Azienda frutticola moldava

Nei prossimi anni Codru si concentrerà sulle drupacee

L'agricoltura biologica non è molto diffusa in Moldavia. Ma questo non significa nemmeno che gli agrofarmaci vengano usati a casaccio nella coltivazione di frutta. Al contrario. "Abbiamo utilizzato molti meno insetticidi grazie al sistema di controllo a feromoni che abbiamo implementato in questa stagione", esordisce Mihai Chilianu, amministratore delegato di Codru, un'azienda frutticola vicino alla capitale moldava Chisinau.

"C'è qualche verme occasionale su una mela infestata dalla ticchiolatura, ma certamente non in quantità significative. Insisto sul fatto di poter raccogliere una mela dal mio frutteto e mangiarla sul posto senza preoccuparmi della presenza di residui. I livelli massimi di residuo-LMR non sono un problema per noi quando esportiamo", dice Mihai, che raccoglie subito una mela Golden e ne dà un bel morso.

L'amministratore delegato Mihai Chilianu dell'azienda familiare Codru

Perché, come Mihai ben sa, la reputazione fa o disfa le esportazioni. "Troppi problemi di qualità o fitosanitari affossano il nome di un Paese. I coltivatori dovrebbero essere consapevoli di questo. Ecco perché sono favorevole a ispezioni fitosanitarie rigorose in Moldavia, per evitare che la frutta non conforme ai requisiti di esportazione attraversi il confine. A proposito, non è necessario utilizzare prodotti fitosanitari per garantire la qualità. È sufficiente una raccolta meticolosa e buone linee di selezione".

Produzione propria di cassette di legno per la frutta

Distribuzione del rischio e del raccolto
Codru coltiva mele, drupacee, ciliegie e uva. "Iniziamo a raccogliere le ciliegie a fine maggio/inizio giugno. Poi è la volta delle albicocche. La prossima stagione raccoglieremo anche le ciliegie, destinate soprattutto all'industria di trasformazione. Ma se potremo venderle sul mercato del fresco, lo faremo di sicuro: rende di più. Ai russi piace un pezzo di frutta acida con la vodka, da cui la loro preferenza per le mele Idared, credo", scherza Mihai, che aggiunge che la scelta di coltivare molti frutti e varietà ha un duplice vantaggio. Si distribuisce il rischio e si distribuisce bene il raccolto su più settimane e mesi.

Due carichi di mele al giorno
La raccolta delle mele inizia a settembre e ammonta a 6.000-7.000 tonnellate all'anno. Con la sua linea di selezione, l'azienda può riempire due camion al giorno. La Russia non è mai stata l'obiettivo principale delle esportazioni di mele di Codru. "Semplicemente non è un mercato interessante per noi: vogliono la qualità, ma pagano prezzi bassi. Anche se a volte la qualità è un termine relativo. Ad esempio, a loro piace che le Golden siano verdi, mentre la mela è più saporita quando inizia ad arrossire. In Russia, una Golden arrossata è considerata una mela di classe II".

Codru può imballare fino a due camion al giorno

Al contrario, Codru è molto interessato al mercato rumeno, grazie alla sua vicinanza. "Da qui a Bucarest ci vuole mezza giornata di macchina. Il trasporto costa 1.200 euro, mentre dalla Polonia si può contare su 2.500 euro. Si tratta di una differenza di 0,05 euro/kg. Abbiamo quindi un enorme vantaggio competitivo, anche se non è sempre il mercato più redditizio. Ma è stabile e questo ci dà tranquillità. Abbiamo buone collegamenti. Inoltre, beneficiamo del raddoppio della quota di mele per l'Ue", afferma Mihai.

Questa azienda di coltivazione della Moldavia centrale preferisce esportare verso il suo vicino occidentale. Tuttavia, sta rivolgendo lo sguardo anche alla Bulgaria, dove l'anno scorso ha venduto molte mele Reinette Simirenko, e all'Europa settentrionale e occidentale. "I guadagni di efficienza che stiamo ottenendo nella coltivazione, dovrebbero aiutarci in questo senso. Credo che il centro di gravità della melicoltura europea si sposterà verso l'Europa orientale. E non mi riferisco solo alla Moldavia - siamo troppo piccoli per farlo - ma all'Ucraina. Quel Paese ha un potenziale enorme". 

Le susine meritano un prezzo corretto
Codru intende tuttavia concentrarsi sulle drupacee. "L'Europa occidentale offre notevoli opportunità per le nostre susine Stanley e albicocche tardive. L'anno scorso le susine sono state il raccolto più redditizio dei nostri frutteti. Il mercato di destinazione è l'Europa [occidentale], soprattutto la Germania. Lì abbiamo già acquisito una buona reputazione. Non prevedo alcun problema, in termini di vendite, ora che la Russia ha chiuso le porte. Ma voglio mettere in guardia gli importatori che trattano male i coltivatori moldavi e offrono prezzi ben al di sotto della media di mercato: noi seguiamo l'andamento del mercato e i prezzi, e le nostre susine gustose e di qualità meritano un prezzo corretto. Questo, tra l'altro, è un prerequisito per relazioni commerciali a lungo termine. Sono prezzi inferiori a quelli di due anni fa, mentre i costi di trasporto sono raddoppiati?", si chiede Chilianu.

Sapore eccellente: la carta vincente dell'uva moldava
Mihai è anche particolarmente orgoglioso del raccolto di uva, che consiste quasi interamente nella varietà locale. "Coltiviamo l'uva in modo tradizionale, non su pergolati. Con 18 ettari, la superficie non è enorme, ma amiamo questa coltura e il modo in cui organizziamo la coltivazione". Queste uve nere moldave con seme arrivano nei nostri Paesi di esportazione senza problemi. Inoltre, hanno un'ottima conservabilità, un buon sapore e piante abbastanza resistenti alle malattie. Non ci piace irrorare, e con queste uve non è quasi necessario".


Pallet pronto a partire

L'uva con semi è uno svantaggio? "Forse. Ma anche le uve Italia e Victoria hanno i semi e, per ora, non ci sono varietà senza semi che possano eguagliare queste note varietà o la nostra uva Moldova in termini di sapore. Il fatto che quest'uva sia coltivata esclusivamente in Moldavia non indica una mancanza di qualità. Hanno provato a coltivarle in luoghi come la Romania e la Macedonia settentrionale, ma il sapore non è all'altezza di quello delle nostre uve", dice Mihai.

"Anche l'uva Italia è della migliore qualità quando può godere del suolo e del sole dell'Italia meridionale. Raccogliamo le uve moldave in ottobre e le vendiamo fino ad aprile. Quindi, in inverno non ci sono quasi mai uve sudafricane o peruviane importate. Esportiamo in Romania, Polonia, Paesi baltici, Ucraina e, fino a poco tempo fa, in Russia. Quest'anno ho in programma alcune spedizioni in Arabia Saudita, dove vedo delle opportunità, soprattutto in ottobre e novembre".

Sempre alla ricerca di metodi più efficienti
Per far fronte alla crescente carenza di manodopera - molti dei lavoratori migliori preferiscono i salari più alti all'estero - Codru è sempre alla ricerca di metodi di coltivazione, raccolta e lavorazione più efficienti. "Presto estirperemo e ripianteremo alcuni appezzamenti con nuove varietà, in modo da richiedere meno lavoratori per la coltivazione e la raccolta. Per esempio, abbiamo già delle file di meli che formano, per così dire, un muro: il nostro personale raccoglie il doppio della frutta al giorno rispetto a un frutteto tradizionale. E ciò che piantiamo, di nuovo, è immediatamente adatto a una possibile raccolta robotizzata in futuro. I ceraseti hanno quattro anni e raccoglieremo per la prima volta l'anno prossimo. Sono stati impostati pensando agli scuotitori".

Focus crescente sulle drupacee

Un problema ricorrente che le altre aziende di coltivazione già presentate continuano a sollevare è la scarsa qualità dell'acqua. Codru ha risolto questo problema con i depuratori a osmosi inversa. "L'acqua che attingiamo dai nostri laghi è troppo salata. Ma con l'osmosi inversa possiamo depurare 18metri cubi all'ora", conclude Mihai.

Codru ST SRL è un'azienda familiare fondata da Ion Chilianu, padre di Mihai, nel 1992. Nei primi anni, l'azienda ha svolto un ruolo di supporto per i coltivatori della zona. Nel 2000, ha avviato i primi frutteti. Oggi, Codru ha 300 ettari di coltivazione intensiva, di cui 125 ettari sono riservati alle mele, 18 ettari all'uva e il resto a susine, albicocche e ciliegie. Quasi tutta la produzione è destinata all'esportazione. L'impianto di stoccaggio refrigerato Smartfresh ha una capacità di 5.000 tonnellate. Esiste una linea di selezione, anche se solo per le mele, per le quali l'azienda ha ottenuto la certificazione GlobalGAP. Oltre a coltivare frutta, Codru produce anche cassette di legno.

Per maggiori informazioni:
Mihai Chilianu (CEO)
Codru ST
str. Stefan Cel Mare 33A
3711 Bucovat (Straseni) - Moldavia
Tel.: +373 22 212 239
Cell.: +373 69 300 353
Email: chilianu.mihai@codru.st 
Web: www.codru.st


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto