Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Brahim El Hasnaoui, Fleuron d’Anjou

Mercato alquanto attendista e vendite costanti per lo scalogno d'Anjou IGP

La cooperativa Fleuron d'Anjou prosegue la stagione dello scalogno iniziata quest'estate. Il suo direttore commerciale, Brahim El Hasnaoui, ci aggiorna sull'andamento della campagna dello scalogno tradizionale e dell'echalion, sulle specificità di ciascun prodotto e sul loro posizionamento sul mercato.


Raccolta degli scalogni / © Fleuron d'Anjou

Lo scalogno d'Anjou IGP: un gusto forte e corposo
Dal sapore più intenso rispetto al suo cugino da seme, lo scalogno tradizionale ha la particolarità di essere piantato e raccolto a mano. Primo scalogno francese a beneficiare del marchio ufficiale europeo IGP (dal 2015), il suo metodo di produzione e le sue qualità gustative gli sono valse persino il diritto di essere promosso e valorizzato dalla Confrérie des Amis de l'Echalote d'Anjou, che ogni luglio organizza una festa in occasione dell'inizio del raccolto.


© Fleuron d'Anjou 

Fleuron d'Anjou produce quasi 1.500 tonnellate di scalogno all'anno. "Viene tagliato a mano e iniziamo a essiccarlo per una decina di giorni nel campo. Una parte viene venduta e l'altra viene conservata in celle refrigerate per essere commercializzata fino a maggio-giugno dell'anno successivo. Se i produttori sono abituati a variazioni nella produzione, quest'anno i rischi climatici hanno segnato in modo significativo la campagna.

"Con il notevole deficit idrico della primavera e il clima molto caldo di giugno, lo scalogno non è cresciuto bene alla fine del ciclo, il che ha portato a molti piccoli calibri. Avremo quindi una resa inferiore, a parità di superficie piantata, cioè tra il 10 e il 20% in meno rispetto a un anno normale.

© Fleuron d'Anjou 

Al momento, lo scalogno tradizionale beneficia di una domanda piuttosto tranquilla. Il mercato è alquanto attendista e le vendite sono costanti", secondo Brahim. "Abbiamo terminato le scorte del vecchio raccolto molto presto, quindi non c'è stata sovrapposizione tra le due stagioni, a cui si è aggiunta una resa inferiore, quindi c'è una certa fluidità.  Ma è durante le festività che la domanda raggiunge i massimi livelli. Ci sono davvero due periodi chiave dell'anno per la commercializzazione dello scalogno tradizionale. Da novembre in poi iniziamo a prepararci per le celebrazioni di fine anno, con le operazioni di preparazione al Natale, e il secondo momento clou della stagione è naturalmente la Pasqua".

L'echalion si sta affermando nei ristoranti e sul mercato dell'export
Con 2.500 tonnellate prodotte ogni anno, Fleuron d'Anjou inizia la raccolta dell'echalion a inizio luglio. "Come lo scalogno, anche quest'anno dovrebbe avere lo stesso impatto sulla resa. L'echalion ha bisogno di acqua nella fase finale, allo stadio di bulbo, per formarsi e crescere, quindi avremo anche in questo caso calibri più piccoli".


© Fleuron d'Anjou 

"Da circa quindici anni, su alcuni mercati facciamo solo echalion. Se i ristoratori preferiscono l'echalion allo scalogno, è soprattutto per le sue dimensioni, ma anche per il suo prezzo".

"A differenza dello scalogno tradizionale, nella produzione dell'echalion tutto è meccanizzato, il che lo rende un prodotto più economico. Ma l'echalion sta guadagnando terreno anche oltre confine perché "in molti Paesi i consumatori non conoscono la differenza di gusto tra lo scalogno tradizionale e l'echalion, quindi preferiscono necessariamente il prodotto più economico".

Per maggiori informazioni
Brahim El Hasnaoui 
Fleuron d’Anjou
Tel.: +33(0) 241 530 480
Fax: +33(0) 241 536 712
Web: fleurondanjou.fr


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto