Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Nella campagna 2022/23

Il Perù prevede di esportare oltre 600mila tonnellate di uva

Secondo il Servizio nazionale per la salute e la qualità dell'agricoltura (Senasa) del Perù, le esportazioni di uva peruviana potrebbero raggiungere oltre 600mila tonnellate nella stagione 2022/23, il che rappresenterebbe un aumento dell'11% rispetto alla scorsa stagione, quando sono state esportate 544.310 tonnellate, con la Red Globe e la Sweet Globe come varietà più spedite all'estero.

Le esportazioni avvengono da ottobre ad aprile. A poche settimane dall'inizio della stagione, 104 stazioni di confezionamento hanno l'autorizzazione all'esportazione e oltre 23.000 ettari di coltivazione nelle regioni di Ica, Piura, Lambayeque, La Libertad, Arequipa e Ancash possiedono le certificazioni necessarie.

Mercati di esportazione
Le uve peruviane raggiungono 93 nazioni. Tuttavia, Senasa continua a lavorare fianco a fianco con l'industria per espandere la propria base di clienti nei mercati esteri. 

Il Cile e il Giappone dovrebbero essere i prossimi Paesi a entrare a far parte dei mercati di esportazione dell'uva peruviana, visti gli avanzati negoziati bilaterali, di cui Senasa è responsabile per la parte peruviana.

Recentemente una delegazione del ministero dell'agricoltura giapponese ha condotto una visita tecnica ai coltivatori e ai centri di imballaggio delle regioni di Piura e Ica, nell'ambito del processo di accesso al mercato giapponese. Anche l'Autorità cilena per l'alimentazione e l'agricoltura (SAG) sta esaminando il piano di lavoro delle aziende peruviane.

Fonte: gob.pe


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto