Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Paul Delbeke, Districhamp

"In Belgio, la volatilità dei prezzi energetici rende la coltivazione dei funghi molto impegnativa"

I coltivatori belgi di funghi stanno attraversando un momento difficile. "Il problema principale è che nessuno sa esattamente quali saranno i costi in futuro, ma neanche in questo mese. I prezzi dell'energia oscillano così tanto che nessuno sa a che livello siano. Si aggiungano anche le spese di compost, rivestimento del terreno, personale e  imballaggi, e si capisce quello che sta succedendo. Abbiamo bisogno di stabilità per poter applicare prezzi adeguati. Questo vale per tutti, inclusi fornitori e clienti", afferma Paul Delbeke della Districhamp.

"Oltre a coltivare funghi, abbiamo anche delle colture orticole. Abbiamo bisogno di molta energia tutto l'anno. Coltiviamo tra 17 e 18 °C, e quindi, in estate, dobbiamo usare sistemi di raffreddamento. Ma poi, l'umidità delle cellule vegetali aumenta, quindi devi riscaldarle per riportale alla normalità".

"In inverno, il processo è esattamente invertito: l'aria in ingresso deve essere riscaldata e contemporaneamente umidificata con il vapore. Ciò significa che ogni vivaio consuma molta energia durante tutto l'anno e, con i costi energetici attuali e gli altri aumenti, la coltivazione raggiunge un costo fino a 0,50 euro in più per chilogrammo", spiega Paul.

Un fattore positivo per la Districhamp è che ha un sistema di recupero. "Distribuisce la coltivazione, riducendo il rischio di malattie. Non dobbiamo mai vaporizzare eccessivamente le cellule in crescita alla fine del ciclo, quindi possiamo ridurre un po' i costi energetici". Tuttavia, Paul teme che l'industria debba dover fare delle scelte.

"Avevamo due vivai ma, alcuni mesi fa, abbiamo deciso di fermarci con il secondo. Stavamo fornendo l'industria dei Paesi Bassi ma, a causa di fattori come i costi di trasporto troppo elevati, una struttura obsoleta e costi energetici irregolari, l’abbiamo chiuso. Abbiamo deciso di specializzarci ulteriormente, esclusivamente sul mercato del fresco", afferma Paul.

La domanda, però, non ne sta soffrendo, dice Paul: "C'è ovviamente molta incertezza, ma la richiesta è rimasta abbastanza costante. Quando è iniziata la pandemia, abbiamo registrato un picco perché più persone cucinavano a casa. Ma era comunque una situazione anomala. Sono contento che la pressione pandemica sia finita, si spera, per sempre".

Il produttore, inoltre, pensa che la coltivazione dei funghi non scomparirà mai. "Ci saranno sempre coltivatori, ma le sfide sono sempre più grandi. Devi anche fare i conti con la concorrenza dei polacchi che godono dei sussidi europei, ma usano ancora la loro valuta locale, e quindi sono in una posizione finanziaria più favorevole. Il trucco per sopravvivere è un'ulteriore differenziazione. Vogliamo continuare a farlo, ad esempio automatizzando ancora di più la raccolta. Ciò aiuta l'azienda a differenziarsi e a risolvere in parte la carenza di manodopera", conclude Paul.

Per maggiori informazioni:
Paul Delbeke
Districhamp
66 Brugsesteenweg
8740, Pittem, Belgio
Tel.: +32 (0) 514 85 897
Email: info@voc-districhamp.be       
Web: www.voc-districhamp.be


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto