Ne è convinto Pasqualesilvio Caprio presidente di Op Ager Campanus

Il futuro dell'agricoltura è il digitale

La digitalizzazione può ridurre la competizione che esiste tra i produttori, e di conseguenza la mancata aggregazione che esiste nelle varie filiere, migliorando il processo di produzione del cibo. Questo l'assunto da cui ha preso vita il progetto sulla digitalizzazione di Op Ager Campanus, in collaborazione con il dipartimento di Agraria dell'Università Federico II di Napoli.

In foto, da sinistra a destra: Silvio Diana socio più anziano dell'OP, Miranda Diana unica socia donna dell'Op, Pasqualesilvio Caprio presidente dell'OP, Francesco Caprio direttore commerciale dell'OP.

"Il progetto sulla digitalizzazione, che è ancora in via di sviluppo - spiega Pasqualesilvio Caprio, presidente dell'Op Ager Campanus - ha l'obiettivo di creare una vera e propria community, che coinvolga i vari operatori del settore, per permettere loro di comunicare, avere un maggiore aggiornamento sullo stato colturale, poter analizzare i dati, riuscendo a garantire un prodotto più fresco a scaffale, spuntando un prezzo giusto e remunerativo, e garantendo al contempo una maggiore tracciabilità dei prodotti".

"La cosa interessante è che questo progetto innovativo non trascura nessuna filiera alimentare. In collaborazione con la startup campana che lo sta sviluppando, abbiamo pensato di dedicare un'apposita area al consumatore, anche per poter fare educazione alimentare. Il progetto è ambizioso e all'avanguardia. La piattaforma, autofinanziandosi con le interazioni della community, potrebbe anche fungere da salvadanaio, creando così un fondo collettivo per l'aiuto ai produttori in caso di calamità naturali. Non si dovrebbe mai permettere che qualcuno getti via il proprio prodotto, a causa di altri che giocano al ribasso. Bisogna essere solidali tra noi e non farci la guerra, se vogliamo che i produttori resistano alle crisi e alle innumerevoli problematiche del settore".

Op Ager Campanus è nata nel 2017, grazie all'impegno profuso dal suo presidente Pasqualesilvio Caprio, che oggi ha 30 anni, e dalla sua famiglia. L'organizzazione di produttori dispone di due stabilimenti di confezionamento, uno ubicato a Sessa Aurunca (Caserta) di 1000 mq e l'altro a Caianiello (Caserta) di 2500 mq . Aggrega circa 40 soci produttori, per una produzione che investe una superficie di oltre 600 ettari nelle province di Napoli e Caserta.

Il core business dell'Op è principalmente la frutta, e in particolare pesche e nettarine di cui Ager Campanus movimenta oltre 5000 tonnellate. Per differenziare l'offerta produttiva, l'Op vanta una gamma completa di drupacee. Inoltre movimenta 2000 tonnellate di mele all'anno, principalmente Melannurca, ma anche Gala, Golden e Fuji. Nella stagione invernale sono disponibili anche fragole e cime di rapa.

Circa l'andamento produttivo e commerciale della frutta estiva, il presidente dice: "La campagna drupacee di quest'anno ci ha dato grandi soddisfazioni, anche grazie agli scarsi quantitativi di merce circolante in Europa, per via dei minori volumi di prodotto spagnolo. Le richieste da parte delle catene di supermercati sono state perciò interessanti. Negli ultimi 3/4 anni, le drupacee italiane stanno vivendo momenti migliori rispetto al passato. Noi siamo riusciti a garantire un minimo di 85 cent/kg per i produttori".

"La qualità di pesche e nettarine è ottima, grazie a un buon andamento climatico stagionale: non ci sono stati infatti particolari sbalzi termici né un'eccessiva piovosità. Volendo dare un giudizio su questa campagna, direi che possiamo considerarla ottima sia sotto il profilo produttivo che sotto quello commerciale".

In conclusione, Pasqualesilvio Caprio dice: "La raccolta della mela Gala è già cominciata, e tra poco si passeranno in rassegna anche alle altre varietà. I prezzi iniziali sono sempre soddisfacenti, il problema è che non si ha certezza della costanza delle quotazioni, e quindi dell'andamento di mercato. Quello che è sicuro è che prevediamo una sovrapproduzione. Lo scorso anno la campagna della Melannurca non diede molte soddisfazioni, generando molte giacenze, che sono finite all'industria, che ha remunerato poco i produttori".

Per maggiori informazioni:
O.P. Ager Campanus s.c.a.r.l.
+39 366 3301006 Presidente
+39 351 2673824 Dirett. commerciale
opagercampanus@gmail.com
www.opagercampanus.it


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto