Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Luis Fernando Rubio, direttore della Procecam: "Anche l'uscita dell'Ucraina dal mercato ha avuto un impatto notevole"

Cipolle in Spagna e nel resto d'Europa: il calo del 40 per cento di offerta sta facendo salire i prezzi

In Europa, la riduzione della superficie coltivata a cipolla e le rese inferiori per ettaro hanno causato un calo significativo della produzione di oltre il 40%, rispetto a un'annata normale. Le cipolle spagnole stanno vivendo una situazione simile e, dall'inizio della campagna, le loro vendite proseguono a un buon ritmo e con prezzi adeguati.

"La stagione 2022/23 delle cipolle è stata finora molto diversa rispetto alla precedente, e si è rivelata un disastro", afferma Luis Fernando Rubio, direttore della PROCECAM, l'Associazione dei produttori di cipolle di Castiglia-La Mancia. La domanda è stabile e il calo di circa il 40% della produzione di cipolle in Spagna, così come nel resto d'Europa, sta portando a un aumento dei prezzi".

El cierre del canal horeca causa un exceso de cebollas españolas grandes

A differenza della scorsa stagione, quando i prezzi medi oscillavano tra 0,08 e 0,10 euro/kg, quest'anno le cipolle di calibro grande costano tra 0,35 e 0,37 euro/kg, mentre quelle di medio calibro tra 0,25 e 0,30 euro /kg.

"L'anno scorso i prezzi non ci permettevano di coprire i costi di produzione, ma quest'anno è stato possibile, almeno finora. In un solo anno, il costo per produrre un chilogrammo di cipolle è balzato a 0,25 euro. I calibri grandi sono i più richiesti, in quanto scarseggiano in tutta Europa. Sarà molto difficile trovare calibri tra i 60 e gli 80", ha affermato il rappresentante dell'associazione.

La raccolta della cipolla Grano de Oro, quella con la shelf life più lunga, è ormai al termine. "Sebbene le piogge di marzo e aprile abbiano impedito la semina con la consueta tempistica in Castiglia-La Mancia (la principale regione di produzione della Spagna), il clima secco e le abbondanti ore di sole che ne sono seguite, non hanno solo anticipato la fine della raccolta, ma ha anche avuto un'influenza molto positiva sulla qualità di conservazione delle cipolle e un impatto su calibri e rese", ha affermato Luis Fernando Rubio.

La superficie, le rese e i calibri sono stati ridotti in tutte le aree di produzione d'Europa. Anche l'uscita dell'Ucraina dal mercato, a causa della guerra, ha avuto un forte impatto e ha comportato una fornitura di cipolle inferiore al solito. "Negli ultimi anni, la superficie coltivata ha registrato un'espansione significativa in Ucraina, superando persino quella della Spagna, quindi la sua assenza sul mercato si sente molto. Le sue cipolle erano utilizzate per rifornire i mercati dell'Europa orientale e dell'Asia e avevano un'adeguata qualità della buccia, oltre a un buon sapore. Nel frattempo, la produzione rumena continua ad aumentare".

Il 35-40% delle vendite di cipolle spagnole fresche va al mercato domestico e circa il 30% viene esportato, principalmente in Regno Unito, Germania, Francia, Portogallo, Italia e Marocco, tra le altre destinazioni. Il resto è destinato all'industria di trasformazione.

Luis Fernando Rubio
PROCECAM
Calle San Clemente, 50
02600 Villarrobledo. Albacete - Spagna
lfrubio@procecam.es
www.procecam.es


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto