Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Eddy Kreukniet, Exsa Europe:

"Dopo settimane di scarse esportazioni di arance verso l'Europa, il Sudafrica inizia a recuperare"

La stagione agrumicola di quest'anno è ancora una volta straordinaria. "Ci aspettavamo meno arance dal Sudafrica, ma nessuno prevedeva volumi così ridotti. Nelle ultime settimane, è stato inviato regolarmente in Europa solo il 50% dei volumi dell'anno scorso. Una differenza troppo grande per non far salire i prezzi alle stelle," esordisce Eddy Kreukniet della Exsa Europe.

"Ora stiamo assistendo a una correzione dei volumi e il Sudafrica sta recuperando terreno. Questo è positivo e necessario, perché abbiamo ancora una lunga campagna davanti, prima che arrivino volumi accettabili dalla Spagna. Attualmente, tutte e tre le aree di produzione sudafricane hanno buoni volumi disponibili. I prezzi sono ancora alle stelle, fino al 30% in più rispetto allo scorso anno".

"Il nostro settore è rimasto piuttosto sorpreso dai problemi che stanno causando i nuovi regolamenti sul trattamento a freddo richiesto per impedire l'ingresso della Falsa Cydia. Ci sono volute alcune settimane prima che tutti si abituassero ai nuovi regolamenti. Alcuni fornitori sono riusciti a gestirli meglio rispetto ad altri", continua Eddie.

"Ad esempio, i coltivatori del Capo Occidentale si sono già attrezzati per far fronte alle restrizioni del mercato nordamericano. Anche le autorità di controllo hanno passato le prime settimane a cercare di capire come affrontare queste normative. Gli interrogativi sono tanti, ma ora il mercato si sta adattando alle nuove regole".

Exsa Europe non ha avuto problemi con i rigetti dovuti alla mancanza del trattamento a freddo. "Ma ci sono stati dei ritardi, quindi la frutta è arrivata due o tre settimane dopo. Gestire tutto ciò richiede tempo ed energia. Durante quelle settimane abbiamo dovuto ridurre i nostri volumi a diversi retailer perché, semplicemente, non c’era disponibilità di prodotto. Ma questo problema ha riguardato tutto il mercato. L'aumento dei costi ha suscitato molto clamore. Solo il trasporto marittimo delle arance costa 1,50 euro in più rispetto allo scorso anno", spiega Eddy.

"Senza contare l'aumento dei costi energetici, di imballaggio e di altre materie prime. Si sta rivelando difficile trasferire questi aumenti di prezzo sui clienti, quindi il settore è sotto pressione. Attualmente, il problema logistico è più gestibile rispetto allo scorso anno, ma ciò potrebbe anche essere dovuto al 20-30% in meno di container inviati in Europa in questa stagione. La domanda è: come sarà la situazione logistica quando, in inverno, le navi saranno di nuovo piene?".

"Il mercato dei mandarini è stato eccezionale ad agosto. Di solito è un mese difficile per questi agrumi, ma probabilmente le vendite hanno tenuto per la minore offerta di frutta estiva proveniente dall'Europa meridionale. Anche la stagione dei mandarini d'oltreoceano promette di concludersi positivamente", afferma Kreukniet, che invece è meno ottimista sul futuro del pompelmo.

"Sembra che le persone mangino ogni anno sempre meno pompelmi. Ci sono, ovviamente, le vendite fisse ai retailer e all'Europa orientale, ma i volumi stanno diminuendo del 10-20% all'anno. I prezzi però non riflettono questo calo. Quest'anno sono anche inferiori rispetto alla scorsa stagione e questo sta diventando indubbiamente un problema per il settore".

"Ci aspettavamo molti limoni e un mercato a un livello più basso. In effetti è proprio quello che è successo con gli elevati volumi dal Sudafrica e dall'Argentina. Ora quei grandi volumi stanno lentamente diminuendo ma, nelle prossime settimane, dovremo far leva su tutte le risorse disponibili per tenere il passo", conferma Eddy

"Tra un mese arriveranno sul mercato Spagna e Turchia. Non vogliamo che ci sia una grande sovrapposizione di prodotti come l'anno scorso quando, a un certo punto, ha fatto scendere i prezzi tra i 5 e i 7 euro a cassa. Tuttavia, il mercato dei lime dal Sudafrica è andato molto bene ad agosto. È stato soprattutto guidato dall'offerta, il che ha portato a buoni prezzi", conclude Eddy.

Per maggiori informazioni:
Eddy Kreukniet
Exsa Europe
Tel.: +31 (0) 887 350 003
Cell.: +31 (0) 620 257 811
Email: info@exsaeurope.com   
Web: www.exsaeurope.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto