Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

José Antonio Fajardo - Frutas Fajardo:

"La nostra produzione di mango aumenterà di circa il 25-30 per cento"

A Granada, l'attesa campagna spagnola del mango è già iniziata, in coincidenza con quella di un'altra delle colture tropicali più rappresentative della provincia, la cherimoya, a cui seguirà presto la campagna dell'avocado. Nonostante le grandi sfide di quest'anno, dovute alla siccità ancora in corso, la produzione ha fatto un salto di qualità.

"Stimiamo un incremento di circa il 25-30% rispetto agli anni precedenti, sia per un aumento della produzione naturale degli alberi, sia per l’estensione della superficie con nuove piantagioni che entreranno in produzione quest'anno. Pertanto partiamo con più di 100 ettari in produzione", spiega José Antonio Fajardo, della Frutas Fajardo.

"Malaga potrebbe registrare un aumento di circa il 15% in questa stagione, mentre a Granada si stima circa il 30% in più, ma questi incrementi avrebbero potuto essere molto più alti se avesse piovuto di più, e soprattutto se le temperature fossero state più miti, perché l’ondata di caldo ha rallentato lo sviluppo dei frutti. A Granada, i volumi di questa stagione potrebbero potenzialmente aumentare fino al 50%".

"I calibri non saranno molto grandi e rimarranno piuttosto nella media. Ma questo non è negativo, poiché c'è un mercato limitato per le pezzature grandi, molto più di quello dei calibri piccoli, spesso consumati a livello locale".

"Alla Frutas Fajardo, iniziamo la raccolta il 1° settembre, più tardi rispetto a Malaga, che di solito inizia prima, intorno al 15-20 agosto. Ci piace ritardare un po' la raccolta in modo che i gradi Brix del frutto siano almeno superiori a 10-12 e i mango maturino perfettamente, perché è in questo che i nostri frutti locali possono davvero fare la differenza, rispetto a quelli importati. Se ci affrettiamo a raccogliere, i mango spagnoli non forniranno lo stesso valore aggiunto e non avranno quel vantaggio competitivo unico".

"Come al solito, in altre aree è stata raccolta e venduta all’asta frutta non matura, cosa altamente controproducente per tutto il settore. Se i primi lotti disponibili lasciano insoddisfatti acquirenti e consumatori finali, molti non torneranno ad acquistarli". Quindi la raccolta di frutti acerbi può essere molto dannosa per i mango domestici.

"Dobbiamo tener presente che in Brasile qualsiasi commerciante di mango può avere la stessa produzione dell'intera Spagna, e quest'anno temiamo addirittura che cercheranno di sfruttare la nostra situazione per prolungare la loro stagione, dal momento che non è andata bene. Ecco perché è anche importante comunicare al mercato che avere calibri più piccoli non è un problema", afferma Fajardo. "Infatti, in questo momento le casse da 4 kg di mango d’oltreoceano vengono venduti a 4-5 euro, con spese di trasporto, manodopera e cartone inclusi. Ma questi prezzi non coprono nemmeno i prezzi di produzione all'origine. Il prezzo dei nostri mango all'ingrosso varia invece tra 7 e 9 euro per cassa, quasi il doppio rispetto ai frutti d'oltreoceano".

"In questo periodo di siccità, è anche importante ricordare che le colture tropicali hanno un consumo di acqua inferiore rispetto ad altre materie prime, come banane o mele, frutti che consumiamo per tutto l'anno. Ma la frutta tropicale è stata oggetto di contropropaganda da parte di diversi gruppi, per quanto riguarda la sua impronta idrica. Bisognerebbe conoscere molto bene il processo di produzione di ciascun frutto prima di diffondere disinformazione e danneggiare un intero settore".

"La nostra cherimoya ha raggiunto il Qatar e Dubai"
Mentre i mango della Frutas Fajardo, la cui produzione in questa stagione ammonterà a circa 2.500 tonnellate, sono destinati al mercato interno e a quelli dell'Europa centrale, altri frutti tropicali prodotti dalla stessa azienda della costa tropicale, stanno varcando i confini e raggiungendo sempre più nuovi mercati.

"Quest'anno abbiamo esportato le nespole a New York e Miami, negli Stati Uniti e in Canada, e siamo rimasti molto sorpresi dalla risposta positiva del mercato. Per quanto riguarda la cherimoya, abbiamo raggiunto anche il Qatar e Dubai", afferma José Antonio Fajardo. "Infatti, il 70% della nostra produzione di cherimoya viene esportato e, tra i Paesi con la domanda più alta, abbiamo Germania, Francia, Polonia o Svizzera. Attualmente siamo uno dei più grandi commercianti di cherimoya in Europa".

"Quest'anno la campagna sta andando molto bene, con prezzi alti e una buona domanda, e la nostra produzione di cherimoya aumenterà da 2.000 a 3.000 ton". Come sottolineato da José Antonio Fajardo, questo deciso aumento è una conseguenza del fatto che c'è ancora un grande potenziale di crescita della domanda e Granada, la più importante area di produzione al mondo, vuole approfittarne. "Nell’anno in cui sono state prodotte più tonnellate di cherimoya, il consumo medio in Spagna non raggiunge nemmeno un chilogrammo pro capite. Ma vediamo che la domanda continua ad aumentare e potrebbe anche arrivare il momento in cui sarà maggiore dell’offerta".

Il trend dei consumi delle colture tropicali va in una sola direzione: al rialzo. "Finora abbiamo fatto solo una campagna nazionale, ma da settembre inizieremo a lavorare tutto l'anno con avocado e mango", afferma José Antonio.

Per maggiori informazioni:
Frutas Fajardo
Tel.: +34 958 64 40 92
info@frutasfajardo.com
www.frutasfajardo.com
LinkedIn: Frutas Fajardo


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto