene commercializzato nel resto del mondo, con il 3-4% in Canada e Giappone. Tuttavia, le vendite sono in costante aumento", ha affermato Cantrelle.

Dalla stagione 2014/15, la superficie mondiale è aumentata di 130mila ettari. Negli ultimi tre anni, secondo Cantrelle, i prezzi hanno continuato a scendere durante la stagione estiva, mentre il tasso di produzione aumentava, a causa degli alti costi di produzione e della pressione del Perù. Tuttavia, nell'ultima stagione invernale, si sono registrati nuovamente prezzi elevati per i grandi volumi provenienti all'inizio della stagione da Spagna, Israele, Marocco, Colombia e Messico. I molti Paesi di origine hanno esercitato una certa pressione sul mercato. In sintesi, si può concludere che la produzione mondiale continua ad aumentare, mentre le vendite complessive rimangono piuttosto stagnanti.

Cinque milioni di tonnellate di volume esportato in futuro
"Siamo in un periodo in cui la crescita è compresa tra 19.000 e 20.000 ettari all'anno. L'aumento della produttività, ad esempio in Messico, è dovuto a un migliore sistema produttivo. Se la situazione si manterrà in equilibrio, potremmo raggiungere un volume d’esportazione globale di cinque milioni di tonnellate nel 2027. La crescita della domanda nei principali mercati, USA e Ue, rimane relativamente la stessa, anche se con un leggero calo".

Cantrelle ha sottolineato che un fattore scatenante di questo calo è la distribuzione non uniforme dei budget commerciali. Ad esempio, nell'Ue viene speso per 500 milioni di persone un budget limitato, da due a tre milioni di euro, mentre negli Stati Unitisi spendono 80 milioni di dollari per 300 milioni di consumatori.

Discrepanza tra tasso di produzione e crescita della domanda
Nel periodo dal 2023 al 2028, CIRAD prevede che il consumo aumenterà dell'8% l'anno in Europa. Negli Stati Uniti, il consumo varia un po' a seconda dello Stato. Tuttavia, data la numerosa popolazione ispanica, il tasso di crescita negli Stati Uniti sta tenendo. Ma l'istituto stima che si aggiungeranno 500mila tonnellate di volumi ciascuno, 400mila tonnellate in Europa e altre 400mila tonnellate nel resto del mondo.

"Il tasso di produzione annuale continua a crescere più velocemente della domanda. Stiamo parlando di un gap compreso tra 80.000 e 100.000 tonnellate. Stiamo semplicemente mostrando la direzione in cui sta andando il mercato. Dopotutto, potrebbe esserci un aumento locale della domanda - ad esempio in Colombia. Sulla base del nostro studio, gli effetti del cambiamento climatico non possono essere sufficientemente quantificati. Ma è risaputo che in Cile, ad esempio, la carenza d'acqua ha influito anche sulla produttività. In Francia ci sono anche alcuni di studi sui cartelli commerciali e sul consumo di acqua. L'unica cosa che si può fare è ottimizzare la produzione a livello di settore", ha concluso Cantrelle.

Per maggiori informazioni:
Noémie Cantrelle 
CIRAD - French Agricultural Research Centre for International Development
42 rue Scheffer
75116 Parigi - Francia
RCS Paris 331 596 270
Tel.: +33 1 53 70 20 00
Web: www.cirad.fr


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto