Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Moldova Fruct, associazione di settore

"Dopo il secondo embargo del 2014, il settore della frutta ha iniziato a cambiare marcia"

L'Associazione dei produttori ed esportatori di frutta della Moldavia, nota anche come Moldova Fruct, è la più grande organizzazione del Paese che serve i coltivatori, i trasformatori, gli esportatori e i fornitori di servizi del settore frutticolo. Continua il nostro speciale sul settore ortofrutticolo moldavo e l'amministratore delegato Iurie Fala ci racconta la storia, il funzionamento, gli obiettivi e i risultati di questa istituzione dedicata ai comparti di mele, albicocche, ciliegie, pesche, pere, susine e uva.


L'amministratore delegato Iurie Fala in un vigneto moldavo

L'associazione offre ai suoi membri un'ampia gamma di servizi, tra cui la tutela, la formazione e l'assistenza tecnica, la diversificazione del mercato e la promozione delle esportazioni, anche attraverso le fiere internazionali. Questa organizzazione non commerciale, non governativa e senza scopo di lucro porta il marchio "Il gusto della Moldavia fa la differenza" alle fiere internazionali come Fruit Logistica di Berlino, Fruit Attraction di Madrid e World of Perishables negli Emirati Arabi Uniti. Questa componente internazionale è fondamentale perché, sebbene la Moldavia sia tradizionalmente un grande produttore di frutta, il suo mercato locale è molto piccolo. I principali mercati di esportazione sono la Russia - almeno fino a poco tempo fa - l'Ue e, in misura crescente, i Paesi del Medio Oriente e dell'Asia.

Cinque produttori
"Moldova Fruct è stata fondata nel 2006", esordisce Iurie, "quando, dopo il primo embargo russo, cinque coltivatori si sono resi conto che la cooperazione era essenziale per risolvere i problemi reciproci attraverso attività di lobbying, l'introduzione di nuove tecnologie di coltivazione e post-raccolta, un marketing mirato e l'ingresso in nuovi mercati. Nel corso degli anni, questi sono rimasti i compiti principali dell'organizzazione, che è affiliata a WAPA e Freshfel. Oggi l'associazione conta 180 membri, 50 dei quali sono certificati GlobaGAP. Insieme, hanno 20.000 ettari di frutteti e coltivano circa 200mila tonnellate di frutta all'anno".

Elevata frammentazione, un'eredità del passato
Iurie racconta che alla fine dell'era sovietica, la Moldavia aveva 400mila ettari di orticoltura con cui rifornire il mercato sovietico soprattutto di frutta e pomodori. "Eravamo il frutteto dell'Unione Sovietica e raccoglievamo un milione di tonnellate di mele. Del resto, il nostro clima è eccellente per l'orticoltura e il nostro terreno è molto fertile. Dopo il crollo dell'URSS, la coltivazione è passata nelle mani di aziende private".


Linee di smistamento e ribaltatori di casse Burg nei centri di imballaggio.

"Fino all'anno scorso, si è continuato a inviare la maggior parte delle mele da esportazione, addirittura il 95%, in Russia, anche se la produzione totale si è dimezzata dagli anni Ottanta. La Russia era un mercato consolidato e facile. I nostri coltivatori hanno molti contatti lì e quasi tutti parlano russo. Inoltre, potevamo vendere lì tutte le nostre mele, dalla qualità extra alla classe II e, fino a poco tempo fa, abbiamo spedito circa la metà delle nostre esportazioni di uva e susine in Russia", continua Iurie.

I settori dell'agricoltura e del commercio moldavi sono sempre stati molto frammentati, cosa che il mercato russo, privo di complicazioni, ha in parte mantenuto. "Non abbiamo dovuto lavorare insieme per rifornire i grandi supermercati europei, ad esempio. Ma con le sanzioni, la situazione sta lentamente cambiando. Ci sono stati tre embarghi russi che, pur avendo sempre ragioni politiche, sono stati imposti per motivi cosiddetti fitosanitari. Il primo risale al 2004, quando il settore frutticolo moldavo era ancora poco sviluppato. Il secondo è entrato in vigore nel luglio 2014, quattro mesi dopo l'annessione della Crimea da parte della Russia e, non a caso, dopo la firma di un accordo commerciale tra la Moldavia e l'Ue".

Il secondo embargo è stato il punto di svolta
"Il nostro settore era molto più preparato all'ultima chiusura del mercato russo ai nostri prodotti. Nel 2014 c'erano solo due o tre impianti di confezionamento con linee di selezione in tutto il Paese; ora ne abbiamo 16". Dopo il secondo embargo, Moldova Fruct ha iniziato a cambiare marcia ed è riuscita a ottenere sovvenzioni governative per modernizzare i frutteti e gli impianti di coltivazione e lavorazione. "Le nostre linee di selezione provengono da Italia, Paesi Bassi, Germania e Polonia. Il fatto che il nostro settore si stia sviluppando solo ora è un vantaggio: possiamo beneficiare immediatamente dei grandi progressi tecnologici degli ultimi anni nel campo dell'orticoltura. Inoltre, possiamo evitare i molti errori che le aziende di altri Paesi hanno commesso durante il loro processo di apprendimento e sviluppo", spiega Iurie.

Oggi il settore, grazie anche alle pressioni di Moldova Fruct, ha creato oltre 10.000 ettari di frutteti super-intensivi, principalmente di mele. Ha anche migliorato gli standard qualitativi grazie ai progressi tecnologici nella coltivazione e nelle infrastrutture post-raccolta. "Il lobbismo è una parte importante del nostro lavoro. Ora speriamo di ottenere più fondi per promuovere i nostri prodotti sui mercati esteri".


La Moldavia ha molte aziende agricole moderne

Un mercato europeo delle mele difficile
L'associazione spera di trarre il massimo vantaggio ora che le quote di esportazione di mele e susine della Moldavia verso l'Ue sono temporaneamente raddoppiate. Tanto più che, a causa della siccità, il raccolto di quest'anno è inferiore. "La quota di mele è passata da 40.000 a 80.000 tonnellate. La scorsa stagione, poiché quasi tutte le nostre esportazioni erano dirette in Russia, abbiamo inviato solo 8.000 tonnellate. Quest'anno, tale mercato non c'è più e non dobbiamo aspettarci miracoli. La concorrenza è molto agguerrita sul mercato europeo", afferma Fala.

"L'Unione europea ha 27 Stati membri e quasi ognuno di questi Paesi ha una propria coltivazione di mele e una propria enfasi sulle preferenze dei consumatori. Dobbiamo studiare attentamente questo aspetto, quando prepariamo i nostri piani di esportazione. Ovviamente non possiamo inviare mele in un Paese come la Polonia, che è un grande produttore ed esportatore del frutto. Anche il mercato tedesco non è così accessibile come sembra a prima vista, perché riceve molte mele polacche, italiane, olandesi, belghe e persino turche, tra le altre".

Uva principalmente verso l'Europa dell'Est
Il Ceo ritiene che per le susine sarà più facile raggiungere la nuova quota di 40.000 (15.000 + 25.000) tonnellate. Soprattutto perché le Stanley, le cui esportazioni in Germania sono iniziate nel 2017, sono ora molto popolari nei Paesi di lingua tedesca. "Ci avvicineremo anche per l'uva e le ciliegie. Ora possiamo esportare 58.000 (20.000 + 38.000) tonnellate e 3.000 (1.500 + 1.500) tonnellate, rispettivamente".


Iurie mostra al mercato all'ingrosso di Chișinău cassette di uva locale

La coltura dell'uva moldava ha ancora lo svantaggio che la maggior parte delle uve raccolte è con semi. "Dovremo innovare le nostre varietà, perché gli europei occidentali preferiscono le varietà senza semi. Potremmo forse superare in parte questo problema, facendo più promozione e sottolineando la qualità, il sapore e le proprietà salutari della nostra uva. Tuttavia, credo che per quanto riguarda questo prodotto, dovremmo concentrarci sui Paesi dell'Europa orientale. Hanno già una certa familiarità e quest'anno non abbiamo certo avuto lamentele sulla qualità e sulla resa del nostro raccolto d'uva".

L'attuale strategia di Moldova Fruct, tuttavia, non si concentra esclusivamente sul mercato europeo. Diversificazione è la parola d'ordine. "Non dobbiamo commettere l'errore che abbiamo fatto in passato: mettere tutte le nostre uova in un solo paniere. I coltivatori possono considerare l'Europa, ma non in maniera esclusiva. Stiamo guardando anche al Medio Oriente, all'Asia e al Nord Africa. In collaborazione con il nostro governo, stiamo cercando di negoziare protocolli fitosanitari e di abbattere le barriere doganali in vari mercati di destinazione come Egitto, India e Vietnam. Abbiamo le mani in pasta ovunque e, poiché ogni mercato ha le sue preferenze, i nostri frutteti includono molte varietà. I nostri melicoltori inviano l'80% di Gala in Medio Oriente e Golden, Granny Smith e Red Chief altrove. Come associazione, teniamo sempre aggiornati i nostri coltivatori ed esportatori sulle diverse tendenze del mercato".

Inflazione significa margini ridotti
Le esportazioni attuali sono tuttavia limitate, perché l'inflazione e, di conseguenza, l'aumento dei costi di coltivazione, stoccaggio e trasporto - a cui la Moldavia non è sfuggita - non sono mitigati dall'indebolimento dell'Ieu moldavo (la valuta del Paese) rispetto all'Euro o al Dollaro. L'inflazione fa sì che l'aumento dei costi, purtroppo, non possa ancora essere completamente trasferito agli acquirenti, e anche i salari in Moldavia dovrebbero aumentare gradualmente. In futuro, quindi, è inevitabile che la digitalizzazione e la robotizzazione facciano la loro comparsa nelle aziende agricole del Paese.


Il sapore dell'uva Moldova è sublime, nonostante i semi

"E, alla fine, ci sarà bisogno di due soli lavoratori per frutteto: una persona e un cane. La persona avrà il compito di dare da mangiare al cane e il cane dovrà assicurarsi che la persona non tocchi le attrezzature", scherza Iurie. "A parte gli scherzi, l'intera catena, dal coltivatore all'azienda di logistica fino al rivenditore, dovrà garantire che ogni anello riceva la sua parte di profitto, altrimenti la catena si spezzerà. E i coltivatori sono sempre l'anello più debole. Questa crisi ha già mandato in bancarotta molti coltivatori. Non dimentichiamo inoltre che i costi di coltivazione aumenteranno se l'Unione europea continuerà a mettere nella lista nera gli agenti di protezione delle colture. Allora dovremo ricorrere ad alternative più costose", conclude.

Tour virtuale di 22 aziende di coltivazione
Il sito web di Moldova Fruct offre ai visitatori un tour visivo di 22 aziende, attraverso bellissime foto e un breve video di due minuti dei frutteti, degli impianti di stoccaggio e di selezione di ciascuna di esse. Sono presenti anche informazioni sintetiche sulla zona, sui volumi e sulle varietà coltivate, ed è possibile trovare ogni azienda sulla mappa della Moldavia. Gli importatori interessati possono anche selezionare le aziende in base alle varietà coltivate. Abbiamo contato, ad esempio, cinque varietà di pere, 27 di susine e ben 39 di mele.

Per maggiori informazioni:
Iurie Fala - Ceo
Moldova Fruct
102 Mitropolit Dosoftei str.
2012 Chisinau (Moldavia)
Tel: +373 22 22 30 05
Cell.: +373 693 66 424
info@moldavafruct.md 
ifala@moldovafruct.md 
www.moldovafruct.md


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto