Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Miorita, azienda agricola moldava specializzata in mele

"Perdita di vendite nonostante il gusto impareggiabile"

L'azienda presentata in questo articolo si differenzia in qualche modo da quelle che abbiamo già trattato nel nostro speciale sul settore ortofrutticolo moldavo. Miorita, impresa agricola specializzata in mele, si trova vicino a Balti, la quarta città più grande della Moldavia, e non sta costruendo su vecchi frutteti di epoca sovietica. I primi appezzamenti sono stati piantati nel 2011 e alcune aree sono state subito riempite con varietà club.


Il frutteto si trova su un lago e ha un potenziale di espansione. Clicca qui per un ingrandimento dell'immagine.

Tuttavia, per quanto riguarda la fondazione dell'azienda, dobbiamo andare due anni più indietro nel tempo. "Abbiamo iniziato nel 2010 come magazzino refrigerato per le mele che acquistavamo da altri coltivatori", racconta Valeriu Matcovschii, direttore di Miorita. "Ma riscontravamo problemi di qualità e faticavamo a trovare le varietà giuste. Così abbiamo deciso di creare un nostro frutteto. Abbiamo acquistato un terreno e iniziato a piantare varietà italiane e francesi. Anche gli alberi provenivano dalla Francia, da una zona con un clima simile a quello della Moldavia".


Il team di Miorita

Varietà club
Miorita ha puntato fin dall'inizio sulle cultivar club, perché voleva essere un'azienda moderna, in vista di una possibile diversificazione del mercato. Oltre alle varietà club Braeburn Aporo, Granny Challenger, Superchief, Gala Buckeye, Crimson Crisp, Dalinette e Story Inored, quest'azienda coltiva anche Golden Delicious, Galaval, Dalinette e Jeromine. Fino a poco tempo fa, tutte queste mele, comprese le varietà club, venivano vendute sul mercato russo. Questo mercato era il più facile da raggiungere, dal punto di vista logistico, e i margini di profitto erano più alti. 

Mele appena raccolte

Tuttavia, l'embargo di metà agosto significa che l'ultimo raccolto non può più andare verso est e bisogna trovare nuovi mercati di vendita. "Al momento, questa è la nostra sfida più grande, anche se abbiamo il vantaggio di avere sei varietà club. Lo svantaggio è che non abbiamo un team di marketing dedicato. Non era necessario, perché il nostro modello di vendita prevedeva che gli esportatori si rivolgessero a noi per acquistare le mele che spedivano in Russia. Noi coltiviamo e immagazziniamo le mele; l'esportazione la lasciamo ad altri. Ora, naturalmente, siamo costretti a rivolgere la nostra attenzione anche alla commercializzazione. Abbiamo già venduto piccole quantità in altri mercati, soprattutto in Medio Oriente", continua Matcovschii.

Frutteto moderno di Golden Delicious, sotto rete

Visione compromessa della Moldavia da cambiare
In Europa occidentale, le aziende moldave devono avviare sforzi concertati per convincere gli acquirenti dell'eccezionale qualità dei loro frutti. L'immagine del Paese è compromessa. I coltivatori italiani ricevono 20 euro per bushel per le loro varietà club. I produttori moldavi ne ricevono solo 14 euro, eppure fanno ancora fatica a penetrare nel mercato dell'Europa occidentale. Molti coltivatori moldavi, che forniscono frutta di qualità e dal sapore ineguagliabile, continuano a registrare vendite in perdita, perché gli importatori si fidano di più dei prodotti provenienti da Paesi già conosciuti.

Per cambiare questa situazione, il settore nel suo complesso dovrà concentrarsi completamente sulla promozione della frutta, mentre le singole aziende dovranno rafforzare i loro team di marketing. La maggior parte delle aziende frutticole moldave si è concentrata sulla coltivazione, e si è a lungo trascurato l'aspetto commerciale. Ciò è in qualche modo comprensibile, dato che la Russia, fino ad ora, ha acquistato tutto, dalla frutta di qualità superiore a quella di II classe. Ora il settore dovrà spendere soldi, anche al di fuori dei frutteti, per linee di selezione avanzate, impianti di confezionamento moderni, commercializzazione e soprattutto strutture e uffici di confezionamento. L'anno scorso, ad esempio, le mele moldave non erano quasi mai confezionate in bushel. Quindi, molte cose sono nuove per le aziende del Paese.

Anche il sentiero tra le file è coperto

Celle refrigerate divise per varietà
Miorita non conserva più i prodotti di altri produttori nelle sue celle refrigerate. Coltiva tutte le mele nei propri frutteti. Non utilizza ancora un sistema ad atmosfera modificata dinamicamente. Le vendite non avvengono in base a un contratto per la consegna in tempi specifici, ma attraverso acquirenti che vengono a scegliere i frutti sul posto. Questo significa che le celle refrigerate vengono aperte di frequente, permettendo all'ossigeno di entrare. "Speriamo di riuscire a stabilire relazioni con i clienti con vendite prevedibili e strutturate. Questo andrà a vantaggio anche della conservazione delle mele".

Miorita è nata come azienda di refrigerazione per conto terzi

Inoltre, non si possono ancora preselezionare le mele per calibro prima di metterle in cella. "I motivi sono due. In primo luogo, abbiamo una capacità di selezione ancora troppo limitata per le enormi quantità di mele che arrivano in magazzino dai nostri frutteti, in un breve periodo. Inoltre, ogni varietà ha condizioni di conservazione diverse, quindi preferiamo dividere le celle refrigerate per varietà e non per dimensioni. Dopo tutto, abbiamo non meno di dieci varietà diverse", spiega il direttore.

La nuova cella di stoccaggio ad atmosfera controllata può immagazzinare diverse centinaia di tonnellate di frutta

L'azienda possiede un frutteto super-intensivo di 26 ettari che vanta le più recenti tecnologie: da un sistema di irrigazione a goccia con controllo elettronico dell'umidità del suolo a reti antigrandine e un sistema antigelo. La resa media della coltivazione di mele è piuttosto elevata. Nel caso di Superchief, per esempio, fino a 70 tonnellate per ettaro. Il magazzino condizionato ha spazio per immagazzinare 2.400 tonnellate di mele, e la linea di selezione tratta sei tonnellate di frutta all'ora in base a peso, diametro, colore e difetti visivi.

"Tuttavia, speriamo di modernizzarci ulteriormente e di espanderci presto. Vogliamo sigillare l'intero frutteto con reti repellenti per gli insetti e, nel centro di confezionamento, vogliamo aumentare la capacità della linea di selezione. Abbiamo anche acquistato la linea per il confezionamento dei frutti in sacchetti di polietilene da 1, 1,5 e 3 kg", conclude Valeriu Matcovschii.

Il marchio aziendale

Miorita - che è certificata GlobalGAP, GRASP e ISO 22000 - di solito inizia a vendere le sue mele a dicembre e continua fino a giugno.

Clicca qui per fare un tour virtuale dell'azienda agricola.

Moderna linea di selezione delle mele dell'azienda polacca Sorter

Per maggiori informazioni:
Valeriu Matcovschi, direttore
Miorita
1, A. Sciusev street
3100 Balti (Moldavia)
Cell.: +373 6911 2523
Email: info@apples.md 
Web: www.apples.md


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto